Sito web aziendale: scopri perché non hai nuovi clienti e vendite e come avere un sito che serve a qualcosa !



Quante volte hai desiderato avere migliaia di clienti che arrivano tramite il tuo sito web aziendale ? Ma attualmente hai la sensazione di sentirti invisibile, magari sono 20 anni che fai questo lavoro e se le cose non andranno meglio dovrai mollare tutto e tornare a cercare lavoro…

Stai cercando disperatamente una soluzione per avere nuovi clienti e aumentare le vendite o trovare nuovi clienti e non sai più a chi rivolgerti, ci hai già provato ed è andata male, hai speso un sacco di soldi, risultati zero e non ti fidi più di nessuno (purtroppo), ma tranquillo, in questa pagina ti farò vedere la soluzione hai tuoi problemi.

Attenzione: la logica che segue in tutto l’articolo non cambia indipendentemente che uno scelga di utilizzare WordPress per creare il sito o meno.

sito aziendale

Ma veniamo subito al punto, se stai pensando di farti creare un sito web per la tua azienda lo scopo dovrebbe, o forse è meglio dire DEVE essere trovare nuovi clienti o comunque aumentare i guadagni a seconda di cosa tratta/vende il sito web o vedendola più in generale, un sito web aziendale rappresenta un’opportunità di business (a parte rari casi).

Quindi una mattina ti alzi, apri Google e cerchi la parole chiave “agenzia per creare sito web aziendale” valuti diversi preventivi e ti fai realizzare il sito, bello, come lo volevi tu e ti senti soddisfatto…

…tanto soddisfatto che non vedi l’ora di avere a che fare con i nuovi clienti che arriveranno portando maggiori guadagni.

Poi passano i mesi e ti ritrovi seduto nella sedia del tuo ufficio e ti viene in mente del sito web aziendale che hai fatto realizzare e te ne ricordi perché non hai avuto nemmeno un contatto/vendita dal tuo sito.

In quel preciso istante ti dici: c***o ho fatto fare il sito apposta per aumentare il business della mia azienda e invece …!

Questo capita perché oramai il web è pieno di immondizia, di persone che si improvvisano esperti di “qualcosa” perché hanno fatto un corso sul web o perché riescono ad usare WordPress, le agenzie a cui ti sei rivolto ti dicevano sempre: no ma sa, noi siamo una agenzia conosciuta e abbiamo migliaia di clienti possiamo posizionare il suo sito in prima pagina e farle avere tantissime visite al sito bla bla bla bla, e tutto questo senza nemmeno sapere cosa tratta la tua azienda o che servizio/prodotto vuoi offrire, ma come è possibile ?

Perché non hai ottenuto quello che volevi ? cosa mancava ?

Forse manca aver un blog dove pubblicare articoli inerenti all’attività/prodotto ?

Ma no, forse è meglio pubblicizzare un po’ su Facebook ?!

No no oggi funziona bene Instagram…. !?!?

Te lo dico io cosa manca, un professionista che ti crei un sito aziendale e che ti spieghi quale strategia sia meglio usare con lo scopo finale di raggiungere il tuo obbiettivo qualsiasi esso sia !

La maggior parte dei pseudo professionisti chiede a te cosa vuoi e se ne sta zitto assecondando semplicemente le tue richieste, ti fornisce un preventivo, riceve l’acconto, te lo realizza, riceve il saldo e ciao grazie. (La “questione” funziona meglio se sei tu ad ascoltare il professionista e non il contrario, fidati.)

Ma questo dipende anche da te, imprenditore super esperto in quello che fai ma che forse di siti web e internet ne capisce quanto io ne capisco di pescare al polo nord.

Se tu non ti prendi la briga di informarti almeno per le cose basilari riguardo la SEO e al posizionare siti web nei motori di ricerca e tutto quello che ci gira intorno qualsiasi persona/agenzia a cui ti rivolgerai potrebbe rifilarti quello che vuole, come vuole e farti spendere anche quello che vuole, ecco perché io consiglio sempre e ripeto sempre, di investire 40 miseri euro per farsi 1 ora di consulenza con il sottoscritto per non ritrovarti con un pugno di mosche in mano.

