Realizzazione e Creazione Siti Wordpress

HOSTING PER WORDPRESS

 
hosting-wordpress


(Aggiornato il 29/03/2016)

Con questa guida vediamo come capire e come scegliere un hosting wordpress che sia la miglior scelta possibile secondo le tue esigenze riferite al sito wordpress che dovrai creare, dove potrò consigliarti di scegliere un hosting per wordpress secondo la mia esperienza diretta visto che ormai li ho utilizzati tutti per sviluppare e installare siti in wordpress per i miei clienti.

Inoltre per cercare di aiutarti, ti elencherò alcune fra le caratteristiche più importanti da considerare e ti spiegherò brevemente a cosa servono e perché sono importanti, in questo modo spero di aiutarti a scegliere il miglior hosting wordpress per le tue esigenze ma sopratutto per il sito che dovrai realizzare, la lettura è un po’ lunga e impegnativa ma tieni duro, ne varrà la pena, sopratutto per te e per capire come “muoverti”.

Visto che ho già parlato di questo argomento, ti consiglio di leggere l’articolo che parla nello specifico dei fattori più importanti da tenere in considerazione e chiarisce alcuni punti fondamentali su che hosting scegliere per siti wordpress, dove viene spiegato se utilizzare hosting linux o windows, se meglio hosting wordpress gratuito oppure a pagamento.

Sia chiaro che qui verranno riportati consigli, informazioni utili e una lista dei migliori hosting wordpress condivisi (Shared) in rapporto al prezzo – qualità e funzioni migliori incluse nei pacchetti e con dei costi di spesa “abbordabili” per quasi la maggior parte delle persone a cui interessa acquistare un hosting condiviso, stiamo parlando di un prezzo che si aggira intorno ai 30 euro massimo 100 euro/anno.

Se invece vuoi avere un servizio migliore per essere un passo avanti agli altri e ti interessa un hosting professionale, quindi anche funzioni professionali, dai una lettura all’articolo dove parlo di hosting wordpress autogestito per un sito wordpress e perché sceglierlo.

Sulla base dei costi tieni presente che, ovviamente, meno spendi e meno servizi avrai a disposizione e meno garanzie avrai sull’affidabilità dell’hosting, quindi cerca di non essere tirchio solo per risparmiare 20/30 euro e cercare a tutti i costi un hosting wordpress economico, stiamo parlando del TUO sito su cui investirai tempo e fatica.

Lo scopo di questo articolo non è assolutamente quello di convincerti nel scegliere un hosting per wordpress piuttosto che un’altro, ma quello di aiutarti chiarendoti i punti fondamentali per una buona scelta almeno iniziale evitando gli errori più comuni.

Prima di andare avanti con la lettura, tieni a mente la questione più importante di tutte, che è alla base di tutto, ancora prima di scegliere un hosting per un sito wordpress cioè: che tipo di sito wordpress devi creare ? o se già esistente, di che tipo di sito stiamo parlando ? (questione che spiego alle sezione come scegliere un hosting per wordpress)


Che cos’è un hosting wordpress ?

Prima di tutto, visto che anche questa domanda mi viene posta molto spesso, un servizio hosting, chiamato anche “host” è un servizio di rete che mette a disposizione un server web con uno spazio grande “TOT” dove al suo interno è possibile caricare e inserire tutti i file per creare un sito wordpress, file immagine, plugin ecc ecc…!

Inoltre verranno messi a disposizione tutta una serie di funzioni e applicazioni per poterlo gestire nel modo più semplice, da un pannello di controllo per la gestione di tutte le funzioni, pannello specifico per gestire database, funzioni per creare e gestire backup, ecc… (cose che spiego dettagliatamente più avanti nell’articolo).

Puoi leggere anche una spiegazione più dettagliata di hosting su wikipedia dove trovi anche altri chiarimenti interessanti.

Da sapere che assieme al servizio hosting per un sito wordpress è necessario scegliere un nome dominio che avrà il tuo sito web (www.nomesito.it)
 

Il fattore esperienza:

Più o meno come dicevo all’inizio, gli hosting più conosciuti che si possono trovare nel web li ho utilizzati quasi tutti per creare siti in wordpress per i miei clienti e generalmente, visto che parliamo sempre di pacchetti di hosting condivisi, i servizi e la qualità non si discostava poi molto da un hosting all’altro, le problematiche erano sempre le stesse e sfortunatamente sono sempre hosting italiani.

Qui un sito che tratta di fisioterapia a roma che utilizza hosting siteground (anche questo molto buono e molto conosciuto)

Qui puoi vedere un sito immobiliare che ho configurato che utilizza hosting netsons (un buon hosting tutto italiano)

Qui puoi vedere un sito che tratta di corsi antiriciclaggio utilizza hosting vhosting-it (anche questo un buon hosting).
 

Quali erano le problematiche dei servizi hosting ?

Bhè il primo fra tutti il servizio di assistenza, ne avessi mai trovato uno che mi rispondesse in tempi utili via chat (quasi impossibile) anzi non rispondono proprio, esiste solo questo benedetto servizio TICKET a cui rispondono quando hanno tempo, se vogliono e come vogliono, per non parlare dei fine settimana dove si trasformano in fantasmi, praticamente introvabili.

Un’altro fattore che riscontravo e riscontro tutt’ora sono i tempi di downtime, cioè periodi nei quali il sito è offline e irraggiungibile, alcuni hosting almeno un’ora o due al mese alcuni anche qualcosa di più, nulla di cosi incredibile visto ovviamente che il costo annuale non supera mai gli 80/90 euro e che il servizio è quello di un hosting condiviso.

Un’altra cosa con cui ti scontrerai e che mi capita spesso quando ho a che fare con qualcuno di questi hosting è che per loro sei un numero, come tanti altri nel mare e come tale vieni trattato, cioè le cose sono queste e stanno cosi hai firmato i termini di utilizzo e punto.

Cosa voglio dire con tutta questa “poesia” ? Bhè la morale è di non credere di riuscire a trovare un servizio hosting migliore di qualcun’altro semplicemente perché in quel sito o nell’altro ti hanno detto che quel servizio hosting fa i miracoli, oppure è migliore perché ha questa funzione o perché con quel servizio hosting il tuo sito avrà migliaia di visite.

L’unica cosa che fa miracoli e fa bene al tuo sito, oltre ad una buona ottimizzazione sia back-end che front-end sono i soldini e il prezzo che paghi a fine mese, punto!

Per tenere sotto controllo eventuali tempi di offline dell’hosting e monitorare i tempi di attività del tuo sito web puoi utilizzare i due migliori strumenti gratuiti che sono pingdom e uptimerobot.

Con questo non voglio spaventarti o farti perdere le speranze sia chiaro, anche il sottoscritto non ha iniziato con un servizio hosting da 150 euro al mese, vorrei solo farti capire come stanno le cose in realtà e in ogni caso, almeno per l’inizio del tuo progetto un buon hosting per wordpress condiviso va più che bene, andando avanti con la lettura ti spiegherò a cosa fare attenzione.
 

Caratteristiche hosting wordpress: attento a quelle importanti…

Quando stai per scegliere un hosting per wordpress dovrai valutare bene le caratteristiche che vengono incluse nel pacchetto, cerca di prestare molta attenzione fin dall’inizio perché, una scelta sbagliata, potrebbe in futuro causarti molti problemi e perdite di tempo, specialmente se ti sei accorto di aver fatto un errore e successivamente vorrai e dorai spostare tutta la tua installazione di wordpress in un’altro hosting.

Il primo punto da tenere in considerazione è che stai acquistando un hosting wordpress condiviso, quindi uno spazio web grande “tot” verrà condiviso con altre centinaia di siti e questo va benissimo (meglio con indirizzo IP dedicato), almeno per l’inizio del tuo progetto, a meno che tu non stia pensando di creare un mega progetto spaziale per la Nasa.

Se il tuo progetto avrà bisogno di più “potenza”, cioè un hosting con caratteristiche e funzionalità più professionali, dovresti scegliere un hosting che ti dia la possibilità di farlo senza dover per forza eseguire una migrazione di wordpress ad un’altro hosting, quindi con la possibilità di upgrade da hosting condiviso a hosting semi dedicati, dedicati, VPS o cloud hosting. Questo punto credimi, ti farà risparmiare 10 anni di vita.

caratteristiche hosting importanti


LE 13 CARATTERISTICHE PIÙ IMPORTANTI:

Qui di seguito, secondo la mia esperienza, ti riporto le 13 caratteristiche più importanti elencate secondo grado di importanza che dovresti controllare siano incluse nel pacchetto che andrai ad acquistare e che dovrebbero farti scegliere un hosting wordpress non solo sulla base del prezzo offerto ma anche secondo le funzioni incluse:

1 – Assistenza (via telefono/chat/email)
2 – Pannello di controllo.
3 – Pannello PhpMyAdmin.
4 – Backup giornaliero automatico (Spazio web e Database)
5 – Poter creare illimitati sotto domini.
6 – Poter creare illimitati database.
7 – Spazio e banda illimitati.
8 – Possibilità di upgrade a pacchetti superiori.
9 – Gestore di file.
10 – Funzione di Supercache.
11 – Riscrittura file htaccess.
12 – PHP.ini Personalizzabile.
13 – Garanzia Uptime.

Queste caratteristiche appena elencate potrebbero andare bene per alcuni e non per altri, la differenza della scelta si basa principalmente sul tipo di sito da realizzare…!

Un esempio veloce: se io so già in partenza che devo creare un sito per la mia azienda con quelle classiche 4/5 pagine (chi siamo – servizi – dove siamo – contatti ecc…) non avrebbe senso pensare di acquistare un pacchetto hosting con possibilità di creare database illimitati perché non li utilizzerò mai, stessa cosa per i sotto domini ecc…!

Ecco che allora possiamo scegliere un hosting per wordpress che include funzioni diverse da altri ma anche un hosting con un prezzo relativamente più basso di altri.
 

Il servizio di assistenza:

La prima caratteristica che ho elencato è l’assistenza, questo punto è fondamentale per ogni situazione in cui potresti avere dei problemi, avere un supporto di assistenza sempre disponibile ti evita di perdere ore ed ore nella ricerca di un problema, magari mentre il tuo sito wordpress non è più funzionante.

Per questo punto, almeno per quanto riguarda hosting wordpress italiani scordati chissà quale servizio, quasi tutti non rispondono mai via chat o skype e se rispondono è solo per questioni commerciali.

Questo, insieme a tanti altri, è uno dei fattori principali che spinge molte persone (come il sotto scritto) a scegliere hosting wordpress all’estero (specialmente americani), che offrono un’assistenza via telefono e via chat 24 ore su 24 per 365 giorni all’anno, tutto un’altro mondo e se ti interessa puoi leggere l’articolo dove parlo di hosting wordpress esteri.

Il pannello di controllo:

IL pannello di controllo è appunto un pannello dove potrai gestire tutte le funzionalità messe a disposizione dal servizio hosting, avrai un pannello dove gestire tutti i file del tuo sito, un’applicazione per installare wordpress con due semplici click, gestire i DNS, gestire i backup e molto altro.

Per questo punto importante, quasi tutti gli hosting e sicuramente quelli che ho consigliato io in fondo a questo articolo, si sono uniformati e forniscono o pannello di controllo chiamato cPanel o Plesk.

Il pannello PhpMyAdmin:

Il pannello PhpMyAdmin serve per gestire, creare e configurare tutti i database, praticamente è un secondo pannello di controllo specifico per la gestione dei database che sono obbligatori per l’utilizzo di wordpress, potrai gestire tutti i database presenti direttamente da questo pannello.

Il servizio di backup:

Se non sei molto pratico o non vuoi perdere del tempo per eseguire un backup di wordpress, oppure vuoi avere semplicemente un pensiero in meno, la funzione di backup automatico è assolutamente da tener presente, troppe volte capita di leggere su vari forum di persone disperate che cercano aiuto perché hanno avuto grossi problemi al sito e non avevano un backup, non finire anche tu in questa lista.

Presta attenzione a quando acquisti perché alcuni hosting ancora oggi non includono questa opzione nel prezzo (vedi keliweb) e quindi bisogna ordinarla in fase di acquisto.

Sotto domini illimitati:

Come avrai già intuito stiamo parlando di sotto domini e anche questa è una buona funzione, potresti averne bisogno per molte cose, magari quando il sito si ingrandirà vorrai creare sotto domini per aree specifiche del sito, oppure potrebbe essere utile anche per creati una versione DEMO del nuovo sito che vorrai creare direttamente “online”.

Questa possibilità la forniscono sempre quasi tutti i servizi hosting, a parte quelli che acquisti con 8 euro/anno (vedesi tophost.it)

Il gestore di file:

Questa funzione offre la possibilità di gestire tutti i file del sito direttamente all’interno del pannello di controllo dell’hosting e ti renderà indipendente da altri programmi esterni, anche se utilizzare un programma FTP come filezilla è sicuramente più pratico.

Funzione oramai onnipresente in qualsiasi servizio hosting.

La funzione di Supercache:

Questa funzione serve per memorizzare tutte le pagine del sito per poi poterle finire al browser che a sua volta le fa visualizzare all’utente che naviga il tuo sito in modo statico, cioè senza dover ogni volta ricaricare le pagine del sito.

La funzione di cache non può assolutamente mancare, è una delle funzioni più importanti, quindi scegliere un hosting per un sito wordpress con questa funzione ti salverà dall’avere un sito wordpress lento.

Riscrittura file htaccess:

La possibilità di riscrittura del file htaccess ti da la possibilità di gestire funzioni avanzate e personalizzate per la gestione del server Apache che lavora in sincronia con wordpress, altro punto fondamentale se vorrai configurare delle funzioni particolari del tuo sito. Dai un’occhiata alle innumerevoli e importanti funzioni che puoi utilizzare con il file htaccess di wordpress.

Gestore file php.ini:

Il file php.ini ti servirà per gestire il server PHP e alcuni hosting per wordpress condivisi non offrono la possibilità di modificarlo, il file permette di gestire script e altre funzioni importanti ed è per questo che dovrebbe sempre poter essere personalizzabile.

A volte questa funzione è disponibile a volte no, alcuni servizi hosting non a forniscono perché riscontrano troppi problemi dovuti a persone poche esperte nel suo utilizzo e i casini dilagano.

La garanzia uptime:

Spendo due parole per l’uptime, conosciuto anche come SLA (Service Level Agreement), che in poche parole è la percentuale di garanzia che il servizio hosting garantisce per il “tempo di esecuzione” di un server che dovrebbe essere tenuto in considerazione…

…dico dovrebbe, perché per quanto un hosting wordpress condiviso possa garantire un uptime alto nell’ordine fra 98% e 99% nell’arco di un mese ti capiterà di avere sempre dei downtime al sito, cioè avrai sempre il sito, quindi l’hosting/server “non raggiungibile” almeno mezz’ora o un’ora nell’arco di un mese.

Quindi è un fattore da considerare ma che non influisce poi molto nella scelta dell’hosting per wordpress, anche perché per tutti gli hosting condivisi più o meno gli utptime sono quasi sempre tutti uguali. (fatto curioso…)

Avessi mai visto un hosting italiano che fornisca le statistiche di scansione dei nodi.
 

Scegliere un hosting wordpress e IP dedicato è importante…

Ecco, questo è un punto molto importante da tenere a mente e considerare, se hai qualche soldo in più da investire e se ritieni che il tuo sito meriti qualcosa di meglio, prendi in seria considerazione di acquistare un hosting wordpress con IP dedicato.

Quando acquisti un servizio di hosting condiviso, vuol dire che l’indirizzo IP che utilizzerà il tuo sito (quindi il nome dominio) viene condiviso anche con altri centinaia di siti, a volte anche migliaia.

scegli un ip dedicato

La condivisione di un indirizzo IP, quando possibile è sempre meglio evitarla per una serie interminabile di motivi ma, principalmente perché si corre il rischio di finire in “liste nere” di blocco per quel determinato IP semplicemente perché qualche altro sito che utilizza lo stesso server condiviso, quindi con lo stesso indirizzo IP, ha commesso qualche violazione delle policy dei motori di ricerca (ad esempio spam).

Condividendo lo stesso IP con altri centinaia di siti, si corre il rischio anche di “subire” errori di configurazioni commesse da altri, ad esempio utilizzo di troppe risorse o malfunzionamenti da script e plugin ecc.

