SEO On Page WordPress: la guida in italiano su cos’è, come funziona e come si fa.

La SEO on-page è fondamentale per l’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) perché aiuta Google a capire di cosa tratta ogni contenuto del tuo sito web. Migliore è la comprensione da parte di Google dei tuoi contenuti, maggiore sarà la tua posizione nella ricerca, il che significa più traffico organico, conversioni ed entrate. Ancora meglio, la SEO on-page migliora l’esperienza dell’utente se lo fai nel modo giusto.





In questa guida SEO on-page passo dopo passo, spiegherò le migliori pratiche di ottimizzazione specifiche della pagina più importanti che dovresti implementare e perché sono fondamentali per la tua strategia SEO complessiva .

SEO On-Page cos’è ?

SEO on-page (ottimizzazione dei motori di ricerca) si riferisce al processo di ottimizzazione delle pagine del tuo sito per migliorare il posizionamento e l’esperienza dell’utente.

È un nome generale per la combinazione di un insieme di tecniche SEO e di contenuto che ruota attorno all’ottimizzazione delle singole pagine. Questa pratica include contenuto, ma anche meta-tag, titoli, collegamenti e anchor text e altro ancora.

Devi elaborare strategie su come tutti questi elementi funzionano insieme e su come assicurarti che funzionino per le persone e per i motori di ricerca.

La SEO on-page è cambiata molto dall’avvento dei motori di ricerca, mentre alcuni dei fondamenti rimangono sempre gli stessi. Avere una competenza di base nella SEO on-page mentre si tiene il passo con le nuove tecniche è molto importante per mantenere il proprio vantaggio competitivo.

La SEO on-page è la pratica di ottimizzare gli elementi delle pagine web per la SEO (Searh Engine Optimization), ma è più complicata di quanto si possa pensare.

Questo è l’opposto della SEO off-page, che si riferisce all’ottimizzazione per gli elementi al di fuori del tuo sito. Questo può includere backlink o citazioni sui social media.

seo on page wordpress




Gli elementi della SEO on-page includono:

  • Tag del titolo
  • Meta descrizione
  • Collegamenti interni
  • Codice HTML
  • Ottimizzazione degli URL
  • Contenuti in pagina
  • Immagini
  • Esperienza utente (UX)

Senza perdere altro tempo, addentriamoci più in profondo nel mondo della SEO on-page.

Perché la SEO on-page è così importante

Google evolve costantemente il suo algoritmo di ricerca. Nel 2021 ha eseguito 800.000 esperimenti e aggiornato il suo algoritmo di ricerca più di 5.000 volte.

Eppure, nonostante i suoi continui miglioramenti, non è perfetto. Google ha ancora bisogno di aiuto per comprendere nuovi contenuti. È qui che entra in gioco l’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) on-page.

Inoltre, Google dà la priorità all’esperienza dell’utente , quindi è fondamentale considerare le pratiche SEO on-page nella tua strategia generale.

Una pagina ben ottimizzata aiuta anche Google a capire di cosa tratta il contenuto, il che lo aiuta a organizzare e posizionare la tua pagina. In sostanza, stai aiutando Google a svolgere meglio il suo lavoro.

Secondo Google , “il segnale più elementare che fa capire che le informazioni sono rilevanti è quando il contenuto contiene le stesse parole chiave della query di ricerca”

C’è una linea sottile però. Non vuoi e non puoi  riempire il contenuto solo di parole chiave o ignorare la qualità dei contenuti. Tuttavia, Google sta ancora prendendo in considerazione le basi quando classifica le pagine.

Quindi, con questo in mente, diamo un’occhiata alle migliori pratiche SEO specifiche sulla pagina.

SEO on-page come funziona e come si fa?

È la stessa checklist SEO on-page che uso per scrivere ogni articolo sul mio blog.

La maggior parte non ha nulla a che fare con Yoast SEO, infatti  ignoro la maggior parte dei consigli di Yoast poiché pongono troppa enfasi sulla  densità delle parole chiave  e non abbastanza sui  reali fattori SEO on-page .