Quindi se hai intenzione di farti creare un sito web per la tua azienda di seguito ti aiuto a capire come non essere “fregato” e come capire se la persona/agenzia alla quale ti sei rivolto per la creazione del sito web aziendale sia veramente professionale o evitarla come la peste, i consigli più importanti per partire con il piede giusto e due esempi concreti di siti aziendali.

Prima però lascia che ti dica una cosa, nel web vedo centinai di siti web aziendali creati alla “cazzum” specialmente quelli creati da “amici, sorelle, cugini, parenti, amici di amici” e non riesco a capire per quale motivo un imprenditore (o che si definisca tale) si faccia realizzare un sito per la propria azienda da persone che di lavoro fanno tutt’altro, poi è chiaro che i risultati sono pari allo zero, l’unica cosa positiva è che magari l’amico ti avrà chiesto solo di offrigli una pizza, anche se a volte si spende di più con “l’amico”.

Insomma, un sito web, specialmente quando parliamo di siti web aziendali, deve portarti un ritorno in qualche modo altrimenti che diavolo lo fai a fare ???? Fai a meno, fai quello che hai sempre continuato a fare risparmi anche soldi, oppure pensa ai volantini porta a porta di sicuro avrai più risultati.

E tu mi dirai, ok Fausto ma io non sono esperto in questo campo ho trovato una persona/agenzia e pensavo di potermi fidare e invece…!

Lo so, al giorno d’oggi non è facile districarsi nel mare immenso del web ma se conosci le basi diventa molto più facile.

Lascia che ti dica i 5 pilastri che sono alla base e devono essere tenuti in considerazione prima di ogni sito web da realizzare, anche se al giorno d’oggi per avere risultati nel web sembra che basti semplicemente installare WordPress con un bel tema un plugin per la SEO e il gioco è fatto, poi invece le statistiche parlano chiaro, ovvero che il 60% dei siti web chiude nel primo anno.

1) Obbiettivo

2) Strategia

3) Concorrenza

4) Nome dominio

5) Budget

Poi ci sono anche altri aspetti che io considero gli “aiuta pilastri” ovvero individuare il desiderio dei tuoi clienti e soddisfarlo, ma è un discorso a parte che va valutato a seconda del servizio/prodotto che tratta l’azienda.

Ma principalmente tieni a mente una cosa importantissima, per vendere non serve creare dei bisogni ma serve soddisfare i desideri delle persone che ne hanno già a centinaia basta solo capire e trovare quali per soddisfarli.

Sei pronto ?

L’obbiettivo

Per il momento lasciamo da parte la questione budget, le vedremo più avanti, parliamo di una questione tra le più importanti ovvero: l’obbiettivo!

L’obbiettivo è la base di tutto ma che va di pari passo con la strategia che si vuole intraprendere.

Stiamo parlando di un sito web aziendale e i casi possono essere di un’azienda che è già presente e avviata da diverso tempo o di un’azienda appena nata/sconosciuta, anche solo questo fatto DEVE determinare una strategia per forza di cose diversa.

Quindi ad esempio:

1) Per quale motivo vuoi aprire un sito aziendale ?

2) Quale strategia vuoi utilizzare ?

3) Vuoi far conoscere il tuo brand ?

4) Devi vendere un prodotto specifico ?

5) Vuoi avere più richieste di preventivo ?

6) Vuoi vendere/avere clienti in una regione/provincia/zona specifica ?

7) Trovare clienti interessati solo ad essere ricontattati da un commerciale ?

Solo quando hai definito in modo chiaro il tuo obbiettivo potrai pensare ad una strategia e dopo aver analizzato questi 2 punti si struttura il sito aziendale in modo adeguato e NON il contrario.

Se non sai quale strategia utilizzare perché non ne capisci niente ecco che ti aiuta l’obbiettivo, se ad esempio vuoi far conoscere la tua azienda a futuri clienti perché appena nata sarebbe più utile pubblicizzare con Facebook, viceversa per un’altro obbiettivo potrebbe essere meglio pubblicizzare con Adwords, oppure a seconda del budget sarebbe buona cosa per un’azienda pensare a LinkedIn.

Ma c’è anche un’altro aspetto da considerare, magari hai un budget limitato e prima di pensare alla pubblicità a pagamento vuoi un sito web aziendale che venga “semplicemente” trovato nei motori di ricerca, magari avendo buoni risultati potrai iniziare ad avere guadagni che ti permetteranno di investire anche in pubblicità.