In alcuni casi potrebbe capitare con un sito che utilizza quel determinato spazio hosting condiviso venga infettato gravemente da qualche virus, in questo caso può capitare che quel determinato sito (quindi con IP condiviso) venga segnalato come “sito pericoloso” infetto da virus/malware, quindi di conseguenza tutti i siti che utilizzano quel determinato IP condiviso.

funzioni hosting obbligatorie

Le funzioni obbligatorie che deve avere un hosting wordpress:

Quando parliamo di acquistare un hosting per wordpress, ricordati i 3 fattori obbligatori che l’hosting deve fornire obbligatoriamente e che non puoi assolutamente evitare:

1 – La versione del database deve essere obbligatoriamente 5.0 o superiore.
2 – La versione di PHP deve essere obbligatoriamente 5.4 o superiore.
3 – WordPress è nato per essere utilizzato su server linux, quindi evita server windows, un hosting linux è molto più stabile di un server windows e molto più sicuro.

Di caratteristiche da valutare ce ne sarebbero anche altre ma entreremmo in delle valutazioni per chi è “esperto” per certe funzioni come ad esempio gestione “script” gestione “CGI” sicurezza “SSL” e altre, ma non preoccuparti, quando inizierai ad imparare diventando più esperto e ad avere necessità di funzioni più complesse tutti gli hosting per wordpress elencati comprendono anche queste caratteristiche importanti.

Molti hosting wordpress fornisco spazio illimitato ma…

Per le persone più esperte che leggono questo articolo e che già stanno ridacchiando leggendo la parola “illimitati” non vi preoccupate, lo sappiamo benissimo che lo spazio “illimitato” o banda “illimitata” è pura utopia e per questo riporterò un esempio pratico per chi ancora ci crede oppure non ha esperienza in merito.

Per esempio, questo sito che stai leggendo è “ospitato” su hosting per wordpress dedicato di www.hostmonster.com, che specifica di fornire spazio illimitato, database illimitati, ma quando inizierai ad installare piattaforme per creare siti, ad esempio wordpress, prima o poi il servizio hosting o tramite email o tramite pannello di controllo inizierà a segnalarti che lo spazio web hosting a tua disposizione perderà di “prestazione” per la presenza di troppi file e ti consiglia di limitarti o di cancellarne alcuni per mantenere prestazioni ottimali.

Se il tuo sito/progetto prenderà piede e gli utenti che visiteranno il tuo sito aumenteranno in modo considerevole, anche in questo caso il web hosting ti avviserà che stai superando un limite di “banda” troppo elevato per poter rimanere ancora su un servizio di hosting wordpress condiviso e ti obbligherà ad un upgrade a servizi con più “potenza”.

Per farti un esempio ancora più concreto ti elenco quante applicazioni, database e file contiene lo spazio acquistato su hostmonster che, arrivati ad un certo punto, ha ricevuto l’avviso dell’hosting di “saturazione” del “limite fisico” dello spazio disponibile.

Lo spazio hosting attualmente contiene:

12 – Applicazioni wordpress installate.
13 – Database MySQL.
13 – Sotto domini.
58 – mila file.

Controlla sempre eventuali servizi accessori:

Quasi tutti gli hosting per wordpress di buona qualità al giorno d’oggi mettono a disposizione la possibilità di installare wordpress automaticamente semplicemente con 3 click attraverso il pannello di controllo e gli hosting che consiglio in questa guida forniscono questa possibilità ma attenzione anche ai servizi accessori specificate nell’elenco delle caratteristiche tecniche.
 

Occhio alla possibilità con lo stesso pacchetto hosting di gestire più nomi domini, a seconda del pacchetto scelto è possibile gestire o un singolo nome dominio o multipli.
Controlla che sia disponibile un pannello di controllo che ti permetta di gestire tutte le funzioni, di solito chiamati cPanel oppure Plesk.
Attenzione al servizio di backup offerto, a volte non è incluso di default nel pacchetto dei servizi quindi è da acquistare.
Controlla che ci sia “wordpress preinstallato” cioè la possibilità di installare wordpress con 3 semplici click in modo semplice e veloce.
Spazio, nuova frontiera…(no dai sto scherzando) attenzione allo spazio web fornito, considera almeno 10-GB ma a seconda del sito che dovrai creare può andare bene anche meno.
Attenzione ai prezzi segnalati che potrebbero essere per il primo mese, poi per i successivi i prezzi sono diversi e aumentano e sopratutto attenzione a iva inclusa/esclusa. Controllare anche se costo del nome dominio è gratis (per il primo anno o per sempre)
Alcuni hosting chiedono dei costi supplementari per il setup, quindi controllare che non ci siano costi “nascosti”.
 
 

Valuta anche la locazione del data center:

Non è sempre detto che scegliendo un hosting wordpress italiano anche la locazione del data center sia locato fisicamente in italia.

Il data center è la struttura fisica che mette a disposizione un server che al suo interno contiene tutti i file e i dati del tuo sito web, quindi valuta anche questo punto, ogni fornitore hosting che si rispetti deve avere una sezione apposita dove viene specificato “server in Italia” o “data center italiano” o in America ecc.

La locazione del server hosting andrebbe valutata anche secondo il target di utenti che visiteranno il sito. Quando un potenziale utente apre il browser e digita il nome dominio del tuo sito web, il browser invia una richiesta al server dove sono contenuti i file del sito e il server risponde al browser inviando la risposta.

locazione data center

Perché dico dovrebbe essere valutato anche il target utenti? Perché se si presta attenzione a configurare il sito in modo ottimale e ad utilizzare degli appositi strumenti per ottimizzare e migliorare la velocità di caricamento di wordpress, avere un servizio con server in Germania, o in Svizzera oppure in italia non comporta questa gran differenza in tempi di caricamento…

…se il vostro target di utenti è solo italiano e non siete molto esperti in configurazioni particolari, consiglio comunque di scegliere hosting italiani per wordpress con server in Italia o in Europa.

Il miglior hosting per wordpress esiste ?

Cercando su google le parole “miglior hosting per wordpress” troverai molti siti web che ne parlano e che ti consigliano l’hosting più veloce di tutti, alcuni fanno anche delle analisi approfondite spiegandoti per filo e per segno che il miglior hosting è solo quello e che da quando hanno iniziato ad utilizzarlo hanno aumentato addirittura anche il numero di visitatori al sito e anche ottimizzato il sito lato SEO.

NIENTE DI PIU FALSO

Quello che molti si dimenticano di ricordare, è che stanno e stiamo parlando di HOSTING CONDIVISI, che come spiegato precedentemente forniscono uno spazio web grande “TOT” condiviso anche con altri centinaia di siti (a volte anche migliaia) quindi scegliere un hosting per wordpress specifico piuttosto che un’altro NON COMPORTA QUESTE GRANDI DIFFERENZE DI VISITE AL SITO E NEMMENO QUESTE GRANDI DIFFERENZE DI MIGLIORAMENTO LATO SEO.

Un’altro punto che non viene mai specificato è che per quanto tu possa scegliere un hosting migliore di altri o considerato più veloce di altri, se il sito non viene ottimizzato in ogni suo punto, quindi codice del tema funzionale senza errori, immagini ottimizzate, nessun errore di caricamento dei file del sito ecc…avrai sempre un sito lento.

Discorso diverso sarebbe per servizi di hosting dedicati, VPS, hosting cloud ecc. allora si che in questo caso potremmo iniziare a parlare di hosting wordpress migliore di un’altro, hosting con maggiore CPU rispetto ad un’altro, maggiore potenza RAM, banda minima garantita ecc., funzioni professionali che gli hosting wordpress condivisi non forniscono (visto i costi relativamente bassi). Qui se ti interessa puoi leggere l’articolo dove parlo di hosting VPS autogestito.

velocità hosting

Solo questo è l’hosting veloce…

Sempre in alcuni siti che ho letto e che consigliano di scegliere un hosting per wordpress piuttosto che un’altro, vengono utilizzate e mostrate delle scansioni online con dei tools appositi per dimostrare che l’hosting più veloce è solo quello consigliato…

…l’unico problema è che queste cose funzionano e convincono alcuni utenti perché ci sono poche prove contrarie per dimostrare che anche con un’altro hosting le cose possono essere le stesse se non migliori e perché chi legge non ha nessuna conoscenza in merito.

Un’altro problema che non viene mai specificato è che con queste analisi non si calcola la velocità dell’hosting ma la velocità di caricamento del sito web, che è ben diverso.

I fattori che influenzano queste analisi possono essere ad esempio il tema utilizzato dal sito, il numero di plugin installati, se viene utilizzato un plugin per il caching e molti altri e inoltre bisognerebbe analizzare il “carico” che supporta il servizio hosting in base alla connessione di un certo numeri di utenti in simultanea, insomma una questione abbastanza complessa…!

Per levarti un po’ di curiosità prova ad analizzare il sito di chi ti consiglia di utilizzare un servizio hosting piuttosto che un’altro utilizzando lo speed test di pingdom tools è facile, basta inserire il link del sito da analizzare e vedrai che i risultati non sono cosi eclatanti come vogliono farti credere, quindi attenzione.

Se vuoi puoi analizzare anche il mio sito tenendo presente che utilizza un hosting wordpress americano e che il server ovviamente è locato negli Stati Uniti d’America, quindi ben più lontano di un server locato in Italia, quindi con un presupposto di maggior lentezza (latenza) di caricamento, ma con delle opportune ottimizzazioni e accortezze sia lato back-end che front-end del sito si possono ottenere comunque ottimi risultati. Qui sotto ti riporto l’ultima analisi eseguita al mio sito. (è consigliato eseguire almeno 2 test)

analisi velocita hosting

Cosa dimostra l’analisi ? prima di tutto dimostra che se sai gestire un sito web in tutti i sui punti di ottimizzazione puoi ottenere comunque ottimi risultati e che se tu che stai leggendo non hai molta esperienza nel campo della programmazione oppure in campo sistemistico per un sito web è consigliabile come dicevo in precedenza scegliere un hosting per wordpress con server in Italia o al massimo in Europa.

Inoltre dimostra che per un sito veloce in fase caricamento il fattore determinate NON è semplicemente la scelta di un hosting particolare ma che ci deve essere una persona che sappia ottimizzare un sito web in tutti i suoi punti importanti.

Quindi esiste un hosting wordpress veloce e migliore di altri ?

NO non esiste, stiamo parlando di hosting condivisi, non esiste un hosting wordpress veloce o migliore più di altri riferito al fattore “velocità”, esistono semplicemente hosting per un sito worpress con caratteristiche diverse e funzioni particolari in confronto ad altri che possono migliorare la velocità di un sito web (non del servizio hosting), sta alle singole esigenze scegliere un hosting wordpress più adatto al progetto…

…e visto che in questo caso stiamo parlando di utilizzare wordpress, la cosa migliore è scegliere compagnie di servizi hosting che hanno scelto di fornire pacchetti hosting ottimizzati per essere utilizzati con wordpress, le uniche cose che possono influenzare la scelta di un hosting condiviso e pensare che sia il miglior hosting per un sito wordpress wordpress in circolazione sono le 13 caratteristiche importanti elencate precedentemente ed eventualmente scegliere un indirizzo IP dedicato, cosa che la maggior parte delle persone non acquista mai.

Come scrivo anche più avanti in questo articolo, è un fattore di EQUILIBRIO fra le parti coinvolte, serve a poco acquistare un hosting veloce o almeno considerato tale (falsamente), se poi non ottimizzi anche molti altri punti del tuo sito web.

migliori hosting

Quindi che diavolo di hosting wordpress scegliere ?

Oltre alle caratteristiche importanti che ti ho elencato in precedenza, l’assistenza, il servizio di backup ecc.., sono due i fattori più importanti che possono chiarirti come scegliere un hosting per wordpress:

Il primo: devi prima sapere che sito vuoi realizzare! Forse stiamo parlando di un sito “minimale”? magari un sito aziendale con quelle classiche 5/6 pagine che spiegano chi siete, cosa fate, dove siete ecc… ? e in cui non dovrai caricare centinaia di immagini…?

In poche parole un sito che non necessita di modifiche continue e inserimento di articoli giornalieri e che non avrà bisogno di chissà quali funzioni super professionali, come al contrario potrebbe essere per un sito di testata giornalistica, oppure per un sito ecommerce.

In questo caso non ti devi preoccupare più di tanto, un hosting wordpress condiviso fra quelli consigliati (o anche altri) va più che bene, costi sostenibili e buoni servizi, specialmente se hai scelto di acquistare un indirizzo IP dedicato.

L’unica cosa per cui ti devi preoccupare, è di evitare di commettere l’errore banale che commettono in molti quando sono agli inizi, cioè scegliere un hosting economico in confronto ad altri solo per la differenza di alcune decine di euro ANNUALI.

Il secondo è che in caso volessi realizzare siti wordpress più complessi che necessitano di funzioni più professionali, va comunque benissimo almeno per L’INIZIO scegliere un hosting condiviso, l’unica differenza da tenere bene a mente è che in questo caso dovrai valutare bene la possibilità di upgrade a piani superiori con più funzioni e potenza (hosting dedicati, semi dedicati, VPS, cloud…) che ti eviti in caso di bisogno di dover per forza migrare tutto il sito ad un’altro hosting.

Quando controlli i piani di upgrade disponibili non basarti solo sulla possibilità che siano disponibili ma ovviamente valuta anche che le funzioni offerte siano di tuo gradimento e che abbiano un prezzo mensile che ritieni di essere disposto a sostenere.
 

consigli per scegliere hosting wordpress

Scegliere un hosting per wordpress: consigli utili !

Di solito un consiglio è sempre ben accettato e ma di seguito te ne elenco più di uno e che spero ti aiutino ancora meglio nel scegliere un hosting wordpress , prendili in seria considerazione perché questi consigli derivano dalle innumerevoli problematiche che hanno avuto molte persone che mi hanno contattato cercando assistenza wordpress per il loro sito.

1. – In prima posizione persone che utilizzavano un hosting wordpress gratuito.

2. – In seconda posizione persone che hanno acquistato servizi hosting per 10 euro/anno.

3. – In terza posizione persone che utilizzavano il servizio gratuito di wordpress.com

4. – In quarta posizione persone che hanno acquistato servizi hosting da web agency che rivendevano questo servizio incluso nella realizzazione del sito e che quindi non potevano gestirselo quando e come volevano.

CONSIGLI UTILI:

1. – Evita come la peste i servizi di hosting wordpress gratis.

2. – Evita di utilizzare web agency che assieme al sito ti vogliono vendere anche il servizio hosting. Non sarai mai tu il diretto amministratore del servizio, se capitasse, non potrai mai mandare a quel paese la web agency che ti ha realizzato il sito semplicemente perché sono loro i diretti amministratori del pacchetto hosting che ti hanno rivenduto.

3. – Se vuoi che il tuo sito abbia un futuro, ma sopratutto se vuoi la possibilità di gestire il tuo sito come meglio credi evita di utilizzare il servizio gratuito di wordpress.com.

4. – Valuta assolutamente la possibilità di investire e scegliere un hosting wordpress con IP dedicato.

5. – Se hai poca esperienza scegli un hosting con wordpress preinstallato, cioè che dia la possibilità di installare wordpress con alcuni semplici passaggi autoguidati in pochi click.

6. – Se il target dei tuoi utenti è italiano preferisci data center locati in Italia/Europa.

7. – Serve, oltre che ad un buon servizio di hosting per wordpress, prendersi cure di tutti gli aspetti del TUO sito, quindi ottimizzarlo in tutti i punti necessari, se ti interessa leggiti anche l’articolo dove parlo di come ottimizzare wordpress.

8. – Se vuoi il massimo (hosting dedicati/vps/cluod ecc.) valuta assolutamente un servizio hosting autogestito (full managed). A meno che tu non sia un esperto in gestione server oppure hai la possibilità da pagare qualcuno che lo gestisca e lo mantenga correttamente configurato e funzionante.
 
RICORDA: come scrivo in altri miei articoli, è un fattore di EQUILIBRIO fra le parti in questione, serve a poco avere un servizio considerato da tutti il miglior hosting per wordpress se poi carichi nel sito immagini pesanti 5 megabyte che per caricarsi impiegano il tempo di cucinarsi gli spaghetti.
 