Invece, mi concentro sulla ricerca di una parola chiave a coda lunga che abbia una bassa concorrenza nei risultati di ricerca di Google, quindi sulla creazione di contenuti approfonditi organizzati con un  sommario  e una bella grafica. Parlo anche di strategie meno conosciute come il targeting delle variazioni di una parola chiave, l’ottimizzazione del sommario per ottenere gli  snippet in primo piano di Google e la formattazione dei contenuti correttamente su Facebook/Twitter (usando Yoast).

Questi sono tutti  suggerimenti attuabili  che miglioreranno la tua SEO on-page per WordPress.

  1. Trova una parola chiave a coda lunga
  2. Impara la concorrenza delle parole chiave
  3. Trova varianti di parole chiave
  4. Scrivi un titolo ricco di parole chiave
  5. Accorcia il Permalink
  6. Scrivi il titolo SEO + la meta descrizione
  7. Crea un indice HTML
  8. Ottimizza il sommario per gli snippet in primo piano
  9. Aggiungi Rich Snippet di domande frequenti
  10. Elimina collegamenti interni/esterni
  11. Ottieni contenuti dai gruppi di Facebook
  12. Immagini di design con rapporti 1: 1.904
  13. Ottimizza le immagini
  14. Scrivi una solida introduzione
  15. Termina con un invito all’azione
  16. Controllo ortografico usando Grammarly
  17. Assegna una categoria e assegnale dei tag
  18. Ottimizza per la condivisione sui social
  19. Aggiungi Rich Snippet alle recensioni
  20. Aggiungi Multimedia
  21. Ignora il feedback di Yoast
  22. Precarica richieste DNS
  23. Prova i tempi di caricamento in GTmetrix
  24. Pubblica il post
  25. Disabilita script + plugin inutilizzati
  26. Testa l’indice Collegamenti
  27. Invia URL a Google
  28. Assicurati che Google non tagli gli snippet
  29. Crea collegamenti interni al post
  30. Mantieni l’articolo e la data di pubblicazione aggiornati
  31. Invia una newsletter
  32. Condividilo sui social media
  33. Rispondi ai commenti
  34. Monitora le prestazioni del post





1. Trova una parola chiave a coda lunga

Utilizza il completamento automatico di Google per trovare una parola chiave a coda lunga con più di  3 parole .

Se inizi a cercare su Google la parola chiave e ha molti risultati di completamento automatico per una determinata parola chiave, quella parola chiave è probabilmente troppo competitiva e nella maggior parte dei casi dovresti scegliere una delle frasi più specifiche (coda lunga). L’unica volta in cui dovresti considerare di scegliere una parola chiave ampia e competitiva è se intendi creare contenuti approfonditi e se il tuo sito ha un’autorità di dominio elevata .

ricerca google keywords

2. Impara la concorrenza delle parole chiave

Cerca su Google la parola chiave e valuta il contenuto dei primi risultati.

Una parola chiave è più competitiva se:

  • È ampio
  • I migliori risultati hanno un contenuto forte
  • I risultati migliori hanno DA/PA elevati in MozBar
  • Ha un’elevata concorrenza in Parole chiave ovunque
  • I risultati migliori sono occupati da siti Web autorevoli
  • Vedi molti annunci pubblicitari di Google AdWords
  • I migliori risultati hanno segnali forti (link, commenti, condivisioni)
  • Ci sono molti risultati di ricerca (ad esempio 10 milioni sono tanti)

Strumenti per fare SEO on page che utilizzo:

Keywords Everywhere : cerca su Google qualsiasi parola chiave e visualizza il volume di ricerca mensile, il CPC (costo per clic) e la concorrenza stimata. Tuttavia, è meglio ricercare manualmente i risultati migliori.

MozBar – Cerca qualsiasi parola chiave e valuta DA (autorità di dominio ) e PA (autorità di pagina) di ogni risultato di ricerca. Scegli le parole chiave con PA inferiore e competi all’interno del tuo intervallo DA.

autorita pagina google

3. Trova le varianti delle parole chiave

Si tratta di parole chiave sinonimi (o parole chiave strettamente correlate).