L’unica cosa sicura in questo caso, è che puntare nel posizionamento naturale organico nei i motori di ricerca sarà più lento che pubblicizzare.

Ecco che qui entra un gioco il fattore che io chiamo: “concentrato” che alcuni confondo con i “siti di nicchia” !

Nel mondo ci sono più di 1.7 miliardi di siti web mentre in Italia si parla di oltre 3 MILIONI, quindi se non usi delle accortezze per cercare di emergere non ce la farai mai a meno che tu non abbia un buon capitale ma a volte anche con un buon capitale si possono fare dei grandi buchi nell’acqua!

Quali sono le accortezze ? con un numero cosi alto di siti web l’unica accortezza utile per iniziare con un budget limitato è cercare di concentrare i propri sforzi e il proprio budget nelle cose che ti portino dei risultati tangibili.

Sito web “concentrato” per quelle poche cose che servono e portano valore, che specifica in modo chiaro cosa tratti, navigabilità semplice e veloce, servizi offerti e contatti ben chiari e visibili, focalizzato per intercettare la domanda riferita ai tuoi servizi/prodotti ma che non si debba scontrare con un’alta concorrenza. (vedi l’esempio riportato più sotto di un sito web che funziona)

Focalizzare e concentrare il sito e il contenuto per l’obbiettivo prefissato, scegliere un nome dominio corretto, scrivere contenuto utile e ottimizzato per parole chiave e argomenti atti a scalare i motori di ricerca in modo organico per raggiungere l’obbiettivo prefissato.

Attenzione a non fraintendere, scalare i motori di ricerca arrivando anche in prima posizione in prima pagina su Google non vuol dire contatti o vendite garantite, dipende anche da quello che vuoi vendere/offrire, dal prezzo, dal brand e molti altri fattori e naturalmente dalla concorrenza.

Se un professionista che si definisce tale o un’agenzia che dovrà realizzare il sito non ti parla di questi aspetti vuol dire che non gli interessa farti raggiungere il tuo obbiettivo ma solo incassare i soldi del preventivo, lascialo perdere.

Se invece hai intenzione di farti realizzare un sito con un budget limitato, specialmente in caso di sito aziendale, e speri che i clienti ti piovano dal cielo perché hai un sito web lascia perdere butterai via solo i soldi.

La strategia marketing

Qualunque professionista serio che crea siti web aziendali non ti chieda (assieme al tuo obbiettivo) quale sia un’eventuale strategia marketing che hai in mente o non ti ne consigli una specifica per attirare clienti al tuo sito web, è semplicemente un ciarlatano.

Indipendentemente che tu sappia o meno cosa sia una strategia marketing.

Lo ripeto, creare un sito web aziendale presuppone la possibilità di avere dei ritorni in fatto di visite/clienti/vendite quindi il lavoro di un professionista che ti deve creare il sito web non può solo limitarsi nel crearti il sito e basta, deve fornirti gli imput giusti per almeno indirizzarti nella strada giusta e fornirti un sito web che ti permetta di raggiungere l’obbiettivo.

Se hai poco budget c’è poco da fare, non puoi investire in pubblicità Facebook, o in Adwords o altre forme pubblicitarie, cosa ti resta ? riuscire ad apparire nei motori di ricerca con le parole chiave che rispecchiano la tua azienda/servizio/prodotto etc…

…e con la quantità enorme di siti che ci sono nel web la soluzione migliore è senza ombra di dubbio concentrarsi nelle piccole cose e lasciare le grandi cose a chi ha capitali e risorse umane. Come scrive un esperto in questo campo: è meglio essere un grande pesce in un lago che un piccolo pesce nell’oceano.

Avessi mai trovato un’azienda che mi chieda di essere la più conosciuta nella propria regione, oppure solo nella propria provincia, tutte a pensare all’Italia intera ed a trovare più clienti possibili in tutta Italia, poi si scontrano con la realtà dei fatti, con aziende che hanno già monopolizzato alcuni territori per non parlare di altri siti già esistenti e per di più vogliono il sito fatto come dicono loro perché “è quello che ci serve”.

Al giorno d’oggi nel web le aziende che vogliono essere visibili ovunque rischiano di non esserlo da nessuna parte, a meno che dispongano di budget elevati per la pubblicità.