HOSTING WORDPRESS CONSIGLIATI:

 

SITEGROUND

Siteground è considerato il miglior hosting wordpress europeo (e anche miglior hosting wordpress 2015), lo inserisco primo nella lista per il motivo più importante (secondo mia esperienza e opinione) cioè fornisce un servizio di assistenza via chat eccellente 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 !! Disponibile anche un numero italiano per l’assistenza (06.94804785).

I pacchetti disponibili sono 3 (StartUp – GrowBig – GoGeek) tutti da utilizzare per essere utilizzati specificatamente con piattaforma wordpress, per una fase iniziale consiglio assolutamente il pacchetto GrowBig al costo annuale per il di 84 euro.
 

  • PERCHÉ SCEGLIERE SITEGROUND:
 
1.) È uno dei pochi hosting wordpress che permette di scegliere la locazione del server in fase di acquisto del servizio, (Chicago – Amsterdam – Londra – Singapore)

2.) Nome dominio gratis per sempre incluso nel costo del pacchetto hosting.

3.) Come specificato nelle caratteristiche importanti Siteground include Varnish SuperCache uno dei più potenti servizi di cache per incrementare le performance di velocità di wordpress.

4.) Siteground come spiegavo al punto 2, per facilitare chi ha poca esperienza o non vuole preoccuparsi di questioni che portano via del tempo, ha già preinstallato e configurato un sistema di cache per velocizzare le prestazioni di un sito in wordpress.

5.) Ovviamente ha un pacchetto hosting ottimizzato per essere utilizzato con wordpress ed è un “hosting wordpress preinstallato“.

6.) Anche siteground include backup automatici giornalieri.

7.) Possibilità di acquistare IP dedicato a un ottimo prezzo di 24 euro/anno.

9.) Incluso per il primo anno offre gratis certificato di sicurezza SSL, ottimo in caso tu stia pensando di sviluppare un sito wordpress ecommerce.

10.) Ovviamente anche siteground offre servizio di migrazione wordpress gratis, quindi se hai un sito da migrare se ne occupano loro.

11.) Ha un buon servizio di assistenza via chat che risponde in tempi rapidi e anche un servizio di assistenza con numero telefonico italiano.

12.) Garanzia di 30 giorni soddisfatti o rimborsati.

DIFETTO:

Un eventuale indirizzo IP dedicato può essere acquistato solo dopo aver acquistato il pacchetto hosting.
 
VEDI SITEGROUND  
 
 

VHOSTING

Vhosting da la possibilità di scegliere un pacchetto hosting wordpress specifico per questa piattaforma c’è anche la possibilità di scegliere pecchetti con prezzo low cost con 6 pacchetti diversi e ogni pacchetto include servizi e caratteristiche diverse, ovviamente è presente un un servizio di SuperCache.

Una particolarità da segnalare per questo hosting che ho trovato molto comoda, è che attraverso il pannello di controllo è possibile fare una copia duplicato del database istantaneo, quindi niente più esportazione e/o importazioni manuali, bastano 2 semplici click per creare una copia esatta di un database esistente.

Il pannello di controllo è di facile consultazione e molto intuitivo, viene specificata un’assistenza live via chat di skype ma poco professionale e non sempre si ottiene risposta.

Possibilità di acquistare il servizio anche per un singolo mese.

Vasta scelta di upgrade per hosting con server virtuali e dedicati, unmanaged e fully managed.

Vhosting è un hosting italiano che segnala possibilità di scegliere Data center in Italia – Germania – Francia.

Garanzia soddisfatti o rimborsati entro 30 giorni

Segnala Uptime del 99.80% VEDI VHOSTING  
 
 

NETSONS

Netsons in questi ultimi anni si è fatto valere sempre di più nel panorama degli hosting italiani wordpress, lo inserisco nella lista per la qualità dei servizi molto alta a prezzi decisamente buoni.

Il pacchetto hosting “BUSINESS” fornisce dei servizi abbastanza completi, dico abbastanza perché mancano alcune funzioni di base, ad esempio non è incluso nessun database che comunque si potrà scegliere nella fase successiva di acquisto.

Il pacchetto multi dominio è il più completo, include un nome dominio, possibilità di gestire nomi dominio illimitati, database da 500 MB, hosting frazionabile e molto altro.

Possibilità di acquistare anche hosting semi dedicato con tutti i servizi completi per gestire uno spazio web in modo più professionale.

Pannello di controllo Cpanel, uno fra i più utilizzati e di facile utilizzo, le uniche due pecche da segnalare è che manca un’assistenza via chat, ma sono disponibili numeri telefonici per contatto diretto in orari ufficio.

La locazione del Data center viene segnalata in Italia.

Segnala Uptime del 99,9% VEDI NETSONS  
 
 

HOSTING WORDPRESS ESTERI:

Se sei interessato ad utilizzare servizi hosting all’estero e visto che anche in questo caso l’argomento è piuttosto complesso ho scritto un articolo dove spiego e consiglio cosa valutare e come scegliere hosting per wordpress esteri.

Forse ti stari chiedendo anche perché molte persone scelgono di utilizzare servizi hosting all’estero fuori dall’Italia, nella maggior parte dei casi hosting wordpress americani, e nell’articolo spiego anche i motivi meno conosciuti che portano a questa scelta.

Ricorda che scegliendo hosting esteri di qualità, si avranno dei servizi molto superiori e nemmeno paragonabili rispetto a quelli forniti da hosting italiani, a partire dall’assistenza via chat con un operatore sempre disponibile a risolvere eventuali problemi, 24 ore su 24, 365 giorni all’anno, ovviamente in lingua inglese, ma con google translate non è un problema insormontabile.

Come tu ben saprai i problemi capitano sempre di sabato o domenica (come il mal di denti) oppure di sera a mezza notte e ti posso garantire che solo il fatto di sapere che con 2 semplici click hai un operatore via chat che ti aiuta a risolvere il problema in qualsiasi momento… bhe credimi tiri un gran sospiro di sollievo, specialmente quando hai il sito che ha deciso di non funzionare più come prima.


mi-piace-hosting
 
 
Se ritieni che questo articolo ti sia stato utile ti chiedo solo un piccolo sforzo per condividerlo.
 

LEGGI ANCHE:

 

 
 
 
 
 
Vietata la Riproduzione.
Protezione Copyright
 

√ Hosting wordpress: capire quale scegliere e come farlo ultima modifica: 2015-04-29T14:46:22+00:00 da Admin-Fausto
229 Commenti
  1. Ciao, sono una novellina, ma vorrei sapere cosa ne pensi di Aruba. Grazie

    • Salve Federica. Come puoi notare aruba non è stato inserito nella lista, io personalmente lavoro molto spesso su hosting aruba e non ho grosse difficoltà ma lo trovo abbastanza “ostico” specialmente per chi non è pratico ed è alle prime armi. Ciao.

  2. Ciao! Piccola info: sul sito di godaddy, tra gli abbonamenti hostingWP, alla voce “Deluxe” appare un’ulteriore voce: UNLIMITED WEBSITES.
    Vorrei sapere: cosa vuol dire?

    Eventualmente potrei caricare più siti (di diversi clienti) con domini differenti, tutti sullo stesso hosting?!

    Grazie per le info! 🙂

    • Salve Mirko, lo dice la parola stessa UNLIMITED cioè illimitati. Però se hai letto bene l’articolo che ho scritto ho anche specificato che “illimitato” non esiste, cioè prima o dopo si arriva a “saturazione”. Ciao.

  3. Post veramente interessante.
    Complimenti per il lavoro che svolgete.
    Mi interesso da poco tempo a WordPress e i suggerimenti che date sono molto utili.
    Grazie
    Marco

  4. la voce che però viene quasi omessa è BackUp. soprattutto per chi utilizza wordpress, è indispensabile sapere se c’è un servizio di backup e restore del sito e database, in caso di malfunzionamento, errata installazione, update ecc ecc. quali di questi hosting offre il servizio e quali no? e quanto costa? domande da un milione di dollari!! 😀 un salutone a tutti.

    • Salve Roy, nell’elenco delle “12 caratteristiche più importanti” è specificato anche il servizio di backup.

      Quando si acquista un pacchetto hosting se il servizio è incluso è sempre ben specificato nell’elenco delle caratteristiche, in alternativa esiste sempre una opzione disponibile per poter acquistare anche il servizio di backup. Ciao.

  5. Xlogic devo dire che è decisamente il miglior provider in circolazione.
    Ottima assistenza tecnica e veloce, praticamente 24 ore su 24.
    Nel mio sito ho avuto dei problemi legati a degli errori che ho fatto io e non al server, ma ho chiesto assistenza speranzoso che almeno mi potessero dare qualche indicazione, e mi hanno risposto dopo 10 minuti esatti dicendomi di essere entrati nel mio sito e di aver corretto l’errore, e per di più mi hanno dato una spiegazione dettagliata su che cosa avevo sbagliato e su come hanno risolto.
    Sono rimasto sbalordito, sono davvero eccezionali!
    Credetemi ne ho cambiati tanti di hoster, utilizzando in passato quelli più “famosi”, ma mai mi sono trovato bene come con Xlogic.
    Ora sono due anni che sono con loro ed ho trasferito 19 domini, mai avuto un problema.
    I server sono veloci e non ho nessun commento negativo da segnalare.
    Avendo solo cose buone da scrivere non mi viene in mente nulla, a parte le cose già dette.
    Consiglio di prendere hosting presso questo provider. FANTASTICI!

  6. Anche io voto per Xlogic, ottimo servizio.

  7. Ciao, ottimo lavoro, complimenti, sto cercando un hosting per un sito web creato da me con php e che utilizzi mysql db io conosco già aruba ma non ho grande esperienza riguardo i servizi di hosting, quanta e quale differenza c’è tra aruba e gli altri nomi da e riportati?Ho letto la tua prima risposta riguardo aruba, è un po ostico, ma qualitativamente, sinceramente è superiore agli altri?
    Grazie

    • Salve Mirko, come ho scritto nell’articolo non si tratta di capire quale hosting sia migliore o peggiore ma quale hosting fornisca delle caratteristiche che più si adattino al nostro progetto.

      I servizi che fornisce aruba, a seconda del pacchetto di servizi acquistato, può essere acquistato anche su altri hosting ma forse a parità di prezzo cambiano alcuni servizi che a seconda del nostro progetto potrebbero far decidere di acquistarne uno piuttosto che un’altro.

      Ad esempio acquistando su aruba il pacchetto “Hosting Easy Linux” si potranno creare e gestire solo 5 database MySQL mentre in altri pacchetti hosting come ad esempio il pacchetto “Personal 01” su http://www.vhosting-it.com permette di creare e gestire database MySQL illimitati (per la specifica “illimitati” leggere l’articolo).

      Altro esempio, io personalmente non acquisterò mai un servizio hosting dove non ci sia possibilità di avere un’assistenza via chat 7/24, servizio che aruba non fornisce, alcuni invece di questa possibilità non ne hanno bisogno…! Ciao.

  8. Concordo con Enzo, anche io ho affidato tutti i miei siti a Xlogic.org, sono molto professionali e con i siti non ho mai problemi.

  9. Quello che uso io per i miei siti wordpress, specialmente quelli dei miei clienti, è http://www.tantrahost.com, ha l’assistenza specifica per wordpress, te lo installano appena acquisti il piano assieme ai plugin più importanti, gratis naturalmente. Il supporto tecnico è perfetto, e i server sono stabili e veloci. Consigliatissimo!

  10. Leggo spesso di questi web hosting americani straconosciuti e spesso in molti blog i soliti hosting provider italini, alcuni anche riportati in questo articolo, che tuttavia non mi hanno lasciato mai totalmente soddisfatto, per questo l’esigenza di cambiare di nuovo per i miei siti in wordpress. Ho trovato un hosting provider italiano che seriamente mi ha soddisfatto fin’ora ( quasi un anno di contratto ad oggi ), si chiama Cheweb http://www.cheweb.it e spero venga pubblicizzato bene perchè già solo la cordialità ed efficienza dell’assistenza attiva via chat e ticket vale il prezzo dell’hosting.
    saluti

  11. Cambio da aruba a http://xlogic.org ha attivato tutti i servizi a 15 minuti dal pagamento. Direi un gran bel cambiamento! Soddisfattissimo!

  12. Io sono approdato da quasi sei mesi su hostingpartner, http://www.hostingpartner.it e ne sono molto soddisfatto, hanno dei piani di hosting specifici per WordPress e chi risponde ai ticket di assistenza da l’idea di conoscere molto bene il mondo wordpress.

  13. Ciao admin,
    una domanda secca: xlogic o vhosting? Sono solito usare Arvixe ma in questo caso ho bisogno di un hosting italiano.

    Grazie

  14. Grazie! E speriamo in bene

  15. Ciao Giulio, risposta secca, molto meglio xlogic, io provengo da vhosting e non mi sono trovato benissimo, ora sono su xlogic, un altro mondo.

    • Salve Antonio, “un’altro mondo” è abbastanza generico, gentilmente potresti spiegare perchè ti sei trovato male su vhosting? ciao grazie.

  16. Si Antonio mi piacerebbe avere altre informazioni.
    Grazie

  17. Ciao, grazie per tutte le info. Una domanda… io sono appena arrivato a Sydney, sto finendo un sito italiano ( sono un niubbo e autodidatta e ho usato aruba fino ad ora ) e mi piacerebbe provare a farne qualcuno anche qui nel tempo libero. Sapreste darmi qualche consiglio su come cercare un servizio di hosting qui? grazie. Luca.

    • Salve Luca, fornire un servizio hosting è abbastanza complesso e molto impegnativo, se sei alle prime armi ti consiglierei vivamente di lasciar perdere. Tieni presente che fornire un servizio hosting dovresti saper gestire cose complesse come ad esempio capirne di gestione server, capirne di sistemi Unix/Linux , database ecc…! Saluti.

  18. Temo di non essermi spiegato, chiedo scusa perchè ero appena arrivato a casa da lavoro in modalità zombie. Io non mi sogno nemmeno di provare a fornire un servizio di hosting ! Semplicemente vorrei qualche dritta da chi è più esperto di me su come muovermi per scegliere un host per realizzare siti web (con WP) qui in Australia. Fino ad ora ho utilizzato Aruba e non ho avuto problemi con due siti che ho già realizzato: me la cavo con la gestione database, MySQL, phpMyAdmin ecc ecc Sto dando un’occhiata a goDaddy Australia.. . che ne pensi? Grazie Luca.

    • Salve Luca, dovresti valutare anche il target utenti del tuo cliente, cioè se il tuo cliente è italiano e il target di utenti è principalmente solo italiano. Ad ogni modo come puoi vedere godaddy ha diversi data center sparsi in tutto il mondo fra cui uno proprio anche in australia quindi va bene. Ho inserito godaddy tra la lista proprio perche lo ritengo uno dei migliori servizi hosting per wordpress ovviamente basandomi dai servizi offerti e rapporto qualità/prezzo rispetto ad altri. Saluti.

  19. Grazie, si penso che proverò godaddy… comunque il target sarebbe quello australiano. Luca

  20. Ciao, articolo interessante e davvero completo!
    Ne approfitto per chiedere un’informazione: sto realizzando un piccolo blog personale, ho visto sul sito di Bluehost che non sono molto chiari sul prezzo, nel senso che le tasse le inseriscono solo alla fine del processo di acquisto e soprattutto ho letto su altri siti che dopo il primo anno il prezzo aumenta di molto (da circa 60 euro si passa a 85 circa, non ricordo di preciso)…vorrei chiederti se ti risulta quest’ultima informazione (cioè l’aumento di prezzo così sostanzioso al secondo anno, senza che ne diano avviso prima dell’acquisto).
    Grazie mille per l’attenzione!

    • Salve Christian grazie dei complimenti, il costo per il primo anno è di 34 euro (3,95 dollari/mese) ma come potrai notare per evitare equivoci nell’articolo ho scritto il costo totale di 62 euro anno che si dovranno pagare dal secondo anno, quindi non sono 85 euro! Tra l’altro in questo ultimo periodo l’euro è salito quindi non sarebbero nemmeno 62 euro ma 51 euro. Per quanto riguarda il tuo ultimo dubbio basta andare a fondo pagina del sito e cliccare su “regular rate”, è un po “nascosto” che il secondo anno si dovrà pagare il costo regolare ma il link che lo chiarisce c’è ! (ho aggiornato anche l’articolo cosi è piu chiaro) Saluti.