Prova a guardare i diversi risultati di completamento automatico o a cercare una parola chiave simile. Puoi usare il carattere sottolineato _ per fare in modo che Google riempia lo spazio vuoto (un piccolo trucco interessante che mi piace usare). Puoi scegliere come target più varianti di parole chiave nel titolo del post, nel titolo SEO e nella meta descrizione.

varianti keywords

keywords varianti google

Esempio:

  • Parola chiave n. 1: SEO on-page per WordPress (primario)
  • Parola chiave n. 2: SEO on-page cos’è
  • Parola chiave n. 3: SEO on-page checklist
  • E cosi via…

4. Scrivi un titolo ricco di parole chiave

Vai alla sezione articoli di WordPress e aggiungi un nuovo articolo iniziando a scrivere il titolo

Qualità di un buon titolo:

  • Fa venire voglia di leggerlo
  • La parola chiave primaria è idealmente al primo posto
  • Variazioni delle parole chiave sparse per tutto il titolo

Questo enfatizza la tua parola chiave per i motori di ricerca.

accorciare permalink

Devo rimuovere le stop words ?
Yoast consiglia di rimuovere le stop words, ma questo può rendere gli URL divertenti e NON sempre va bene. Dai un’occhiata agli esempi qui sotto. Se puoi abbreviare il permalink per includere la tua parola chiave per tenere “pulito” il tuo permalink di WordPress, fallo. Ma se incasina l’URL e non ha senso, non farlo.

stop words

6. Scrivi il titolo SEO + la meta descrizione

Questi sono l’avanguardia del tuo SEO e determinano la percentuale di clic del post. Dovresti includere la tua parola chiave (idealmente in primo piano), scegliere come target più varianti di parole chiave e rispettare i limiti di caratteri. È anche una buona idea includere un numero o un modificatore come “2022” o “guida”.

meta yoast seo

Suggerimenti per scrivere titoli SEO + meta descrizioni

  • Lunghezza del titolo SEO: 600 pixel (circa 58 caratteri)
  • Lunghezza della meta descrizione: 920 pixel (circa 158 caratteri)
  • Non utilizzare le variabili snippet di Yoast (scrivile tu stesso!)
  • La parola chiave principale è in primo piano, le parole chiave secondarie sono sparse

7. Creare un indice dei contenuti

Non posso sottolineare quanto sia importante.

Un sommario organizza il post, consente alle persone di saltare (e collegarsi a) sezioni specifiche e aumenta le tue possibilità di ricevere Jump link e frammenti in primo piano su Google. Cerca di usare anche contenuti abbastanza lunghi (la maggior parte dei SEO consigliano almeno 3.000+ parole).

Perché dovresti farlo

  • Aiuta gli utenti a navigare nell’articolo
  • Le persone possono collegarsi a sezioni specifiche
  • Incoraggia contenuti approfonditi (oltre 3000 parole)
  • Possibilità di ottenere collegamenti di Jump link su Google utilizzando ancoraggi con nome

Modello:

8. Ottimizza l’indice per gli snippet in primo piano

I frammenti in primo piano possono essere sotto forma di elenchi, paragrafi o tabelle.

Poiché il tuo l’indice è un elenco, rendi ogni elemento conciso e perseguibile . Non fare domande o dare risposte lunghe: le persone vogliono soluzioni dirette al problema per la loro domanda.

Come negli snippet in primo piano di Google

  • Trova una parola chiave in cui le persone desiderano informazioni concise (ad es. un elenco)
  • Moz Keyword Explorer ha un filtro che aiuta a trovare le parole chiave delle domande
  • Scegli come target parole chiave/snippet in primo piano esistenti che non funzionano bene
  • Crea un indice conciso e logico per indirizzare gli snippet in primo piano “elenco”.
  • Crea contenuti basati sui fatti con riferimenti di qualità (link, grafica, ecc.)
  • Assicurati di essere sulla prima pagina per la parola chiave, in caso contrario, migliora il contenuto
  • Progetta un’immagine che descriva esattamente la parola chiave ed etichetta il nome del file immagine + il testo alternativo come la parola chiave esatta (questo può far sì che l’immagine venga visualizzata anche nel tuo frammento in primo piano)
  • Google alla fine determina se mostreranno il tuo risultato o qualsiasi risultato

snippet google

9. Aggiungi Rich Snippet di FAQ

I rich snippet delle domande frequenti sono ottimi per distinguersi nei risultati di ricerca:

snippet faq

Istruzioni

  • Installa il plugin Contenuto strutturato .
  • Modifica una pagina/post su cui desideri ricevere le domande frequenti.
  • Fare clic sull’icona “FAQ” nell’editor WYSIWYG.
  • Aggiungi le tue domande e risposte (mi raccomando 3-8).
  • Fai clic sul pulsante OK e il plugin aggiungerà il codice al tuo post.
  • Una volta pubblicato il post, invia l’URL a Controllo URL di Google .
  • Le tue domande frequenti dovrebbero apparire nei risultati di ricerca di Google nel giro di pochi minuti.