Quindi come fare per apparire nei motori di ricerca per le parole chiave che interessano la tua azienda ?

Se hai poco budget la miglior cosa è scegliere il nome dominio che contenga la parola chiave che a te interessa e che rispecchia il tuo obbiettivo e scrivere contenuti, scrivere contenuti, scrivere contenuti e lo ripeto ancora, scrivere contenuti, ovviamente ottimizzati per quella parola chiave e per l’argomento/prodotto/servizio trattato dall’azienda per portare il cliente a compiere l’azione che desideri.

E per farlo qual’è la strategia migliore ? bhè come detto prima, con la quantità enorme di siti che ci sono nel web è senza ombra di dubbio concentrarsi nelle piccole cose e lasciare le grandi cose a chi ha capitali e risorse umane.

Se invece hai possibilità di investire capitale, almeno sopra i 10 mila euro allora il discorso cambia si può decidere quanto capitale destinare ad una cosa e quanto ad un’altra cercando di capire a seconda di quello che offri e del tuo obbiettivo quale servizio pubblicitario sia meglio utilizzare oppure fare anche a meno della pubblicità a pagamento.

Un po’ di analisi della concorrenza la vuoi mettere ?

Ti è mai capitato di avere un’idea, magari seduto sul divano a casa e subito dopo ti ritrovi su internet a cercare se ci siano altri che abbiano avuto la tua stessa idea e di ritrovare migliaia di risultati di siti web che già l’hanno messo in pratica ?

Bhè, eccoti spiegato in modo semplice la concorrenza LOL

Quindi è inutile creare un sito web aziendale per cercare di raggiungere uno scopo senza prima essere a conoscenza della concorrenza che dovrai affrontare per decidere come procedere.

A seconda della concorrenza puoi mettere in campo strategie diverse e potrai anche realizzare il sito stesso in modo diverso, spendendo anche cifre diverse.

Anzi oserei dire che a seconda della concorrenza sei obbligato a mettere in campo strategie diverse!

Quindi se avrai a che fare con chi realizza siti web aziendali devi per forza sentir parlare anche di questo argomento altrimenti avrai buttato i tuoi soldi e il tuo tempo.

Cosa ti serve per battere la concorrenza, a parte i grossi capitali da poter investire ?

Ti serve focalizzare e concentrare il più possibile il tuo sito web aziendale per scalare i motori di ricerca in modo organico senza investire in marketing, utopia ? no ci sono migliaia di siti che seguendo criteri logici con risultati sbalorditivi.

Ci sono anche aziende che vendono prodotti fisici che hanno scelto di creare vari siti web aziendali, 1 per ogni prodotto specifico, con il nome dominio del nome del prodotto stesso, inserito contenuti appropriati e in men che non si dica hanno visto il sito in prima pagina nei motori di ricerca per utenti interessati a quel prodotto e le vendite o le richieste di preventivi schizzare alla stelle. (sotto riporto un esempio)

Questo sempre con le dovute analisi di concorrenza, di ricerca mensili basate sulla Keywords interessata etc.

Dopo le dovute analisi e considerazioni NON è affatto detto che sia cosi una buona idea aprire un sito web aziendale o meglio, il sito si può aprire ma i risultati sperati non arriveranno mai, perché dipende, dipende e dipende….!

Il nome del dominio aziendale ?

Parliamo del nome dominio aziendale, non hai idea delle schifezze di nomi dominio che vengono scelti, nomi completamente inutili, senza senso, per non parlare di nomi dominio con parole in inglese solo per gusto personale ?!

Hai un budget ridotto e vuoi scegliere il nome del dominio che piace a te con parole che non centrano nulla con quello che tratti ??

Sei liberissimo di farlo però non ti lamentare se poi nessuno ti trova nei motori di ricerca.

Giusto nei giorni scorsi una ragazza voleva creare un sito aziendale per vendere delle creme ma voleva un nome dominio con il nome dell’azienda, ok si può fare ma la strategia deve essere per forza di cose diversa anche a seconda del budget che hai a disposizione.

Sicuramente se il brand (come in questo caso) non è conosciuto, difficilmente le persone ricercheranno il nome del tuo brand nei motori di ricerca non trovi ? è impossibile, non lo conosce nessuno !