  21. Ciao, complimenti per l’articolo, molto utile.
    Mi è servito come linea guida per scegliere l’hosting e ho optato per BlueHost che mi sembra di aver capito essere il migliore. Una domanda, nel prezzo di 83.4 dollari/anno non sono compresi i costi aggiuntivi per i servizi come “SiteLock Domain Security”, “Site Backup Pro” etc vero?

    Grazie

    • Salve Andrea, grazie dei complimenti. La risposta alla tua domanda è affermativa. Saluti.

  22. Allora… ricapitolando… Io ieri ho acquistato un dominio su misterdomain.eu seguendo un tutorial su youtube. Sono inesperta ed alle prime armi. Vorrei creare un blog personale…dove un giorno inserire anche banner pubblicitari per trarre un guadagno da questo blog… Il mio computer è un macbook pro…. ma ogni volta che sono indecisa se o meno acquistare un hosting come alternative mi ritrovo solamente linux o windows…. processori totalmente diversi da quello che ho io sul mio mac… Esistono degli hosting particolare per chi come me ha un macbook o non centra assolutamente niente e quindi linux va benissimo anche qui sul macbook? Tra l’altro avrei bisogno di un hosting che fa i backup da solo…perchè io non sarei in grado di farlo….. Ho avuto un blog per pochi giorni su wordpress.com ma quando mi hanno detto che ovemai comprassi il dominio con il pacchetto da 80 euro ecc… non ho la possibilità di inserire banner pubblicitari…il che mi impedisce di ricavarci qualcosa un giorno… e poi volevo sapere se io decido di iniziare con un hosting…finito l’anno o i sei mesi… sono costretta a rimanere sempre con lo stesso o a cambiare?? ufff…sono confusa 🙁 qualcuno mi salviii.. grazie anticipatamente…

    • Salve Sara, il server di un hosting (linux o windows) non centra assolutamente con il sistema operativo e/o computer che si utilizza, una volta acquistato un servizio hosting si avrà a disposizione un pannello di controllo fornito dall’hosting dove poter gestire il sito.

      Tutti gli hosting in elenco hanno la possibilità di generare un backup che poi potrà essere scaricato e salvato sul proprio pc.

      Qunado si acquista un hosting con contratto semestrale o annuale alla fine del periodo per cui si ha pagato si può scegliere di rinnovare il servizio oppure di cambiare, ovviamente in caso si scegliesse di cambiare hosting sarà necessario spostare tutti i file nel nuovo. Saluti.

  23. Ti ringrazio Admin…alla fine ho scelto hostgator ma mi sta dando solo problemi. Mi ha bloccato il sito e vuole che gli mando una copia della patente e della carta di credito e io sto perdendo giorni preziosi per lavorare sul mio blog dopo aver pagato!!!! Io gli ho mandato una foto perchè dove sono adesso non possiedo ne una fotocopiatrice ne uno scanner, quindi non so cosa cavolo vogliono…sono veramente arrabbiata!

    • Salve Sara, è una cosa che può capitare quando si eseguono pagamenti tramite carta di credito specie se da paesi esteri…! E’ una questione di sicurezza sia per chi fornisce il servizio hosting e sia per lei, le basterà inviare una copia solo fronte della carta di credito nascondendo tutti i numeri tranne gli ultimi 4. Saluti.

  24. Ciao, sono novata in questione, ma valutando creare un blog e di dover scegliere un hosting…mi trovo con certi requisiti e dubbi, io ho nel mio computer windows 7…questo dettermina le mie scelte?…poi, volevo fare un sito-blog dedicato a disegno e pittura, laboratori e info…c’è tanto di immagini da caricare…poi, il blog mi è utile per tutorials, commenti, spiegazioni,farmi conoscere..valuto anche vendita di prodotti fisici: quadri e digitali(corsi, lezioni)…spero essermi spiegata!…gradirei un consiglio…spero risposta, continuo a leggere…grazie mille.

    • Salve Mariana, il sistema operativo utilizzato non centra assolutamente nulla, se vuole vendere anche alcuni prodotti/servizi consiglierei di scegliere un tema wordpress che abbia già la possibilità di impostare una sezione e-commerce.

      Come spiegato nell’articolo la scelta dell’hosting dipende da molte cose indicativamente consiglierei bluehost come hosting estero e vhosting come hosting italiano. Saluti.

  25. Per spostare il dominio di un blog/sito multilingue (target in asia, in europa e in america), quale hosting potrebbe essere indicato? Attualmente è su uno hosting giapponese, ma il pannello di controllo è decisamente faticoso. Meglio italiano o americano?

    Budget intorno ai 50 euro annui, utilizzo degli ideogrammi, quindi penso necessità di spazio disco over 10 Gb (quindi necessità di passare a piano superiore in caso di mancanza di spazio…). Spero le info bastino, un grazie fin d’ora per la cortesia…

    • Salve Ilaria, visto che il target di utenti non è solo italiano ma include anche america ed asia e considerato anche il budget che mi segnala consiglierei sicuramente bluehost dotato di un pannello di controllo molto completo e di facile utilizzo tenendo presente che i servizi di hosting esteri, principalmente quelli americani forniscono assistenza in caso di problemi 24 ore su 24 per 365 giorni all’anno, un’opzione da non sottovalutare.

      In futuro secondo gli sviluppi del sito si potrà estendere il piano hosting ad uno dedicato. Sarebbe anche una buona idea, visto il target di utenti internazionale prendere in considerazione l’utilizzo di un servizio DNS come cloudflare e/o altri che forniscono server sparsi in diversi paesi proprio per gestire meglio queste situazioni di target utenti internazionali. Saluti.

  26. Buongiorno,
    premetto che non sono assolutamente un esperto di informatica e di siti.
    Mi hanno già fatto prendere il dominio con OVH.IT e vorrei fare un sito tramite WordPress che faccia più da vetrina, con la presentazione di servizi che faccio e che includa la parte in italiano e in inglese.
    Non vedendolo nella lista vorrei sapere cosa ne pensa.
    Grazie, saluti

    • Salve Walter, il servizio hosting di OVH non l’ho inserito perchè a parità di costi rispetto ad altri i servizi che offrono sono minori, partendo in primo luogo dal pannello di controllo molto “scarso” e perchè a mio avviso in fatto di assistenza sono molto scarsi.

      Come specifico nell’articolo dipende anche molto dalle necessità del sito che si andrà a creare, da quello che scrivi stiamo parlando di un sito vetrina quindi non stiamo parlando di un blog o di un sito giornalistico che implica nel futuro un aumento di visite utenti e un inserimento di nuovi articoli quasi giornaliero quindi non mi preoccuperei più di tanto. Saluti.

  27. Articolo molto interessante. Attualmente il mio sito fatto con wordpress è su arvixe e mi sto trovando male, nonostante tutte le ottimizzazioni (spero corrette) che ho fatto, spesso ho rallentamenti e ogni tanto mi mandano mail o oscurano il sito dicendo che ho superato il limite delle risorse assegnate.

    Sto optando per VHosting: piano vps Linux, ancora non so se il piano base da 8€ al mese o quello appena superiore. Come funziona di preciso questo piano? Ho solo il S.O. e il resto me lo devo installare io? Devo gestirmi tutte le patch di sicurezza sia del S.O. e dei sw che installo? Solo le patch di apache e mysql dato che metterò wordpress? Grazie

    • Ciao Raffaele grazie dei complimenti, come scrivo nell’articolo dipende anche molto dalle singole esigenze e anche dal tipo di sito che gestisci, ad esempio se parliamo di un sito stile testata giornalistica si presume che andando avanti nel tempo il volume di traffico aumenterà sempre di più e cosi anche il volume dei contenuti che vengono inseriti quindi si potrebbe pensare anche ad acquistare fin da subito un VPS e/o servizi cloud, magari partendo anche dal pacchetto base con il prezzo piu basso ma deve ASSOLUTAMENTE esserci la possibilità di upgrade a piani hosting con pacchetti superiori perche altrimenti capiterà di ritrovarsi nella tua stessa situazione e cioè di dover migrare tutto in un’altro hosting più performante.

      Da tenere presente che acquistare un hosting che sia in VPS o dedicato o semi-dedicato o cluod presuppone che si sappia gestire un server, cioè devi saperti configurare tutte le opzioni necessarie per un corretto funzionamento e ti posso garantire che servono molto competenze.

      Quello che io consiglio è di acquistare servizi hosting managed, cioè dei server che includono anche le gestione da parte dei tecnici del servizio stesso, non si dovrà preoccuparsi di nessuna configurazione si occuperà di tutto il fornitore del servizio.

      Di hosting managed ne esistono molti, io da parte mia ti posso consigliare http://www.flamenetworks.com che fornisce pacchetti hosting linux managed, primo perché l’ho utilizzato personalmente per un mio cliente ed ho visto che il servizio è ottimo e poi perché il costo è uno dei più competitivi che si possano trovare. Ciao.

  28. Posso chiedere una cosa che non riesco a capire: ma volendo creare un blog su WordPress con dominio di primo livello, è per forza necessario affidarsi ad un hosting a pagamento?
    Cioè, se io mi limito ad acquistare solo il dominio per 10 euro l’anno o giù di lì cosa cambia?
    Lo chiedo perché ho un sito su Blogger, ho acquistato solo il dominio per pochi euro l’anno e lo uso tranquillamenta anche così, senza affidarmi ad alcun hosting esterno…
    Cioè, non capisco cosa cambia avere un hosting a pagamento o meno, ecco.

    E poi chiedo anche un’altra cosa: se è sufficiente acquistare il dominio anche su WordPress, questo mi permetterà di installare qualunque template premium o ci vuole un hosting a pagamento per poterlo fare?

    • Salve Giuliana, no non è per forza necessario affidarsi ad un hosting a pagamento ci mancherebbe, acquistare un servizio hosting significare essere indipendenti da altre limitazioni con altri servizi come ad esempio “blogger”. Tramite un servizio come blogger ad esempio non puoi ottimizzare il sito come si dovrebbe perchè non si può editare il file htaccess e/o altri fattori, non disponi di un servizio di assistenza come fornirebbe un servizio hosting che a volte può risolvere molti gratta capi.

      Cosi anche con wordpress.com, ad esempio non puoi installare dei plugin a tua scelta e cosi anche per i temi. Ho specificato anche altri punti a riguardo che puoi leggere in questo articolo che parla se meglio scegliere hosting gratuito o a pagamento. Ciao.

  29. Oh, finalmente inizio a capirci qualcosa, grazie mille per la risposta! 🙂
    Quindi, se ho capito bene, se non mi affido ad un hosting a pagamento su WordPress non posso ad esempio:
    1) Installare questo template: http://themeforest.net/item/udesign-wordpress-theme/253220
    2) Avere a disposizione caselle di posta e-mail
    Posso però creare un sito con ciò che WordPress mi mette a disposizione. Ho capito bene?…

    Su Blogger c’è da dire che ho acquistato solo il dominio e ho creato un blog modificando a piacimento il codice html e aggiungendo widgets vari. Ma forse su WordPress le cose funzionano un po’ diversamente…

    • Si ha capito bene. Quando si accorgerà che su blogger e su wordpress non potrà gestire tutto come vorrebbe e magari il sito avrà già preso piede e sarà online magari già da qualche anno sarà già troppo tardi…! Saluti.

  30. Salve e complimenti vivissimi per questo sito e per i vari contenuti proposti. Vorrei aprire un blog dove poter caricare video e foto oltre ai testi. Sto provando a cimentarmi con wordpress anche se non ho molta dimestichezza.

    Vedo che hai suggerito in vari casi Vhosting ma è italiano? Vedo che indichi Germania nell’articolo dedicato. Non ho inoltre ancora capito se per un blog bastano le offerte low cost minime o conviene prendere qualcosa in più. Capisco che dipende dalle esigenze, ma faccio fatica a ipotizzare una previsione. Come posso orientarmi? Grazie

    • Salve Tommaso, grazie dei complimenti ben accetti. Vhosting ha il data center in Germania e la sede legale è negli Stati Uniti d’America ma i servizi e l’assistenza sono tutti completamente anche in lingua italiana.

      Per orientarti senza ipotizzare previsioni tieni presente due cose, la prima è che sei alle prime armi quindi non complicarti la vita ancora prima di iniziare ad imparare a gestire un blog, la seconda è che anche acquistando un servizio hosting low cost potrai sempre acquistare dei servizi maggiori in un secondo momento vedendo gli sviluppi del tuo blog, ecco perchè nell’articolo scrivo che è importante avere anche la possibilità nel futuro di poter acquistare servizi hosting più “potenti” senza complicarsi troppo la vita.

      Anche se acquisti un servizio low cost e condiviso per iniziare va più che bene, sicuramente all’inizio non avrai un “carico” di visite utenti da creare problemi ad un servizio hosting low cost e condiviso quindi vai tranquillo, ma in ogni caso se avessi necessità di acquistare piani hosting più potenti lo potrai fare quando vuoi. Ciao.

    • Grazie mille per i suggerimenti e per la tempestività della risposta!

  31. Ciao Admin,
    pensi che Vhosting possa essere una soluzione a lungo termine? Mi sono annoiato a cambiare ogni anno servizio di hosting nella speranza di trovarne uno affidabile.

    • Salve Giulio, io lo uso personalmente per diversi clienti che hanno il sito su vhosting e fino ad ora ti posso dire che vanno molto bene però tieni presente che “l’affidabilità” parlando di hosting condiviso lascia il tempo che trova, dipende anche il tuo punto di vista di affidabilità. Sicuramente, visto che l’ho inserito nella lista, io lo consiglio anche per un buon rapporto qualità/prezzo riferito sempre ad hosting condiviso. Ciao.

  32. Si hai ragione admin. Mai avuto esperienze con siteground?

    • No mai avuto esperienze ma ho controllato i servizi che forniscono per i vari pacchetti e posso affermare senza ombra di dubbio che http://www.bluehost.com a parità di prezzi oltre che ad essere il servizio hosting consigliato da wordpress.org è migliore, l’unico punto a favore di http://www.siteground.com è che hanno anche un data center ad Amsterdam e potrebbe essere un buon compromesso per avere un server estero ma comunque vicino all’Italia. Ciao.

  33. Mi dispiace admin stò trasformando il tutto in una chat.
    Allora siteground o Vhosting?

    • Io personalmente vhosting che tra l’altro è anche in lingua italiana. Ciao.

  34. Caro admin,
    ero troppo curioso di provare e per un sito sono passato a siteground e la prima impressione è… impressionante. Dopo due ore avevano già provato a contattarmi telefonicamente per sapere perché non stavo usando il nuovo hosting visto che era già tutto trasferito e funzionante. Che dire se questo è l’inizio…

    Il prossimo lo proverò con vhosting

    • Caro Giulio, restiamo in curiosa attesa di testimonianza anche a lungo termine 😀 Ciao.

  35. salve a tutti,ottimo articolo! sto scegliendo un hosting dedicato per un sito ottimizzato e veloce. Un professionista mi ha comunicato che Netsons negli ultimi mesi ha dato non pochi problemi? Vi risulta?

  36. Innanzitutto complimenti per l’articolo; vorrei un consiglio in quanto ho un blog su host condiviso di OVH ma sto avendo grandissimi problemi di performance ed ero appena passato da un account perso a pro.
    Quale hosting mi consiglieresti? Utilizzo WordPress e i lettori sono quasi tutti italiani. Al momento ho circa 25000 pageview al mese.
    Grazie
    Davide

    • Salve Davide, dipende da cosa intendi per “problemi di performance”, qualche down al mese del sito? velocità? tieni presente che stiamo parlando (anche gli hosting che ho elencato) di hosting condivisi che chi più chi meno hanno sempre gli stessi problemi a differenza di quelli americani che a mio parere a parità di costi hanno una qualità migliore.

      Non pensare di passare ad esempio da OVH a VHOSTING e risolvere tutti i tuoi problemi. Dipende anche da quanto sei disposto a spendere per il tuo sito, potresti pensare visto che sei su OVH di passare ad un piano “VPS Low Latency” che mi sembra avere un buon costo e geolocalizzabile, in alternativa io consiglio VHOSTING visto che lo utilizzo spesso per alcuni miei clienti e anche io stesso ho un mio sito con loro. Saluti.