10. Elimina i collegamenti interni/esterni

Questi dovrebbero fornire risorse utili per argomenti specifici non completamente trattati nel post, non inserirli solo per SEO o link a Wikipedia. Se i tuoi visitatori fanno clic sui link, dovrebbe essere utile.

Collegamenti interni: modi naturali per creare collegamenti al tuo sito menzionando articoli in cui i visitatori possono ottenere maggiori informazioni su argomenti specifici, migliorando al contempo la frequenza di rimbalzo e il tempo sul sito.

Collegamenti esterni – simili alla citazione di fonti a Google. Uso sempre i link interni se ho contenuti sull’argomento, altrimenti collegati a fonti esterne dove le persone possono trovare maggiori informazioni.

11. Ottieni contenuti dai gruppi di Facebook

Adoro fare screenshot delle conversazioni di Facebook, in particolare dei sondaggi.

È un modo semplice per mostrare le risposte votate, le soluzioni comuni ai problemi e i sondaggi di confronto. Ci sono molti sondaggi sul miglior hosting, plugin di cache, plug-in SEO e altri.

Passaggio 1 : unisciti ai gruppi di Facebook relativi al tuo argomento/settore.

gruppi wordpress facebook

Passaggio 2 : cerca su Facebook argomenti specifici durante la ricerca solo all’interno dei tuoi gruppi.

Passaggio 3 : trova i sondaggi e le conversazioni relative all’argomento, quindi condividili con i tuoi lettori:

12. Progetta immagini con rapporti 1: 1.904

1 : 1.904 è il rapporto perfetto per creare le tue immagini principali.

Come mai?

Perché è lo stesso rapporto delle dimensioni og:image di Facebook (1200x630px). Ciò significa che quando progetto le immagini in primo piano e le immagini dei post migliori, posso utilizzare questo stesso rapporto per creare le immagini dei post migliori (754x396px) e l’immagine in primo piano (400x210px) senza dovermi preoccupare di ritagliare o regolare l’immagine per adattarla a un nuovo rapporto.

Le mie immagini in primo piano sono più piccole perché sono mostrate nelle pagine delle mie categorie e voglio che vengano caricate il più velocemente possibile. L’unica eccezione è og:image di Twitter che ha un rapporto diverso (io uso 1200x630px), nel qual caso dovresti ritagliare parte dell’altezza. Lo so, è un trucco strano, ma quando devi riprogettare oltre 200 immagini e ogni post ha 4 immagini (in primo piano, post in alto, Facebook, Twitter)… questo mi ha fatto risparmiare un sacco di tempo.

Uso una combinazione di GIMP (per la creazione di immagini in primo piano/og:) e GIMP per la modifica.

Editore gimp

13. Ottimizza le immagini

Testo alternativo: il plugin Attributo alternativo immagine automatica aggiungerà automaticamente testo alternativo alle immagini in base al nome del file. Ricorda solo di scrivere un nome di file descrittivo prima di caricare le immagini.

alt tag immagine

Ridimensiona le immagini per correggere le dimensioni : il mio blog ha una larghezza di 680 px, quindi ritaglio/ridimensiono le immagini a larghezza intera in base a quelle dimensioni. Altrimenti vedrei servire immagini in scala con errori in GTmetrix.

Compressione senza perdita di dati: ShortPixel, Smush, Imagify e Kraken fanno tutti la stessa cosa (compressione senza perdita di dati + rimozione dei dati EXIF). Uso ShortPixel che mostra una perdita di qualità impercettibile.