Sia chiaro, il nome dominio ha una rilevanza importante ma non sempre determina il posizionamento di un sito web, dipende dall’obbiettivo, dalla concorrenza, da un’eventuale strategia del contenuto del sito…

Poi avere il più bel nome dominio del mondo ma se dentro ci inserisci solo spazzatura….

Diverso invece se avessi pensato di scegliere il nome dominio che piace (solo a te) ed integrare una strategia per portare utenti al sito che ovviamente include anche un budget da destinare a questo.

Attenzione, anche per la scelta del nome dominio dipende sempre dall’obbiettivo, dalla strategia e anche dal budget, non è sempre d’obbligo scegliere un nome dominio con parole chiave al suo interno, se devi rappresentare il nome del brand c’è poco da scegliere ma….

…la strategia dovrà essere per forza di cose differente e di sicuro se hai un budget limitato ti restano poche strade per far conoscere il brand ovvero scrivere contenuti dalla mattina alla sera, farlo conoscere nei social, a seconda dei casi anche Instagram, LinkedIn, etc.

Quindi anche in questo caso, se con il pseudo professionista alla quale hai deciso di rivolgerti non accenna una discussione sulla scelta del nome dominio è chiaro che al pseudo professionista interessa solo avere i tuoi soldi e il resto è affare tuo.

Non ti chiede mai nessuno quanto budget hai disponibile ?

Le uniche volte che ho avuto la fortuna di sentirmi dire fin dall’inizio il budget disponibile per creare un sito web aziendale con relativo obbiettivo e strategia è stato con imprenditori che sapevano bene come funziona il mondo e abbiamo avuto risultati ottimi.

Quasi tutti a questa domanda “quanto budget avete a disposizione?” rispondo con la solita risposta: è lei che me lo deve dire ! (comprensibile da un certo verso)

Sapessi quanto sarebbe utile, ma credimi più per te che per me, sapere fin da subito di quanto è il tuo budget da investire.

Personalmente mi cambierebbe pochissimo saperlo, tu mi chiedi la realizzazione di un sito web per la tua azienda, ti invio il preventivo, ti realizzo il sito e ciao grazie.

Sapendo il budget invece potrei consigliarti di fare il sito in un certo modo perché con il budget che hai sono quelli i risultati che puoi ottenere, con un budget maggiore ad esempio potremmo strutturare la cosa con un sito web e una strategia marketing da integrare completamente diversa che porterà risultati per la TUA azienda/progetto, capisci ?

Se hai pochi soldi da investire, ovvero sei hai poca “potenza di fuoco”, non potrai mai raggiungere i risultati di chi ha budget considerevoli da destinare al progetto, questo mi sembra fuori discussione non sei d’accordo ?

Quindi cosa resta ? resta focalizzare il più possibile la tua strategia per il tuo obbiettivo focalizzando e utilizzando le poche risorse che hai nel miglior modo possibile.

E come poterlo fare ?

Bhè è semplice, elimina tutte le minkiate che non ti servono a nulla che spesso e volentieri vedo sempre presente nei siti web e che alla fine fanno solo più male che bene.

È come quando vai al supermercato perché a casa non ti è rimasto niente da mangiare e ti sei accorto che hai solo 5 euro in tasca, che fai ? Ti dirigi dritto nel reparto della pasta compri gli spaghetti e una bottiglia di pelati; semplice, efficace e veloce proprio come dovrebbe essere un sito web in generale. (a parte l’esempio che ho utilizzato ma è venuto in mente questo)

Per esempio, hai presente quelle sezioni blog di siti aziendali che quando ci clicchi ti ritrovi nella sezione del blog con un solo articolo al suo interno dal titolo “articolo di esempio” ? Articolo lasciato la da anni e anni che nessuno ha mai avuto tempo di sistemare. Ecco, tipo queste situazioni.

Cosa diavolo la fai a fare una sezione Blog se poi dentro non ci pubblichi niente di interessante per i tuoi utenti/clienti ?

Vogliamo anche parlare della tanto amata pagina Facebook ? che quando vai a vederla al suo interno ci trovi 90 followers e magari anche con articoli fermi al 2016 ?

Ti sembra che una pagina Facebook così mantenuta faccia bene alla tua azienda ?

Fai prima a cancellarla e dedicare il tuo tempo ad altro non trovi ?