  37. Ciao, intanto grazie dell’utile articolo riassuntivo.
    Io non ne capisco molto ma dovrei costruire un sito per una piccola associazione di volontariato, dove inserire aggiornamenti sulle attività dell’associazione, foto e qualche video. Il tutto al prezzo piu economico possibile…hehehe

    Ti faccio alcune domande,scusami in anticipo per l’ignoranza:
    In base a queste poche info sul sito dove mi consigli di acquistare dominio e host?
    Se ho come sistema operativo windows non posso usare wordpress? (leggevo sopra che nasce per linux)
    Conosci WIX e nel caso che ne pensi?

    Grazie mille del tuo tempo
    Michele

    • Salve Michele, la tua domanda capita a pennello basta che tu legga la domanda prima della tua che ha scritto Davide, quando spendi poco hai poco, quindi poi non ci si può lamentare del sito che un giorno funziona e un giorno no. Se vuoi spendere poco scegli XLOGIC dove puoi acquistare un piano hosting discreto per 8 euro anno.

      Il sistema operativo del computer non centra nulla con il sistema server utilizzato, sono due cose diverse, l’importante è che il servizio hosting che acquisti utilizzi server linux, si conosco WIX e non lo consiglierei nemmeno al mio peggior nemico. Saluti.

  38. Ciao,
    grazie mille per la celere risposta.
    Intanto mi fido e abbandono subito WIX…hehehe

    Il nostro budget in associazione è di un centinaio di euro all’anno tra host e dominio. Con questo budget mi consigli comunque xlogic o ci sono anche altre possibilità.
    Nel consigliarmi ti prego anche di tener presente la facilità di utilizzo dell’host e dell’eventuale programma per realizzare il sito, vista la mia attuale ignoranza in materia.

    Ancora grazie
    Michele

    • Salve Michele, bhe a questo punto se il tuo budget è di 100 euro/anno ti consiglio vhosting, il pannello di controllo è sicuramente migliore di xlogic è facilissimo da utilizzare ed ha molte più funzioni, hai anche la possibilità di installare wordpress semplicemente attraverso il pannello di controllo, puoi acquistare il pacchetto “CMS hosting wordpress” a 30 euro/anno e per il primo anno è incluso il costo del nome dominio. Saluti.

  39. Salve Admin, grazie per la risposta: per la spesa del sito sono appena passato da 30€ a 70€ l’anno (da perso a Pro) sempre su OVH sperando di migliorare la velocità in apertura delle pagine.

    Come ti dicevo dal cambio sono passate 3 settimane ed il sito è andato offline almeno 6 volte per 3-6 minuti ed un volta per 33 minuti. L’apertura delle pagina è addirittura rallentata siamo sui 6 secondi circa e le foto presenti (generalmente 4o5) sono max 100kb l’una. Ho aperto diversi ticket di incidente e la risposta è sempre “abbiamo riscontrato e risolto il problema sul server che ospita il sito”…

    All’ennesima telefonata il supporto telefonico in Italia mi ha consigliato di passare ad un VPS: ora non so tecnicamente quali siamo i tempi e le procedure esatte x migrare il sito e soprattutto il livello di conoscenza tecnica x farlo… Hai qualche suggerimento in proposito?
    Grazie
    Davide

    • Salve Davide, il problema del caricamento/velocità del sito quindi delle pagine non dipende esclusivamente dal servizio hosting, puoi avere anche un server dedicato ma se poi installi ad esempio qualche plug-in che crea dei conflitti oppure che genera qualche errore avrai sempre problemi di “caricamento” (spiegato in modo semplicistico). Di sicuro che il sito sia andato offline 6 volte (nell’arco di quanto?) non è per niente una soluzione accettabile.

      Di norma l’upgrade avviene in 24/48 ore e di solito per la migrazione se ne occupa direttamente il servizio hosting però su ovh non lo so, dovresti leggere le condizioni per un upgrade o se possibile aprire un ticket e ricevere una risposta chiara che resti scritta e salvata.

      Se non sei pratico di server e configurazioni ti sconsiglio assolutamente anche solo di tentare nel provare a gestirlo, quello che consiglio a tutti (anche al sotto scritto) è di acquistare server managed, costa qualcosa in più ma non ti devi preoccupare ne di configurazioni ne di altri problemi e risparmi una quantità di ore infinite da dedicargli, ovviamente tutto dipende da che livello devi o vuoi arrivare. Saluti.

  40. Ciao Admin,
    direi ottimo.

    Mi rimane qualche dubbio da chiarire:
    – ho visto che nel pacchetto CMS hosting wordpress ti danno 2048 mb di spazio web, sono sufficienti per un piccolo sito o rischiamo di arrivare a saturazione? Scusa ma non riesco a quantificare quanto spazio possa servire.
    – ho visto anche che ci sono altri piani disponibili. Ad esempio il personal 4, che con 55 euro ha il doppio dello spazio web. Mi chiedevo se anche questo nel caso fosse compatibile con wordpress.

    Un’ultima domanda riassuntiva, io dovrei:
    – costruire il sito con wordpress
    – comprare spazio web e dominio
    – collegare il sito allo spazio web acquistato.
    Giusto???

    Un ultimissima cosa, di altervista rispetto a vhosting che mi dici?
    Grazie mille
    Michele

    • Salve Michele, 2048 MB sono 2 GB e sono più che sufficienti per un piccolo/medio progetto tenendo presente che nel caso in futuro si dovessero avere problemi di “spazio” si può sempre eseguire un upgrade passando ad un piano superiore.

      Le cose più importanti dello spazio web sono altre in primis il traffico mensile garantito (in questo caso 25Gib/mese), illimitati sotto domini e database il file PHP.ini personalizzabile…!

      I server di vhosting utilizzano distribuzione Linux e sono tutti compatibili con wordpress, devi semplicemente acquistare il servizio hosting con un nome dominio non devi collegare niente altro, dopo aver acquistato il servizio hosting con il nome dominio e atteso l’attivazione dovrai semplicemente installare wordpress e “lavorarci”.

      Altervista è più o meno uguale a WIX, non sei libero di gestire e fare quello che vuoi con il tuo sito e per quanto mi riguarda non vale nemmeno la pena perderci tempo. Saluti.

  41. Ciao vorrei capire ed essere consigliato su un sito di una associazione che devo fare, non vorrei prendere aruba perchè è molto lento anche nella visualizzazione delle pagine c’è molta latenza.
    ma i siti che tu hai menzionato xlogic VHOSTING danno pochissimo spazio sul disco al contrario di aruba che è illimitato, insomma io avrei bisogno di almeno 100gb, ma non spendere un capitale nel senso stare al di sotto dei 70 euro.

    • Salve Michele, forse non hai letto bene l’articolo dove spiego che lo spazio web illimitato in realtà non esiste, altro punto che forse non hai avuto tempo di guardare è che netsons con il pacchetto “FAST” offre spazio illimitato incluse molte altre caratteristiche più importanti che del solo spazio web ad un costo più o meno di 100 euro anno.

      Le caratteristiche più importanti che deve avere un hosting sono ben altre che lo spazio web e le ho elencate tutte nell’articolo, tenendo presente che come sempre specificato nell’articolo stiamo parlando di hosting condivisi.

      Se poi qualcuno vuole spendere 70 euro annui e avere un servizio hosting migliore di tutti gli altri che ne spendono 200 di euro anno è un’altro discorso 🙂 Saluti.

  42. Grazie per il consiglio

  43. Buongiorno Admin,
    grazie per i tuoi preziosissimi consigli.
    Vorrei sapere cosa ne pensi di 1&1 ed eventualmente, se lo conosci, quale tipo di abbonamento mi consigli.
    Non sono esperta e mi sono avvicinata ora al mondo di WP e vorrei fare due siti molto semplici per due appartamenti per vacanze che magari in futuro diventeranno 3 o 4. Se ho capito bene con lo stesso abbonamento si possono gestire più siti? L’abbonamento Unlimited parla di siti web illiminati, che significa? Grazie

    • Salve Hosteria, l’hosting http://www.1and1.it lo consiglio, gli unici due punti che mi sento di precisare è il pannello di controllo che non mette a disposizione molte funzioni per la gestione come per altri che utilizzano pannello Plesk o Cpanel e che ancora non forniscano un pacchetto hosting specifico e ottimizzato per essere utilizzato con wordpress, però come servizi hosting a parità di costi è buono se si utilizza il pacchetto unlimited specialmente per chi come nel tuo caso in futuro avrà necessità di gestire piu nomi dominio con lo stesso pacchetto hosting.

      Con il pacchetto unlimited “Siti web illiminati” vuol dire appunto che permette di gestire piu nomi dominio con lo stesso hosting, però la definizione “illimitati” come avrai letto nell’articolo lascia il tempo che trova, c’è sempre un limite. Saluti.

  44. Grazie Admin,
    sei davvero preparatissimo e velocissimo!
    Mi sa che avrò ancora bisogno del tuo aiuto in futuro…sono solo all’inizio…
    A presto e grazie di nuovo
    Buona giornata.

  45. Ciao,
    vorrei sviluppare un sito e commerce con wordpress. il numero di prodotti venduti sarà basso ed il sito sarà più una vetrina che un vero negozio on-line. Per la scelta di un hosting per realizzare un sito e-commerce con wordpress, c’è qualcosa in più da sapere rispetto a ciò che ha scritto nell’articolo? la ringrazio.

    • Salve Nicola, se si tratta “solo” di un sito vetrina indicativamente non c’è niente di cosi importante da doversi preoccupare, l’unico punto da precisare è che per un sito ecommerce in caso si volessero accettare pagamenti diretti tramite carte di credito (quindi non tramite paypal) si necessità di connessioni sicure tramite certificati SSL, anche se non credo sia il tuo caso. Saluti.

  46. grazie per la risposta.
    in realtà mi interesserebbe dare l’opportunità al cliente di pagare con carta di credito.
    Ma se ho capito bene il servizio SSL necessità di un IP dedicato, ed i costi aumentano.
    Mi saprebbe consigliare un hosting wordpress friendly che mi dia la possibilità di aggiungere un servizio SSL in un secondo momento?
    la ringrazio, un saluto

    • Salve Nicola, tutti gli hosting elencati nell’articolo hanno la possibilità di acquistare servizio opzionale di certificati SSL 🙂 Leggendo le caratteristiche del pacchetto si trovano sotto alla voce “Servizi opzionali”. Saluti.

  47. Salve Admin,

    innanzitutto grazie per la condivisione ed i preziosi consigli, tra i vari siti che ho visionato questo rientra sicuramente tra quelli migliori.
    Un po’ di informatica la mastico, anche se mi occupo di altro e non ho mai realizzato un blog, per questo dopo essermi documentato la mia domanda è: netsons o vhosting?

    Vorrei creare un blog semplice ma di impatto, dove poter condividere articoli scientifici e pensieri, con una buona grafica, credi possa andare bene il pacchetto da 15 euro + iva di netsons? Per quello che dovrebbe servirmi mi sembra un buon servizio e pensando che successivamente dovrei crearne un altro il prezzo sarebbe più contenuto.

    Ma soprattutto, cosa intendi quando di netsons scrivi: “non è disponibile un hosting per wordpress specifico e ottimizzato per questa piattaforma”?
    Su netsons leggo invece che tra i “siti con 1 Click” c’è anche WordPress, forse è stato aggiunto successivamente? In rete c’è anche un video tutorial che mostra come sia possibile installare wordpress su netsons direttamente dal pannello in pochissimi minuti. Cosa mi dici a riguardo? Se così non fosse allora valuterei l’ipotesi vhosting.

    • Salve Armando, il pacchetto da 15 euro/anno per iniziare va bene però ricordo che se un domani volessi creare un’altro sito, quindi registrando un nuovo nome dominio, dovrai anche acquistare un’altro pacchetto hosting perche il pacchetto da 15 euro/anno permette di gestire un singolo nome dominio, oppure dovrai chiedere un upgrade ad un piano di servizi superiore.

      Un hosting ottimizzato per wordpress non ha nulla a che vedere con quello che tu intendi, cioè la possibilità di poter installare wordpress dal pannello di controllo, un hosting ottimizzato per wordpress vuol dire che sono pacchetti hosting appositi per essere utilizzati con wordpress. Saluti.

  48. E cosa cambia di preciso?
    Io devo creare un sito semplice ripeto, dove inserire articoli vari, ma mi piacerebbe che avesse una bella grafica e perchè no, con il tempo e con l’esperienza renderlo anche più accattivante.
    Con Vhosting avrei più possibilità a riguardo? Cioè smanettare sui temi, sulla grafica ecc? Inoltre vedo che anche Vhsoting nel pacchetto consente di gestire un solo dominio.

    A parte questo avrei altri due dubbi, da neofita dell’argomento:
    La questione del datacenter: nel caso di Vhosting è in Germania, questo influirebbe sull’indicizzazione del mio sito su Google? Leggo che invece Netsons ha il datacenter a Milano.

    Il pannello di controllo: Vhosting utilizza Plesk, per un neofita è più difficile da utilizzare rispetto al Cpanel di Netsons?

    Grazie in anticipo e buona giornata 🙂

    • Salve Armando, la possibilità di lavorare su temi e grafica non centra nulla con la scelta dell’hosting.

      Acquistare un hosting che offre la possibilità di gestire più nomi dominio porta vantaggi da una parte e svantaggi dall’altra, il vantaggio è che si possono gestire più nomi dominio lo svantaggio è che gestendo ad esempio due nomi dominio tutte le risorse che offre il pacchetto hosting vengono divise per i due domini oppure tre, quattro e cosi via.

      Se il tuo target di utenti è italiano avere un server a milano sarà sicuramente più performante di un server locato in Germania ma con dei piccoli accorgimenti nell’ottimizzazione del sito le differenze diventano irrisorie.

      Il fatto di acquistare servizi hosting esteri, in questo caso in Germania, include diversi fattori dal solo fatto di dove sia locato il server, primo fra tutti è che essendo il server locato in Germania sei soggetto e leggi tedesche, altro fattore è che per l’acquisto del servizio hosting non sei soggetto ad iva.

      I due pannelli di controllo Plesk e Cpanel sono più o meno gli stessi, hanno alcune piccole differenze ma niente di cosi considerevole da poter considerarne uno migliore rispetto all’altro, sono tutti e due degli ottimi pannelli di controllo e di facile utilizzo. Saluti.

  49. Ciao, avrei anch’io una domanda.
    Io ho registrato il sito con aruba…ho visto solo adesso i tuoi suggerimenti.

    Ho preso un hosting per windows e linux.
    La prima domanda è…
    ma se io lavoro con pc/windows, posso usare linux?

    Seconda domanda..
    ho inserito i dati in dreamweaver per caricare i file di partenza di wordpress.
    Non mi si collega al server…
    E non capisco per quale motivo perchè se uso login e password riesco ad entrare nel pannello di controllo di aruba… Suggerimenti?

    • Salve Carola, per la prima domanda vedi a metà pagina commento e risposta per utente con nome “Sara C”, per la seconda domanda, perché stai usando Dreamweaver ?

  50. Buongiorno Admin,
    Ti volevo chiedere cosa pensi di Shellrent, offre pacchetti Hosting anche per WordPress, sono italiani e l’assistenza (almeno quella commerciale) mi sembra pronta e disponibile e il rapporto qualità/prezzo per le mie esigenze, piuttosto basiche (sto facendo un sito per affitti turistici “tradizionale”), mi sembra buono.
    Grazie

    • Salve Hosteria, diciamo che sherllrent è abbastanza buono a patto che tu stia parlando di acquistare il pacchetto hosting wordpress “all inclusive” da 30 euro anno piu iva. Da segnalare che in confronto a quelli che ho segnalato shellrent non mi fornisce diverse opzioni, tra cui la personalizzazione del file PHP.ini, domini di terzo livello solo 5 e non mi fornisce un backup giornaliero. Saluti.

  51. Grazie per il consiglio.
    Saluti

  52. Ciao, vorrei aprire un sito/blog in cui pubblicare le mie foto. Tendenzialmente vorrei fare un post a settimana e ogni post dovrebbe contenere almeno 6 foto con qualche riga di testo. Il tutto con wordpress.