14. Scrivi una solida introduzione

Come scrivere un’ottima introduzione:

  • Usa la tua parola chiave nelle prime due frasi
  • Aggiungi collegamenti (dal sommario) per invogliare le persone a passare a una sezione specifica
  • Spiega loro perché dovrebbero leggere il tuo post (es. Non mi concentro molto su Yoast)
  • Sii personale, guida con una storia o parla di argomenti attualmente in corso

15. Termina con un invito all’azione

Cosa vuoi che facciano le persone?

  • Leggi un altro post
  • Fai una vendita di affiliazione
  • Seguirti sui social
  • Iscriviti alla tua newsletter
  • Mettiti in contatto come potenziale cliente

Mi affido al marketing di affiliazione per guadagnarmi da vivere, quindi di solito mi collego alla mia guida alla velocità di WordPress che è super utile, ma promuove anche SiteGround dove ricevo una commissione da ogni vendita.

Ottieni hosting da SiteGround Ottieni hosting cloud gestito da Cloudways

16. Controllo ortografico usando Grammarly

Grammarly è fantastico, ma dovresti farlo leggere a qualcun altro con occhi nuovi.

Mi piace rileggerlo per prima cosa al mattino o passarlo a un collega. Puoi anche assumere un copywriter.

17. Assegna una categoria e assegnale dei tag

Assegna il post a 1 categoria e assegnagli alcuni tag. Non esagerare con i tag.
categorie wordpress
aggiungi tags wordpress

18. Ottimizza per la condivisione sui social

Questo rende il tuo contenuto formattato correttamente quando condiviso su Facebook/Twitter, in particolare la tua immagine poiché entrambe le reti utilizzano dimensioni personalizzate per visualizzarla, altrimenti sembrerà una pagliacciata.

Se utilizzi Yoast, vai alle impostazioni “Social” e abilita Open Graph sia per Facebook che per Twitter

Ora modifica una pagina/post, quindi fai clic sul link “condividi” in Yoast e vedrai le opzioni per caricare immagini personalizzate per Facebook (1200 larghezza x 628 altezza) e Twitter (1024 larghezza x 512 altezza).

social facebook

19. Aggiungi Rich Snippet alle recensioni

Se stai scrivendo recensioni, hai bisogno di rich snippet.

Uso il plugin premium WP Reviews che ha un bell’aspetto, fa il lavoro ed è leggero, quindi non influisce sui miei tempi di caricamento o sui miei rapporti GTmetrix.

rich snippet

Istruzioni

20. Aggiungi contenuti multimediali

I video mantengono le persone sul post più a lungo . Idealmente l’incorporamento di video sul tuo blog offre loro più visualizzazioni, Mi piace, commenti e coinvolgimento , un fattore chiave per la SEO di YouTube .

Ecco perché mi piace creare video di YouTube insieme ai contenuti del mio blog. Non ho ancora creato un video per la SEO on-page (probabilmente lo farò presto), quindi per ora ecco Brian Dean:

21. Ignora il feedback di Yoast

Le luci verdi di Yoast non contano.

Yoast non ti dice nulla sulla concorrenza delle parole chiave, sulla profondità dei contenuti o su come migliorare il coinvolgimento. Si concentra troppo sulla densità delle parole chiave e non abbastanza su ciò che effettivamente rende ottimi i contenuti. Invece di concentrarti sul semaforo verde, arricchisci i tuoi articoli con un indice e tratta gli argomenti in modo più approfondito. Questo è ciò che ho fatto per far crescere il mio blog fino a 3.000 visitatori al giorno.

22. Prelettura delle richieste DNS

Questo aiuta i browser ad anticipare le risorse esterne in modo che possano caricarle più velocemente.

Se hai incorporato video, Tweet, post di Facebook di YouTube o addirittura utilizzi plugin di condivisione social o plugin di commenti, questi possono rallentare il tuo sito Web e apparire anche nel tuo rapporto GTmetrix.

Ecco un ottimo elenco di domini comuni da precaricare :

Prefetch DNS

Puoi aggiungerli a WP Rocket (il plugin della cache che consiglio):

Richieste Prefetch DNS

23. Testare i tempi di caricamento in GTmetrix

Grazie a Serverplan per i tempi di caricamento pazzeschi. Anche i post con molte immagini vengono caricati in meno di 1 secondo quando sono 2,70 MB e hanno 61 richieste.