Quindi per farla breve, concentra tutto quello di cui tratta la tua azienda in un sito web aziendale semplice, facile da navigare e gestire, facile da capire con un elenco menu chiaro e preciso di servizi offerti e sopratutto focalizzato a raggiungere un obbiettivo con una strategia precisa e pianificata.

Vedrai che in questo modo non ti serviranno nemmeno chissà quali capitali da investire e avrai degli ottimi risultati, ma diversamente, se hai un buon budget si possono ottenere risultati migliori e in più breve tempo.

Vuoi un esempio di un sito web aziendale che funziona ?

Ok Fausto, tante belle parole ma qualche prova chiara che quello che fai e dici funziona ?

Ecco bravo, parliamo di cose serie, vediamo un esempio concreto di un sito web aziendale che funziona.

All’epoca quando iniziai con queste strategie molti ridevano di me e mi davano dell’incompetente, ma invece adesso vendendo i risultati…!

Il sito pratichedigitel.it a mio modo di vedere (e dai risultati) rispecchia in modo perfetto quello che sto cercando di dirti, la soluzione hai tuoi problemi, come per l’esempio del supermercato, semplice, efficace e veloce:

1) Appena entri nel sito capisci subito di cosa tratta e cosa offre

2) Nel menu sono ben chiare le sezioni da navigare per ogni servizi

3) È molto semplice e non ha richiesto chissà quali investimenti

4) Non richiede chissà quale investimento di tempo per la gestione

5) È di una velocità di caricamento estrema

6) Nei motori di ricerca ha sbaragliato quasi tutta la concorrenza

Il sito risulta sempre in prima pagina e in alcuni casi in prima posizione per la Keywords più importanti riferite all’obbiettivo del sito web che è quello di avere clienti interessati a servizi di gestione per pratiche in camera di commercio e presso enti pubblici

Lista Keywords da ricercare su Google e risultati:

1 – pratiche camera commercio (pagina 1 posizione 2 su 4 milioni di risultati)
2 – pratiche societarie (pagina 1 posizione 1 su 11 milioni di risultati)
3 – agenzia pratiche telematiche (pagina 1 posizione 1 su 1 milione di risultati)
4 – agenzie pratiche previdenziali (pagina 1 posizione 1 su 1 milione di risultati)
5 – agenzie pratiche bilanci (pagina 1 posizione 1 su 4 milioni di risultati)
6 – agenzia pratiche enti pubblici (pagina 1 posizione 4 su 5 milioni di risultati)

Però attento, non è stato deciso di creare il sito, di scegliere le Keywords e come strategia puntare solo al posizionamento organico nei motori di ricerca.

L’azienda, una srl, era già attiva e lavorava da diversi anni quindi di budget ha disposizione da investire ne aveva, ma dopo un’analisi della concorrenza per i servizi trattati e che voleva fornire l’azienda si è visto che le possibilità c’erano, ovvero la concorrenza era bassa e che prima di pensare ad investire in pubblicità valeva la pena puntare nel posizionamento organico seguendo certi criteri e cosi è stato fatto, con i risultati riportati sopra.




Ci sono stati titolari di aziende che avendo visto questo sito di esempio che gli ho fornito come riferimento mi hanno risposto che per la propria azienda non rispecchia i canoni estetici desiderati…

…e questo da un punto di vista “aziendale” lo posso capire ma la questione al giorno d’oggi, con i milioni di siti web che ci sono nel web e con tutta la concorrenza attuale, è sempre la stessa, ti interessa avere clienti e vendere o ti interessa un sito web così come lo vuole il commerciale oppure il consulente immagine ?

Si Fausto, questo punto lo posso comprendere, ma capirai anche tu che siamo un’azienda e dobbiamo anche rispettare certe condizioni di “stile”.

Si, certo che lo capisco, ma in questo caso la differenza la fa solo il budget che hai a disposizione che ti servirà per una strategia marketing mirata, fine !! Non esistono scorciatoie capisci ? A meno che tu non tratti un prodotto/servizio che non fornisce nessuno…

Quindi se non hai soldi da investire per una strategia marketing per un sito web aziendale fatto come vuoi tu o “come serve alla tua azienda” lascia stare perché sarà un buco nell’acqua a meno che a te non interessi un sito aziendale per farlo vedere ad amici e parenti.