    Quello che ti chiedo è: quale servizio hosting mi consigli per un sito prevalentemente di immagini?

    Seconda domanda: Tra un anno (o più) penso di aprire un altro sito (di altro genere). Quindi, prima o poi, mi ritroverò a gestire due domini. Dovrei scegliere un servizio hosting che mi da’ fin da subito spazio e domini illimitati? Qual’è il migliore secondo te in rapporto a qualità/prezzo?

    • Salve Luca, alle tue domande trovi già scritte le risposte nell’articolo, partendo sempre dal presupposto che parliamo di hosting condivisi puoi benissimo utilizzare un hosting che trovi in questa lista o anche altri, l’importante è che ci sia la possibilità in futuro di upgrade a piani superiori, in questo modo anche se adesso scegliessi un servizio hosting con uno spazio web limitato e caricando le tue immagini in futuro ti servisse di aumentare le potenzialità del servizio hosting potrai farlo senza grandi problemi.

      Per la risposta alla tua prima domanda ed alla seconda come hai notato ho già specificato brevemente nell’articolo anche l’argomento “spazio illimitato” quindi ti pregherei di leggerlo, per gli hosting che consiglio… sono già elencati in questo articolo… ?!?! Saluti.

  53. Ciao, da un po’ sto sperimentando WordPress in locale con XAMPP e vorrei provare a fare il grande salto creando un blog in rete e volevo sapere da te cosa ne pensi di dominiofaidate.com e http://www.tophost.it. Entrami mi sembrano validi ed economici, in caso contrario quale mi consigli per iniziare ?
    Grazie

    • Salve Maurizio, gli hosting che hai menzionato personalmente non li consiglierei nemmeno al mio peggior nemico. Per gli hosting che consiglio li ho già elencati nell’articolo e da quelli che hai menzionato tu c’è una differenza minima di prezzo, parliamo di differenze di 20/30 euro/anno in più, se poi uno per il futuro del proprio sito vuole spendere 10 euro/anno è liberissimo di farlo ma di sicuro non ci si può aspettare di avere servizi migliori rispetto ad altri hosting con prezzi maggiori ma anche con caratteristiche migliori. Saluti.

  54. Salve,
    non credo possa esistere altro sito più completo di questo.
    Ho letto tutto con molta attenzione, ma essendo neofita… ultrasettantenne, vorrei un consiglio per evitare di far pastrocchi!

    Desidero creare un sito semplice ma di buon effetto, spendendo il “giusto”.
    Mi getto su Vhosting oppure su Aziende Italia (il cui sito mi ha favorevolmente impressionato)?
    Ringrazio e saluto cordialmente.

    • Salve Antonio, se stiamo parlando di hosting condiviso (shared) a parità di prezzo e per i servizi inclusi vhosting è sicuramente migliore. Saluti.

  55. Grazie mille.
    Vi farò conoscere la mia esperienza.
    Cordiali saluti.

  56. ciao, mi hanno consigliato ServerPlan. Che ne pensi? Offre un buon servizio? Specifico che io son totalmente a digiuno a livello tecnico, e quindi ho bisogno di un sito di hosting che mi segua passo passo …

    grazie in anticipo

  57. Ciao Admin, innanzitutto complimenti per la chiarezza e completezza delle tue spiegazioni.
    Ne approfitto per chiederti un’informazione su di una cosa che non mi è chiara:

    Registrazione domini in upgrade a Premium su WordPress a 80 € all’anno);
    Società che offrono hosting a molto meno (50 o addirittura 18 € all’anno).
    Mi sembra di capire che anche quello di WordPress a 80€ ti dia un suo Hosting compreso nel costo,
    ma allora la differenza dove sta ?

    Ti ringrazio anticipatamente per la risposta.

    • Salve Paolo, la risposta è complessa. Come ho specificato nell’articolo, quando parliamo di hosting condiviso non ne esiste uno migliore di un’altro ma esistono invece esigenze diverse a seconda del progetto.

      Per alcuni il servizio offerto da wordpress.com potrebbe andare benissimo per altri invece no, ad esempio utilizzando il servizio di wordpress.com la locazione del server è negli stati uniti, altro esempio non si ha la possibilità di un’assistenza via chat e nemmeno la possibilità di un contatto telefonico in lingua italiana per eventuali problemi. Tutto dipende dalla propria esigenza. Saluti.

  58. Ciao! Volevo sapere quale hosting consigli per un portale di informazione, vale a dire una vera e propria testata giornalistica ma di piccole dimensione (massimo 5.000 visite al giorno).

    • Salve Saverio, dovrei vedere il sito se esistente. Consiglio sicuramente qualcosa di livello medio alto, quindi hosting VPS, server cloud, server dedicati, da valutare anche se avete qualcuno esperto che vi gestisce il tutto altrimenti vedere soluzioni server managed, dipende dal budget che volete investire… Saluti.

  59. No il sito non è ancora esistente, dovrà essere creato ex novo. Ho optato per Keliweb, vi dirò se ho fatto la scelta giusta 🙂

  60. Ciao, complimenti per le risposte veloci, avrei anche io una domanda.
    ho già un blog wordpress.com e utilizzo bluehost. Poi ho acquistato 2 domini .it e non riesco a utilizzarli con bluehost (tra le altre cose, per uno dei due dovrei fare il trasferimento).

    Premetto che ho iniziato da poco a fare internet marketing con gli info prodotti e quindi con pagamenti anche ricorrenti. Vorrei utilizzare un hosting italiano per avere possibilità di capire meglio quello che devo fare. Quale hosting mi consigli?

    • Ciao Silvana, i domini .it non li puoi trasferire su server fuori Italia come ad esempio bluehost però, puoi utilizzare il nome dominio .it utilizzando il server di bluehost tramite i DNS.

      Non ho ben capito quanti domini vuoi utilizzare con il servizio hosting e dove li hai acquistati, io ti consiglierei di utilizzare netsons pacchetto “hosting Multidominio” 6,90 euro/mese. Ciao buon lavoro.

  61. Grazie per la risposta, ho acquistato i domini .it su aruba solo dominio con gestione DNS e vorrei utilizzare entrambi sullo stesso hosting per cui farò come dici tu. Grazie.

  62. Ciao Admin complimenti per i suggerimenti sono ben equilibrati e condivisibili appieno(se faccio un blog su WordPress ti faccio Editor avanzato con plugin 🙂 ) .Volevo chiederti, visto che hai siti di clienti su Vhosting,se lo spazio ad esempio di 2 gigabyte è da suddividere per il database, per l’email e per la gestione dei files. Grazie e complimenti ancora.
    Code is poetry

    • Salve Ray, i database non centrano nulla con lo spazio web, sono una “funzione separata” ogni database ha un suo spazio limite, mentre per la gestione dei file incide lo spazio web fornito. Grazie dei complimenti, ciao.

  63. Ciao di nuovo. Ti ho chiesto questo Admin perché ho avuto esperienza con hosting di ONE.com che dava 10Gb(ora 15).gratis in prova per un anno con 1 database Mysql. Sul loro pannello proprietario nelle risorse c’erano tre voci con la suddivisione dello spazio totale annunciato in home page.

    In definitiva veniva frazionato un tot per il database,1 gb. per ogni cartella di posta e alla fine il restante per lo spazio web.Sono comunque pienamente d’accordo con te che quando si parla di spazio web si riferisce direttamente allo spazio in byte destinato a ricevere files e media programmi …etc. Comunque grazie per la risposta sei un vero professionista.

    • Se c’è una cosa che ripeto sempre a tutti è di evitare come la peste i servizi di hosting gratuiti, ma “fortunatamente” nessuno mi ascolta, più richieste di assistenza 😀 Grazie per i complimenti ciao.

  64. Ciao, ho già acquistato il dominio (.it) e ora sono alla ricerca di un hosting per la realizzazione di un magazine online. Dai consigli di questo utilissimo post avrei deciso di procedere con bluehost (va bene con il .it giusto?). Cosa devo selezionare? WordPress hosting o shared hosting? E come piano cosa mi consigli? Caricherò molte immagini al giorno e i relativi articoli. Grazie in anticipo per la disponibilità

    • Salve Francesca, se hai già acquistato il dominio dovrai configurare i DNS per utilizzare il servizio hosting di bluehost, (sarebbe cosi anche se volessi utilizzare un’altro hosting). Per l’inizio può andare bene anche il shared pacchetto “most popular”, non ti preoccupare anche se dovrai caricare molti contenuti/foto perche in caso di problemi potrai sempre passare ad un pacchetto con maggior “potenza”. Ciao.

  65. Per prima cosa i complimenti. Siete una miniera di preziose informazioni. Io personalmente uso hostgator e lo trovo ottimo. Gestisci più domini un accesso veloce mai avuto un problema. Anche io come tutti sconsiglio gli hosting gratuiti. Meglio investire una piccola cifra ed essere certi di poter lavorare bene

  66. Grazie per questo articolo dettagliato. Devo scappare da Tophost ed ho un sito in wordpress. Stavo pensando al tuo straconsigliato vhosting e mi chiedevo se va bene anche la proposta che chiamano PERSONAL 1 (1 Dominio Ospitabile – Offerta: 1 Dominio Gratis* – 1024 MB Spazio Web FTP/MySQL – 1024 MB Spazio Email Dedicato NEW!) oppure occorre quella specifica per wordpress? Inoltre il dominio conviene trasferirlo da top host o meglio cambiare dns?
    Grazie. Ciao

    • Salve Sonia, vhosting non è stra-consigliato è consigliato tanto quanto netsons. Se scegli vhosting piuttosto che il pacchetto personal 1 scegli il pacchetto “Hosting WordPress”, per quanto riguarda il trasferimento del dominio io ti consiglierei di trasferirlo piuttosto che utilizzare i DNS (in questo caso dovuto maggiormente dal fatto che sei su tophost, scelte pessima). Ciao.

  67. Grazie per la risposta tempestiva. Vhosting dice che il personal 1 può essere usato benissimo con wordpress. Ma, perdonami l’ignoranza, che differenza c’è quindi tra uno o l’altro (a parte il prezzo..)?

    • Si anche il pacchetto personal 1 può essere usato con wordpress (mai detto il contrario) per le “differenze” basta semplicemente leggere le specifiche di ogni pacchetto. Ciao.

  68. Non ho consigli da chiederti, almeno per il momento. Volevo solo farti i complimenti per l’ottimo articolo.
    E non mi capita spesso di farli 🙂

    • Salve Gianfranco, è un onore ricevere i tuoi complimenti, ti ringrazio molto. Una parte della mia bravura deriva anche dal fatto di aver letto spesso articoli nel tuo sito quindi ricambio i complimenti. Buon lavoro.

  69. Ciao sono alla creazione del mio primo sito. Ho necessità di un hosting per wordpress, un sito portfolio di immagini. Mi sono un po’ persa a leggere tutti i consigli, non riesco a sintetizzarli in una scelta.
    Non è un sito prettamente italiano perciò pensavo ad un hosting estero, ma temo la penalizzazione in velocità.
    E’ un dubbio lecito? puoi darmi qualche suggerimento?

    • Ciao Valentina, puoi usare vhosting che ha locazione in Germania oppure godaddy. Il fattore “velocità” dipende da diversi fattori. Se un sito è ben ottimizzato la differenza fra un hosting con server in Germania e/o in Italia non comporta nessuna rilevanza di penalizzazione. Ciao.

  70. Grazie mille per la risposta precisa e tempestiva.

  71. Ciao e grazie dei tuoi preziosi aiuti.
    Sono un programmatore ‘senior’ (VBA, COBOL) con poca esperienza web e sto cercando di imparare un po’ da tutti.
    La mia domanda : devo fare un due siti ; mi sto orientando su wordpress : se acquisto per esempio per questi due clienti dominio + spazio web su vhosting, significa che la registrazione del nomecliente.it che loro mi fanno sara’ poi di loro proprieta’, oppure magari fra tre anni se non si trovano bene, il dominio e’ comunque del mio cliente e loro me lo possono ‘mollare’ senza problemi ? Scusa se dico cavolate ma a forza di leggere blog mi si incrociano gli occhi …
    Un saluto e grazie in anticipo.

    • Salve Paolo, non ho ben capito quello che hai scritto, comunque, se acquisti un servizio hosting la proprietà è sempre del nome e cognome che viene registrato al momento dell’acquisto e ovviamente ci può fare quello che vuole! Ciao.

  72. Dal mio punto di vista occorre capire come generare tranquillità, mi spiego. Caso per caso si dovrebbero scegliere le condizioni di affidabilità e di sicurezza adatte al progetto web specifico. Di quante risorse hai bisogno adesso? E fra un anno? Da questo punto di vista la soluzione dotata di maggiore solidità potrebbe essere un server virtuale, proprio perché scalabile. Che ne pensate?

    • Ciao Francesco, è quello che ho spiegato nell’articolo, però almeno per l’inizio è difficile capire come si svilupperà il progetto/sito ed è per questo che chiarisco che anche scegliendo un servizio di hosting condiviso l’importante è che ci sia, per il futuro, la possibilità di eseguire upgrade a pacchetti con servizi superiori senza dover migrare ad un’altro hosting. Sicuramente, valutare bene il progetto che si ha intenzione di sviluppare permette una scelta più “mirata”. Ciao.

  73. Ciao, attualmente ho un hosting reseller su keliweb. Mi trovo piuttosto bene se non fosse che le prestazioni sono discrete, non posso modificare il file php.ini, sto quindi valutando siteground. Ho pochi siti web, la maggior parte in wordpress, sono siti di piccole attività locali con poco-medio traffico. In termini di prestazioni e velocità cosa mi consigliate, Keliweb o Siteground?
    Grazie

    • Salve ZenZu, bhe non credo se effettivamente ci siano “prestazioni discrete” derivino solo dal fatto che il file php.ini non sia modificabile, anzi, bisognerebbe anche capire che tipo di analisi hai eseguito per affermare che le prestazioni siano discrete. Prima di tutto visto che hai un pacchetto reseller ti consiglierei di contattare keliweb a far presente che per le tue necessità hai bisogno di questa funzione e se te la possono “concedere” e comunque esistono anche modi indiretti (anche tramite file htaccess) per modificare funzioni impostate di default tramite php.ini, tutto da capire cosa ti serve modificare.

      Ultima cosa, se vuoi veramente passare ad un’altro servizio hosting con pacchetto reseller ti consiglierei prima di tutto di valutare che i servizi/condizioni del nuovo reseller siano migliori di quello attuale e magari, acquistare il servizio reseller e “testarlo” prima di abbandonare il vecchio, potresti capire che stai passando dalla padella ad un’altra… padella Ciao.

  74. Ottimo articolo, mi hai aiutato a scegliere il piano di hosting! Certe volte comunque l’assistenza e il backup sono la differenza fra la vita e la morte 😀

    • Grazie Simone e ovviamente non posso che essere d’accordo con te anche se alcuni lo capiscono troppo tardi 😀

  75. Ciao! Da poco ho aperto un blog su wordpress e mi è venuto un dubbio circa lo spazio disponibile che wordpress dà a disposizione con la versione base gratuita (ovvero 3 mb se non sbaglio). Una volta raggiunto tutto lo spazio, che posso fare? Devo acquistare necessariamente un aggiornamento? Inoltre leggo ovunque che parlate di hosting… io non ho capito di cosa tratta! Scusa, ma sono un’ignorante totale in questo campo, è la mia prima esperienza xD

    • Salve Alessia, si ti sbagli lo spazio fornito è 3GB. Una volta raggiunto lo spazio dovrai per forza richiedere un upgrade quindi a pagamento. Più dello spazio è da tenere in considerazione che non potrai gestire il sito in piena autonomia cioè ci saranno alcune cose che non potrai mai fare su wordpress.com a differenza di un servizio hosting dove potrai gestirlo come meglio credi (spiegato in parole semplici).

      Un hosting è un servizio che mette a disposizione tutte le applicazioni che servono per creare e gestire un sito web in piena autonomia, questo vuol dire che avrai un pannello di controllo per poter gestire tutte le funzioni, un accesso FTP, gestione database ect. Ciao.

  76. Un ottimo articolo, sopratutto perchè va sugli hosting italiani.
    Avere un hosting wordpress che sia facile da usare e versatile e soprattutto facilmente installabile in poco tempo è un valore aggiunto.
    Poi se lo spazio disco è su ssd, ancora meglio!