Se non incorporassi il video di YouTube o il codice GitHub, sarebbe al 100%. Assicurati che le immagini siano ottimizzate, utilizza un hosting veloce, un buon plugin per la cache, PHP 7+ e consulta la mia guida alla per velocizzare WordPress .

unsitoweb analisi gtmetrix

24. Pubblica il post

Ok vai avanti e procedi alla pubblicazione dell’articolo

25. Disabilita Script + Plugin inutilizzati

Potresti avere familiarità con Plugin Organizer , che ti consente di disabilitare selettivamente i plugin che non usi su determinate pagine/post. Questa è la stessa idea, ma personalmente uso solo il plugin professionale perfmatters. Dal momento che non sto utilizzando rich snippet in questo post, ho disabilitato il mio plugin rich snippets nelle impostazioni.

Puoi anche utilizzare il plugin gratuito WP Asset Clean Up.

bloccare plugin

Ogni collegamento nell’indice dovrebbe passare al relativo sottotitolo. Tieni premuto ctrl (PC) o Ctrl (Mac) e fai clic su ciascun collegamento per assicurarti che funzioni. I tag nei sottotitoli e nei tag dell’indice devono corrispondere.

indice menu

27. Invia URL a Google

Successivamente, invia l’URL a Google utilizzando il loro Controllo URL in Search Console.

richiesta indicizzazione

28. Assicurati che Google non tagli gli snippet

Se il tuo titolo SEO + meta descrizione sono troppo lunghi, Google lo taglierà. Assicurati che non sia cosi.

titolo tagliato

Ogni volta che menzioni l’argomento, includi un collegamento ad un articolo interno che hai già nel tuo sito.

link interni

30. Mantieni l’articolo e la data di pubblicazione aggiornati

L’aggiunta di una data di modifica del post rende i tuoi contenuti freschi e aumenta le percentuali di clic.

Innanzitutto, abilita la “data nell’anteprima dello snippet” in Yoast (SEO → Aspetto della ricerca → Tipi di contenuto).

Snippet Preview Yoast

Ora aggiungi questo codice al tuo tema (o usa il plugin Post Updated Date ) che fa la stessa cosa.

codice php data

Il che si traduce in…

post modifica data

Quindi mantieni aggiornato l’articolo per aggiornare la data di pubblicazione

31. Invia una newsletter

Ogni volta che pubblichi un ottimo articolo, informa anche i tuoi iscritti.

invia newsletter

32. Portalo sui social media

Senza spammare, condividilo nei gruppi di Facebook e in altri luoghi.

33. Rispondi ai commenti

HubSpot ha condotto uno studio sui commenti e ha trovato questo:

“Non c’è correlazione tra il numero di commenti su un post e il numero di visualizzazioni che il post ha ottenuto. Inoltre, non c’è correlazione tra i commenti e il numero di link che il post ha ricevuto.

Professionisti

  • È qui che ottengo il mio feedback più prezioso
  • Le persone che ricevono feedback hanno maggiori probabilità di iscriversi alla mia newsletter
  • Crea una conversazione bidirezionale (ad es. stai cercando di convincere i clienti a contattarti)

contro

  • Spam, molto
  • Troppe persone che cercano di ottenere un collegamento
  • Fondamentalmente è una consulenza gratuita (se non hai linee guida)

34. Monitora le prestazioni del post

Dopo un paio di settimane, controlla il rapporto sul rendimento in Google Search Console che ti aiuta a vedere il rendimento del post. Cosi capisci la posizione in classifica, i clic e la percentuale di clic.

Se il post è in alto con molte impressioni, ma ha una bassa percentuale di clic, considera la possibilità di riscrivere il titolo SEO + la meta descrizione. Se non si classifica affatto bene e migliora il contenuto.

Utilizza Google Analytics per controllare la durata media della sessione e la frequenza di rimbalzo del post .

Se il post ha una frequenza di rimbalzo scadente e una durata media della sessione, potrebbe trattarsi di qualsiasi cosa, da tempi di caricamento lenti a un design Web scadente, assenza di collegamenti interni o mancanza di grafica originale ben progettata. Prova a elencare i tuoi tutorial più popolari nella barra laterale.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.