Un sito web aziendale che non “funzionerà” ?

Un giorno di 3 mesi fa mi contatta un titolare di azienda per sistemi antincendio autoalimentati e mi dice:

Salve Sig. Melis ci serve un sito istituzionale copia del sito madre (bonpet.si) per l’Italia (bonpet.it)

E allora comincio con le domande di rito, l’obbiettivo che avete in mente ?

Risposta: mah, ci serve un sito istituzionale per l’immagine dell’azienda in Italia, cosi se un cliente ci chiede se abbiamo un sito web almeno puoi avere una “parvenza” di azienda seria con un sito web.

Ok, avete definito il vostro obbiettivo anche senza saperlo, però gli rispondo, sarete a conoscenza fin dall’inizio che con quel sito cosi come lo volete e senza marketing lo visiteranno appunto solo i clienti a cui darete l’indirizzo oppure chi vi cerca nei motori perché già conosce il marchio Bonpet…

In questo sito non hanno puntato nel scrivere contenuti, non hanno scelto di mettere in risalto in home page le proprietà del prodotto, non è stato scelto di utilizzare una strategia marketing, nessuna possibilità di vendita diretta online, insomma, in questo modo non puoi pretendere chissà che cosa no ? La cosa importante è che tu ne sia a conoscenza e che l’obbiettivo fin dall’inizio era questo.

Ricapitolando:

Se vuoi capire se il professionista a cui ti stai rivolgendo sia tale devi sentir parlare di:

1) Obbiettivo
2) Strategia
3) Analisi concorrenza
4) nome dominio
5) Budget

1) Ricorda di inserire la parola chiave che rispecchia quello che tratterà il tuo prodotto/servizio nel nome dominio.

Può essere inserito anche il brand/nome aziendale assieme alla parola chiave vedi pratichedigitel.it

Se devi usare un nome dominio che non contiene parole chiave sappi che dovrai pensare ad una strategia per portare gli utenti a visitare il tuo sito web, che non necessariamente deve essere pubblicità a pagamento, ad esempio può benissimo essere una sezione blog dove scrivere articoli riferiti al tuo scopo/servizio/prodotto…

…ma ricorda, evita di aprire una sezione Blog e di poggiare la tua strategia in esso se non avrai tempo e risorse per scrivere contenuti in modo costante.

2) Prima di farti fare preventivi a caso senza sapere nemmeno tu quello che vuoi, chiarisciti le idee sull’obbiettivo principale, vuoi vedere più prodotti della tua azienda ? vuoi avere più richieste di preventivo ? vuoi offrire servizi specifici a clienti specifici ? Vuoi raccogliere una lista email ? etc.

3) Definisci subito in modo chiaro quanti soldi sei disposto ad investire per raggiungere il tuo obbiettivo, è chiaro che più puoi investire e più hai possibilità di diversificare la strategia e raggiungere prima e meglio la vetta della montagna.

4) Se parti con la tua idea di sito web aziendale ma non sai con chi ti dovrai confrontare ti farai veramente male oltre che ad aver buttato i soldi nel cesso.

Forse tu non mi crederai ma ci sono ancora oggi persone che mi chiedono di realizzare siti aziendali simili a Booking con budget di mille euro.

Ok magari la tua esperienza in fatto di sapere i costi che servono per realizzare un sito web anche simile a Booking è pari allo zero, ma se non riesci a capire che in quel campo dovrai scontrarti con giganti appunto come Booking o Agoda la vedo brutta…!

PS: Ricorda che non basta avere un sito web aziendale per “vendere qualcosa”, questo è solo il primo passo importante, poi c’è la comunicazione, la fidelizzazione, il supporto etc. etc., in termini tecnici la conversione.

Ma la conversione può essere “calibrata” anche dopo, a seconda dei risultati che ottiene il sito web in fatto di visite, da quali pagine/articoli l’utente arriva nel sito etc. etc.

Quindi per fartela breve e dirtela in modo chiaro, se non ti informi un po’ prima e la tua voglia sta solo nel farti fare preventivi un po’ a caso da 4/5 agenzie o professionisti diversi ti sta anche bene quello che ti capita e avrai capito di aver buttato i soldi.