  77. Ciao, ho intenzione di aprire un sito/blog per la mia attività da libero professionista e mi sto imbattendo nelle hosting company, ma ho difficoltà a comprendere una cosa. In una sito di hosting,(server plan) ti danno 2 possibilità o acquisti un hosting condiviso, linux o windows (vari sono i profili, che puoi scegliere) con all’interno già cpanel, oppure acquisti direttaente un hosting csm wordpress. Ma non capisco quale sia la differenza tra un hosting condiviso,(con cpanel quindi già wordpress) e l’acquisto di un hosting csm wordpress?
    grazie

    • Salve Fabio, in effetti non c’è nessuna differenza, dipende solo dal piano che scegli, “Starter kit”, “startup” ecc… da stare attenti al pacchetto Starter kit perchè non fornisce la funzione Easy app” Ciao.

  78. Grazie, sei stato gentilissimo, difatti penso che acquisterò la versione startup, con 50 euro di credito google adwords, non mi sembra male.

  79. Ciao. Devo creare un blog wordpress che verrà aggiornato di continuo, almeno due o tre volte a settimana soprattutto con articoli e anche qualche filmato. Avevo pensato al servizio di Netsons che offre il pacchetto Business con Linux e Installatron incluso per installare WordPress in maniera automatica.
    Volevo chiedere a quanto spazio web disponibile è consigliato prendere un servizio? Non trattandosi di poche pagine di presentazione di un sito statico ma in continua crescita e trasformazione potete darmi un suggerimento?
    Grazie

    • Salve Sabina, se scegli quel pacchetto di netsons lo spazio è illimitato ma per questo punto leggi la sezione in questo articolo dove ne parlo!

      Come ho scritto sempre in questo articolo almeno per l’inizio non ti porre questo problema l’importante è che ci sia la possibilità di scegliere pacchetti con servizi più “potenti” cosi nel caso, non dovrai migrare il sito da un’altra parte, ti basterà chiedere un upgrade al servizio e basta. Saluti.

  80. Ciao, devo creare un sito/blog/e-commerce wordpress, finalizzato alla vendita di prodotti di rivestimento in legno come pavimenti parquet e affini. Sono indeciso tra vhosting piano 10 e netsons multidominio (ho l’esigenza di più domini). Voi cosa mi consigliate tra i due? Sapete per caso se ci sarebbe la possibilità d’avere l’IP dedicato con questi 2 piani? Grazie mille per la disponibilità. Saluti. Omar

    • Salve Omar, il piano multidominio di netson fornisce qualcosa in più ad un costo minore in confronto al piano di vhosting, però quel pacchetto non ti fornisce un IP dedicato al contrario di vhosting che con il piano 10 (hosting frazionabile) fornisce un buon pacchetto e con possibilità di scegliere IP dedicato.

      Se proprio dovessi essere costretto a scegliere io personalmente preferirei (almeno all’inizio) avere qualche opzione in meno ma avere un IP dedicato senza ombra di dubbio.

      In caso scegliessi vhosting contatta per avere conferma disponibilità IP dedicato. Ciao.

  81. Buonasera,
    sto aprendo un blog wordpress, non ho nè un dominio nè un hosting e vorrei acquistare un piano che li comprenda entrambi. Il mio blog avrà poche pagine e aggiungerò tre o quattro articoli a settimana. Cosa mi consigli? Voglio un piano annuale.
    Grazie

    • Salve Arianna, puoi usare benissimo vhosting scegliendo il pacchetto low cost “Personal 02”, per il primo anno offrono il nome dominio gratuito. Ciao.

  82. Ok Fausto. Grazie mille per l’info precisa e puntuale. A presto. Omar

  83. Ciao.
    Scusami mi vorrei soffermare sulla tua affermazione che per esempio GoDaddy ha un prezzo di 36 euro annuali. Beh, io sto cercando un hosting dove migrare il mio blog che adesso è sito su wordpress.com, ma GoDaddy per il piano WordPress ha un costo di 4,87 al mese (il primo anno) e al rinnovo di 8 euro al mese. Quindi non capisco a che piano hosting ti riferisci

    • Ciao Sara, si in effetti GoDaddy ha cambiato i prezzi e visto che dopo il primo anno il costo aumenta a 8 euro mese dovrò per forza rivalutare il discorso se consigliare o meno questo hosting che per il pacchetto basic a quel costo è quasi un furto.

      Ho letto un po’ il tuo sito e l’articolo che parla di come hai lasciato l’Italia, è interessante (forse un po’ breve), prendi in considerazione il pacchetto low cost di vhosting “Personal 02” (30 euro/anno) oppure scrivimi qualche informazione in più su quello che stai cercando! Ciao.

      PS: Per fortuna hai deciso ancora in tempo di “mollare” wordpress.com !

  84. Dunque, vorrei un hosting low cost, non più di 30 euro annuali perchè non ripongo speranza di guadagno. Sto per iniziare a lavorare quasi full time, non avrò molto tempo da dedicarci, vorrei solo un mio spazio per creare un blog personale dove condividere le mie esperienze e un portfolio delle mie foto all’estero, essendo una fotografa amatoriale.

    Avendo già un dominio vorrei trasferire anche esso (per non perdere la testa con rinnovi di un dominio in un sito, rinnovo hosting in un altro etc) ma con il pacchetto vhosting il trasferimento non è compreso ma al costo di 10 euro. Inoltre al rinnovo il piano viene a costare circa 50 euro, lo trovo eccessivo per i 2 giga di spazio offerti.

    Sono molto confusa perchè non essendo esperta (essendo il mio primo hosting) non so dove orientarmi, di chi fidarmi, chi fa overselling e chi no. Appena mi comincio a fidare di un hosting leggo tantissime recensioni negative.
    Le uniche recensioni sempre positive sono su siteground (sebbene, secondo la mia opinione, si trovano solo recensioni scritte nello stesso identico modo, ciò mi fa quasi pensare che la gente viene pagata da siteground per una buona recensione). Non metto in dubbio sia un servizio eccellente ma onestamente non fa per me spendere così tanto per un progetto non ambizioso.

    Motivo per cui, non so davvero di chi fidarmi e da chi comprare un hosting lowcost standomene tranquilla e usando il mio tempo libero solo per aggiornare il blog e non per preoccuparmi di problemi relativi all’hosting. E’ per questo motivo che ci sto mettendo un pò nella scelta del self hosted. Se saprai aiutarmi ti farò una statua.

    • Ciao Sara, mi sorge il dubbio che tu non abbia letto bene l’articolo. Se lo hai letto dovresti aver capito che stiamo parlando hosting condivisi e che più o meno non ne esistono uno migliore di un’altro, esistono differenze sulle opzioni offerte dai pacchetti ma in fatto di “qualità” non cambiano molto.

      Se bastasse acquistare un pacchetto hosting a meno di 30 euro/anno per avere la sicurezza di non perdere la testa in eventuali problematiche lo farebbero tutti ma “fortunatamente” non è così, altrimenti io non spenderei più di 300 euro/anno per l’hosting che ospita il mio sito.

      Non serve farmi una statua semplicemente perchè non ci sono segreti da scoprire o guide speciali, la situazione è questa e questo è quello che puoi avere con hosting condivisi, in fin dei conti stiamo parlando di SOLO 30/40 euro all’anno.

      Siteground da alcuni punti di vista è un buon hosting ma come ho scritto nell’articolo dipende anche dalle singole esigenze e nel tuo caso non è una buona scelta ed è anche troppo costoso.

      Se non vuoi spendere nemmeno 30 euro/anno utilizza il servizio gratuito di wordpress.com dove penseranno loro a tutto e non avrai “questioni” di cui preoccuparti ma se hai scelto di spostare il sito da wordpress.com vuol dire che hai già capito le problematiche di un servizio gratuito su wordpress.com e questi sono gli stessi problemi che si possono avere scegliendo servizi hosting a prezzi bassi. Ciao.

      NB: vhosting costa 30 euro/anno al secondo anno si dovrà solo pagare in più il nome dominio.

  85. Ciao, complimenti per l’articolo condiviso, che ho trovato ovviamente perchè mi sto imbattendo nella scelte di un host migliore del mio tophost, che scelsi all’epoca quando non avevo ne pretese ne conoscenze in merito.

    Il sito è mio, non ci guadagno niente e non vende niente, è poco più di un blog, ma ci tengo che non abbia rallentamenti e che, magari, sia un buon punto di ritrovo per chi legge i miei post o chi ha bisogno dei contenuti che offro..
    Stavo valutando shellrent, che con IP dedicato costa 59 euro l’anno, cosa ne dici? lo conosci? Grazie intanto!

    • Ciao Simone, grazie dei complimenti ben accetti. Per shellrent ho conosciuto uno dei titolari (Nicola) e ho visitato la loro sede visto che sono qui vicino a Vicenza, ma non ho mia utilizzato un loro servizio hosting.

      Per il pacchetto che specifichi tu, che credo sia quello da 19 euro/anno, a questo prezzo e viste le caratteristiche è molto buono, backup settimanale, controllo malware, dimensione database illimitato, htaccess riscrivibile.

      L’unica cosa con cui ho discusso con Nicola e per la quale non ho voluto e potuto inserire shellrent nell’elenco è che non utilizzano pannello di controllo Plesk/Cpanel per cui la gestione delle funzioni non è proprio “comoda” e abbastanza miniale.

      Per tutto il resto e visto per quello che ti serve, per 19 euro/anno e con quelle caratteristiche lo consiglierei, almeno per l’inizio. Ciao.

  86. Ho tre siti su tophost e due su aruba, sto cercando un nuovo hosting per trasferirli, mi hanno consigliato l’hosting base di xlogic.org per la velocità e l’assistenza, i miei siti fanno circa 1000 utenti per giorno 160GB di banda sono sufficenti? Grazie per la risposta.

    • Salve Nadia, se vuoi passare dalla padella alla brace puoi scegliere xlogic. Comunque, in questo caso le informazioni che fornisci sono poche, devi spostare anche tutti i nomi dominio ? oppure gestisci tramite DNS ?…

      Per quale motivo vuoi spostare i tuoi siti in un’altro hosting ? Pensi veramente che passare da un hosting da 10 euro/anno ad un’altro hosting da 10 euro/anno possa migliorare la situazione ? A meno che tu non abbia intenzione di acquistare pacchetto Premium e/o Master ma per quelle cifre esistono hosting con opzioni migliori e più complete. Ciao.

  87. Ciao, per esigenze di lavoro io ho la necessità di inserire un numero elevato di immagini nel mio sito/blog wordpress….adesso uso un hosting tophost….ma ho esaurito lo spazio. Cosa mi consigli per risolvere il problema?
    Ti ringrazio da subito, Elena.

    • Ciao Elena, questo è il classico problema che ho spiegato nell’articolo, scegliere un hosting che ti consente di acquistare un upgrade a piani superiori senza dover migrare il sito in un’altro hosting ti fa risparmiare 10 anni di vita.

      Non mi specifichi però quanto spazio hai disponibile con il pacchetto che hai acquistato ? 10GB ? In caso dovessi spostare il sito (cosa probabile) sapresti farlo da sola ? Magari se ti è possibile lasciami il link del sito. Ciao.

  88. Ciao Admin, grazie per questa guida!

    Ho 2 domande per te:

    – cosa ne pensi di One (one.com) per l’hosting?
    – io devo creare un sito e-commerce, per adesso non so quale sarà l’utenza comunque io sono in Italia ma vorrei che fosse facilmente raggiungibile anche da fuori. Che hosting mi consiglieresti? Ho visto che per gli e-commerce servono caratteristiche più precise/costose? Io sono all’inizio perciò non avrò tantissimo materiale da caricare (credo per ora max 20 modelli di prodotto con relative varianti, + ovviamente foto e forse, ma non per forza, un video).

    Quale potrebbe essere una soluzione adatta per me?
    creerò il sito con un tema WordPress.

    Grazie in anticipo! Federica

    • Ciao Federica, grazie dei complimenti. Perchè dovrà essere raggiungibile da fuori ? Userai una lingua diversa dall’italiano ? o ricerchi clienti che acquistino dall’estero ?

      Come metodo di pagamento cosa utilizzerai ? Solo paypal ? Quanto vuoi spendere al mese ?

      One mi ha contattato mesi fa chiedendomi se ero interessato ad inserire il loro servizio, quindi mi hanno aperto un account demo per poter valutare varie opzioni ma purtroppo ha un pannello di controllo che letteralmente mette tristezza per niente pratico ne da capire ne da usare cosi, personalmente, ho declinato ed è per questo che non lo consiglio!

      Ciao.

  89. Ciao Fausto ho un 10 giga tophost ma non so se è possibile un upgrade con loro. Il mio sito elenaceramiche.com le foto per me sono vitali lo stavo costruendo quando mi sono bloccata. Grazie,Elena.

    • Ciao Elena, è possibile chiedere un upgrade ma per passare a cloud ma in ogni caso forniscono al massimo 20 GB di spazio e non sono managed quindi dovresti essere in grado di auto gestirtelo.

      Trovare servi hosting condivisi a prezzi “accettabili” che forniscano più di 20 GB di spazio non è possibile, altrimenti dovresti passare a servizi più professionali tipo VPS, semi dedicati e dedicati da almeno 20 euro al mese.

      L’unica cosa che mi viene in mente abbastanza semplice di poter usare è acquistare uno spazio web disco virtuale, un data storage per capirci, caricarci le immagini e usare il diretto dell’immagine inserendolo nel sito dove serve.

      Ho dato un’occhiata al sito ed ho scaricato una foto a caso (porta ombrelli blu) che pesa quasi 1 MB, sarebbe il caso visto che “lavori” molto con le immagini di preoccuparsi di ottimizzare quanto più possibile le immagini. Ciao.

  90. Complimenti, bellissimo articolo: il più completo in merito che ho trovato nel web!!

    Volevo fare una domanda: che hosting mi consigliereste per realizzare un blog (quindi con frequenti caricamenti di articoli sempre nuovi), con uno spazio dedicato all’iscrizione alla newsletter e uno spazio dedicato all’e-commerce?

    Il target dei clienti è italiano…ero tentato da SiteGround ma la mia ignoranza della lingua anglosassone mi frena un po’ nella decisione 🙂 Scusate la domanda forse un po’ stupida, ma sono alle prime armi!

    • Ciao Matteo, ti ringrazio veramente molto dei complimenti, se puoi condividilo te ne sarei grato. Dovrei capire perchè sei tentato più da siteground che da altri…!

      In ogni caso se ti trovi un po’ in difficoltà con questa maledetta lingua inglese (che oramai è dappertutto come il prezzemolo) evita di complicarti la vita per niente, a meno che tu non mi dia un motivo valido per scegliere uno invece di un’altro, tra l’altro siteground lo consiglio nell’articolo dove parlo di hosting esteri, ma non è proprio cosi economico (almeno per l’inizio).

      Tra l’altro ti segnalo visto che non ho ancora avuto tempo di aggiornare l’articolo che vhosting ha integrato in tutti i pacchetti hosting per wordpress i sistemi di caching per velocizzare al meglio il sito Varnish SuperCache, Dynamic Cache, Mem Cached e puoi iniziare con il pacchetto “WordPress 01” a 40 euro/anno e in caso di bisogno nei mesi successivi di più “potenza” puoi sempre chiedere upgrade ai piani superiori e ovviamente hai tutto in lingua italiana 😉

      Tra l’altro domani dovrebbero fornirmi un codice sconto del 10% per tutti i miei utenti. Ciao e fammi sapere cosa hai scelto.

      NB: Se hai un target di utenti in Italia valuta anche che siteground ha il server ad Amsterdam mentre vhosting in Germania.

  91. Grazie mille 🙂

  92. Non me ne intendo molto, ma in molti mi avevano consigliato SiteGround. Dopo aver riletto l’articolo comunque sto rivalutando le mie scelte e pensavo di utilizzare Netsons (professionale semidedicato): tra questo e Vhosting cosa utilizzeresti al mio posto? Hanno qualche differenza rilevante?

    • Ciao Matteo, al tuo posto senza ombra di dubbio netsons è più professionale e lo dice anche il costo stesso. Differenze sostanziali? La prima in assoluto che ha server in Italia e non in Germania come vhosting, offre database da 500MB e monitoraggio server.