Ultime considerazioni e riflessioni:

Adesso prenditi 5 minuti e prova a pensare a chi ti vuole vendere un sito web aziendale al costo fisso di 500 euro, oppure sito web aziendale al prezzo stracciato di 200 euro con 20 pagina incluse, qualcuno ci aggiunge anche “incluso ottimizzazione SEO” e rifletti su questo:

1) Vorrei affidarmi a questi personaggi chiedendogli la realizzazione di un sito simile a quello di Booking e vedere cosa riescono a fare con 500 euro…

2) Non sai nemmeno il mio obbiettivo, come puoi crearmi un sito che avrà risultati senza sapere a cosa mi serve !?!? Sarebbe come comprare un paio di scarpe a scatola chiusa senza sapere se mi servono per andare a correre oppure per un matrimonio ?!?!

3) Non hai la più pallida idea con quale concorrenza dovrò scontrarmi, quindi facciamo lo stesso ? ma si dai proviamo….

4) Ottimizzazione SEO ? se la concorrenza è altissima specie per le parole chiave che mi interessano la SEO senza altre considerazioni/strategie non ti servirà a una beata….

Prova a pensare anche a chi magari sta tentando di rifilarti un corso SEO per centinaia di euro dicendoti che avrai risultati miracolosi e rifletti su questo:

  1. Non sa nemmeno cosa tratta la mia azienda come può sapere i risultati che avrò ?
  2. Non sa quanta concorrenza c’è per quel prodotto/servizio che fornisco, quindi le SEO potrebbe non servire a raggiungere lo scopo.
  3. Ci sono siti ecommerce che ho gestito personalmente che fatturano milioni di euro all’anno senza ne utilizzare ne sapere cosa sia la SEO !


Adesso finalmente ti sei deciso ad affidarmi la realizzazione del tuo sito web aziendale ?

Bhè, se hai deciso affermativo sei caduto bene perché ti ho già fornito le prime linee guida, un esempio di un sito che ho realizzato che ha ottenuto risultati ottimi che è quello di avere più clienti, questo grazie anche al cliente che si è fidato di me.

Ricorda:

– Potrai avere il miglior prodotto/servizio rispetto alla concorrenza
– Potrai essere uno dei maggiori esperti nel tuo campo
– Avere un’azienda con storia ventennale
– Il miglior servizio clienti
– Un sito con un design bellissimo

Ma se nessuno trova e visita il tuo sito web, averlo fatto realizzare risulterà inutile.

Creare un sito aziendale non serve a nulla, creare un sito aziendale dopo aver valutato obbiettivo, concorrenza e pianificare una strategia fa la differenza tra successo e insuccesso !

Nel frattempo stai perdendo un sacco di clienti e vendite lo sai vero?

Cosa altro ti serve ? Un preventivo ?



Vuoi crearti un sito web aziendale con WordPress da solo ?

Se hai deciso di non darmi da lavorare e la tua idea è quella di creare il tuo sito web aziendale con WordPress in autonomia di seguito ti elenco gli strumenti che ti servono per farlo e come procedere.

1) La prima cosa assolutamente da sapere è la differenza tra wordpress.org e wordpress.com

2) La seconda cosa da fare è leggere l’articolo dove spiego che cos’è WordPress e come funziona.

3) Ovviamente come detto prima ti serve un nome dominio, che nella maggior parte dei casi viene incluso assieme all’acquisto di un servizio hosting e secondo il servizio hosting scelto è incluso gratuitamente per sempre oppure per il primo anno.

4) Per chiarirti meglio le idee c’è un articolo moooolto lungo che spiega per filo e per segno quale e come scegliere un servizio hosting per un sito con WordPress.

5) Il passo successivo è leggere la guida che spiega come installare WordPress.

6) Il passo finale è leggere la guida che spiega come creare un sito con WordPress.

6) Qui alcuni consigli sul perché utilizzare sempre temi professionali per WordPress e dove acquistarli.

Se invece vuoi affidarti al sottoscritto, tranquillo, parleremo di obbiettivo, strategia e concorrenza ti basta richiedere un preventivo o ancora meglio chiamarmi al telefono.






Vietata la Riproduzione.
Protezione Copyright

Sito web aziendale: scopri perché non hai clienti e vendite! ultima modifica: 2019-12-09T18:50:04+01:00 da Admin-Fausto

Lascia un commento