      Se vai alla sezione contatti puoi compilare il modulo apposito per essere ricontattato e ricevere una consulenza. Ciao.

  93. Grazie mille, sei stato chiaro e gentilissimo! Spero in nuovi articoli interessanti 🙂

  94. cosa ne pensi invece di Hostgator?

    • Ciao Silvia, tempo fa lo avevo inserito nella lista ma nell’ultimo periodo ha perso terreno nei confronti dei competitor, andrebbe valutato anche a seconda del sito che vuoi creare e capire perchè vuoi utilizzare un hosting con un server in America, magari leggiti il sito dove parlo di hosting wordpress esteri dove trovi due hosting e ti spiego anche perchè sceglierli. Ciao.

  95. Ciao, come puoi vedere ho creato un sito per pubblicare articoli d’arte e filosofia. Essendo una principiante ho scelto la versione di wordpress ospitata su wordpress.com, solo che mi sono resa conto di non poter installare plugin e di non poter utilizzare molti degli strumenti di ottimizzazione SEO.
    le mie domande sono due:
    1. posso eventualmente spostare il mio sito dalla versione gratuita WordPress.com a una versione ospitata su un Hosting a pagamento senza dover ricominciare tutto da capo?

    2. che genere di hosting mi consigli di acquistare? purtroppo ho un budget ridotto, quindi temo di dover optare per qualcosa di economico. Grazie mille, Federica.

    • Ciao Federica, si ho visto il sito e mi dispiace perchè sei rientrata proprio nella categoria che ho elencato al numero 3, cioè chi utilizza il servizio di wordpress.com. Si può benissimo spostare tutto, cerca online, ci sono molte guide che spiegano come fare.

      Se vuoi partire con una soluzione più economica ma abbastanza buona vai su netsons.com e nel menu “Hosting” scegli “Hosting professionale” che costa 19 euro/anno. E non te la prendere più di tanto, per fortuna sei ancora in tempo a risolvere… Ciao.

  96. grazie mille! 🙂

  97. Ciao Fausto, se è vero che la classe non è acqua, avendoti conosciuto aggiungo che ci sono diversi livelli di classe e tu nel tuo lavoro sei al top.
    Grazie come sempre

    • Salve Antonio, se solo la metà dei clienti con cui ho a che fare ogni giorno fossero come voi avrei risolto il 90% dei problemi della mia vita !!! Grazie come sempre dei complimenti.

  98. Anche io ho un blog, ma su wordpress.com stavo valutando l’idea di acquistare un servizio hosting, con relativo passaggio del blog su wordpress.org.

    Ma quello che mi frena è la mia totale ignoranza in materia.Per questo mi sto orientando per fare un semplice upgrade.Ma vorrei imparare, da dove mi consigli di iniziare?

    • Ciao Patrizia, scusami ma non ho capito, vuoi fare un upgrade o “spostare” ?

  99. Innanzitutto complimenti per l’articolo.

    Io devo trovare un hosting per il sito che sto realizzando per la mia azienda, per adesso vetrina con l’idea, in un vicino futuro, di farci anche un blog e una sezione di vendita prodotti online. Budget massimo attuale 120 euro/anno. Ti dico le soluzioni che sto valutando per chiederti un consiglio, sia tra queste sia per eventuali altre alternative migliori che rientrano nel budget.

    Netsons Business a 88,00 euro/anno o Netsons Semi dedicato a 60,00 euro/anno mi sembrano valide ma ho il dubbio di qualche recensione negativa di Netsons letta in giro.

    Keliweb WordPress a 94,80 euro/anno e KeliCMS a 59,00 euro/anno, dalle descrizioni mi sembrano praticamente uguali , non capisco la differenza tra i due, inoltre Keliweb WordPress ha un prezzo leggermente superiore a ogni altro, è un prezzo che dipende da qualcosa di realmente superiore? Tra l’altro per il backup automatico vogliono altri 60 euro/anno.

    Vhosting WordPress da 40,00 a 60,00 euro/anno, ho visto lo consigli e i prezzi mi sembrano bassi confrontati ai concorrenti, ma i servizi offerti sono inferiori ai due precedenti?

    Grazie sia per l’articolo che per le eventuali risposte.

    • Ciao Saverio, keliweb lascialo perdere, l’ho inserito perchè offre più possibilità di scegliere varie opzioni come proprio il servizio di backup che in caso una persona fosse “esperta” il backup preferisce farselo manualmente per una serie di motivi (come il sotto scritto), inoltre keliweb fornisce disco SSD.

      Vhosting lo consiglio sicuramente è molto valido ma ha caratteristiche inferiori al pacchetto che hai menzionato del netsons business (vedi ad esempio spazio disco) e l’ho inserito nella lista perchè non tutti vogliono iniziare con un costo come quello che hai tu a disposizione quindi per un costo di 40/60 euro anno è un’ottima scelta almeno per iniziare…!

      Visto che (fortunatamente) hai specificato che per il futuro si potrebbe prevedere anche una sezione shop ti consiglio netsons business per quel costo è ottimo.

      In ogni caso, se scegli netsons, non ti preoccupare più di tanto, come ho scritto nell’articolo una della questioni fondamentali è che l’hosting scelto abbia la possibilità di upgrade a pacchetti superiori, cosa che netsons fornisce a ottimi livelli come ad esempio server VPS, dedicati ecc… e anche questi a buoni prezzi!

      In caso, tra qualche mese o qualche anno ti rendessi conto che il pacchetto che hai scelto non è più sufficiente e ti servissero più servizi e/o prestazioni contatti il servizio hosting e chiedi un upgrade.

      Ciao e grazie dei complimenti. 🙂

  100. Grazie per la risposta, se posso approfitto ancora della tua gentilezza e competenza.

    Perché mi dici di lasciar perdere Keliweb? A me aveva fatto un’ottima impressione, risposta ai ticket in massimo 15 minuti e in chat ho sempre trovato qualcuno disponibile a risolvere i miei dubbi e anche le caratteristiche dei pacchetti mi sembrano molto valide anche se forse leggermente più costose degli altri.

    Di Netsons mi spaventano certe recensioni “agghiaccianti” che si trovano su molti siti.

    • Ciao Saverio, anche io sono del tuo avviso, keliweb è molto valido altrimenti non lo avrei inserito nella lista, ti ho consigliato netsons perchè hai specificato che sei disposto a investire 120/euro anno e se confrontiamo il pacchetto nestsons business con quello di keliweb per cms credo sia evidente quale sia il migliore.

      Per le recensioni che hai letto lasciano il tempo che trovano, primo perchè si dovrebbe anche sapere quanta esperienza aveva chi ha messo le mani in varie configurazioni hosting e capire se si è trovato male per incompetenza propria o altro e secondo perchè le recensioni possono essere state rilasciate anche da concorrenti giusto per diffamare…

      …terzo ti posso assicurare che se cerchi bene nel web troverai recensioni negative per ogni hosting consigliato in questo articolo. Se cerchi qualcuno che ti levi completamente i dubbi non lo troverai mai perchè ogni esperienza è personale, io ad esempio ho utilizzato netsons per creare un sito immobiliare per una cliente e fino ad ora non ho riscontrare nessun problema. Tieni sempre presente che stiamo parlando in ogni caso di pacchetti hosting condivisi. Ciao.

  101. Confermo che sul web si parla male di tutti. Credo che il servizio hosting ormai non possa più essere scelto sulla base dei consigli letti in rete. L’ideale sarebbe informarsi in prima persona sulle caratteristiche dei server (proprio dei computer) su cui viene proposto il servizio, ponderandone le caratteristiche di sicurezza e solidità rispetto alle effettive necessità in termini di risorse.

    La tranquillità nasce dalla cognizione di causa e (in questo caso) dall’aprire il pacchetto e guardare bene cosa c’è al suo interno. In questo senso, un acquisto fatto con parsimonia, non guarda al risparmio a parità di servizio offerto “a pacchetto”, ma alla ricerca del miglior rapporto qualità prezzo. Fidarsi va bene, affidarsi molto meno.

    • Salve Teresa, da un certo punto di vista non posso che non essere d’accordo ma il mio punto di vista è anche quello di un buon conoscitore di “funzioni hosting” cioè so la differenza tra un IP condiviso e/o dedicato oppure da un hosting condiviso e dedicato.

      Non fidarsi è sempre la regola base ma se non si ha un minimo di esperienza in questo campo sceglierne uno o un’altro per un neofita è la stessa cosa ecco perchè consiglio che le informazioni in rete vanno lette almeno per capire di “cosa stiamo parlando” poi sta alle singole esigenze trarne il beneficio che serve al proprio scopo/obbiettivo. Ciao.

  102. Ciao, io ho scelto di creare il mio primo sito su GoDaddy, ma prima vorrei un tuo autorevole consiglio. Considerando che non ho alcuna esperienza e che vorrei gestire il sito col cms WordPress (mai usato), secondo te cosa dovrei scegliere tra l’hosting con WordPress gestito (piano basic) e l’hosting Economy?

    La differenza di prezzo è accettabile, a me interessa soprattutto avere la piena gestione del sito o comunque del cms (voglio imparare da zero o quasi). Grazie mille!

    • Ciao Primo, se proprio vuoi utilizzare Godaddy parti con il piano basic una volta che avrai imparato di più sull’argomento hosting e wordpress puoi sempre richiedere degli upgrade a piani superiori.

      Io ti consiglierei di andare su vhosting con il piano “wordpress 01” le qualità più importanti di vhosting le ho già scritte nell’articolo ma principalmente te le consiglio perchè a differenza di Godaddy il pannello di controllo è molto più semplice e intuitivo. Ciao.

  103. Ciao, innanzitutto, come molti, ti ringrazio e faccio i complimenti perché é la prima volta che mi trovo a leggere una pagina così dedicata e di aiuto per i meno ferrati…come me…però, abbi pazienza, ma più leggo e più mi perdo, mi spiego.
    L’ostacolo deriva, come spesso, da un portafoglio sempre più vuoto, quindi dalla necessità di spendere bene, quindi devo guardare cifre raggiungibili, ma che mi facciano ottenere servizi per i quali non pentirsi dopo tre mesi o tre giorni!
    Credo d’aver capito che i punti fondamentali, per chi non ha troppa o nulla dimestichezza con linguaggi di programmazione tipo PHP (conosco solo l’html e css), gestione database e server, siano un servizio full managed, back up giornalieri, ip dedicato e possibilità di upgrade.

    La scelta ricadrebbe fra Godaddy, Siteground (ma il pensiero di dover sempre e solo comunicare in inglese non la digerisco) e Vhosting, visto che é italiano e con data center in Germania….non scarto a priori neppure Netsons, ma non so perché ha qualcosa che non mi convince tra parole e fatti.

    Il problema é che per l’ip dedicato servono un monte di soldi, quindi non ce la faccio e il servizio full managed, non riesco a capire chi, come e dove viene offerto.

    Quello che vorrei creare, é un blog wordpress con il frequente caricamento di articoli, possibile iscrizione alla newsletter (e uno spazio dedicato all’e-commerce, ma in realtà con un collegamento diretto ad un sito esterno dove io prendo solo una percentuale delle vendite), insomma vorrei dedicarmi a scrivere, scrivere e scrivere senza star a “perder” tempo e soprattutto di correr il rischio di far casini e di star in apprensione per capire come e se funziona questo o quello.

    Ad esempio, i pacchetti di vhosting wordpress 02 e 03 come la vedi per le mie esigenze?…se buona, è migliore in altri web hosting citati o meno?

    Ti ringrazio infinitamente per tutte le spiegazioni e per l’eventuale risposta….e mi scuso per quanto scritto e per il disturbo.

    • Salve Francesco, grazie dei complimenti, se hai difficoltà ad affrontare il costo per un IP dedicato lasciare stare i servizi full managed che costerebbero sicuramente molto di più almeno 20/30 euro al mese.

      Come ho scritto nell’articolo, anche se da alcuni commenti che ricevo sembra non sia riuscito a farlo capire, stiamo parlando di hosting condivisi quindi a parte qualche differenza sui servizi inclusi non ci sono queste grandi differenze a livello di qualità, il livello è sempre più o meno quello.

      Se hai pochi soldi da spendere non hai nemmeno una cosi ampia scelta e c’è poco da fare, se ti dicessi che quel hosting è il migliore di tutti ma costa 200 euro all’anno lo acquisteresti ? Su vhosting il pacchetto wordpress 02 va più che bene per iniziare. Ciao

  104. Ciao, grazie mille davvero per la risposta.
    Avevo capito che si parla di server condivisi, ma visto che consigli un IP dedicato e non autogestito (cosa che preferirei per i motivi suddetti), ho fatto la domanda. Quindi pur tenendo l’hosting sopracitato per buono, essendo uno che vede sempre speranza, per le mie esigenze, hai un consiglio stando intorno alla cifra da te scritta?…

    E poi ultima curiosità, poi giuro che torno solo per ringraziarti, conviene prender un host e scaricare wordpress da soli o fare l’acquisto dell’esempio sopra?… Grazie infinite ancora…

    • Ciao Francesco, per un servizio hosting autogestito quindi full managed io ti consiglio senza ombra di dubbio le promo di flamenetworks.com per i server VPS, primo perchè lo utilizzo con due dei miei clienti e secondo perchè a quei prezzi offerti ti posso garantire non troverai niente sul web, per il piano “Smart” il prezzo è addirittura di 129 euro all’anno.

      Per la seconda domanda dovresti specificarmi meglio cosa intendi. Ciao.

  105. Sei stato davvero gentile, spero di poter contraccambiare…..prenderò in esame entrambe le soluzioni (vhosting wordpress 02 ed il piano smart) e conti alla mano, farò la scelta, anche se è ovvio che la seconda, è quella che mi attira maggiormente.

    Nella seconda domanda, volevo solo capire, se prendere un pacchetto con wordpress già installato, come ad esempio quello di vhosting è semplicemente una questione di comodità per aver già tutto pronto in tavola, o se c’è anche qualche altro vantaggio.
    Tutto qui, ma non disturbarti a rispondere, era solo una curiosità. Ti ringrazio davvero moltissimo per la guida, le risposte e la pazienza!….grazie!

    • Ciao Francesco, non c’è nessun “wordpress già installato” come in quasi la totalità dei servizi hosting viene fornito un servizio di wordpress PREinstallato cioè uno script che fornisce la possibilità di installare wordpress con dei semplici passaggi. Ciao buon lavoro

  106. Ciao, ho letto il tuo articolo e l’ho trovato davvero interessante ed esaustivo. Vorrei quindi approfittarne per chiedere un tuo consiglio.

    Ho un sito personale piccolo, con poco traffico e non remunerativo. Mi appoggio, anche per il dominio, ad un hosting condiviso con cui mi sono trovata sempre benissimo, senonché adesso ho necessità di un upgrade giacché lo spazio disco, nonostante l’esiguità del sito (poche immagini e molto testo), ha quasi raggiunto il limite di 1 GB.

    A questo punto i conti non mi tornano più, nel senso che un upgrade si fa troppo dispendioso (arrivo ai 50 iva inclusa, non son tanti ma attualmente per me son troppi), e sto cercando una soluzione alternativa, meno costosa ma comunque valida. È un sito a cui tengo, ho pochi lettori ma affezionati, non uso nemmeno i social network, ma è uno spazio che voglio curare.

    Ti chiedo pertanto se a tuo avviso è possibile una scelta dignitosa tra questa rosa di offerte: pop.it, cheweb, vivahosting, 1 dollar web hosting.

    Vorrei inoltre sapere se a tuo avviso è meglio trasferire dominio e sito sullo stesso provider, o tenerli separati. Ti ringrazio!

    • Salve Alex, dovrei capire che hosting utilizzi attualmente ma comunque guardando i servizi offerti tra vivahosting e cheweb sicuramente vivahosting è migliore ed il prezzo è anche inferiore ma per il pacchetto con il prezzo più conveniente offre solo 1 GB di spazio quindi…, io personalmente consiglierei cheweb (gruppo Aziende Italia S.r.l.) ha i server in Italia e offre 3 GB per 20 euro/anno. Ciao.

  107. ciao, molto interessante il tuo articolo. Io per un blog di poche pretese ho usato Hosting99 e non ho mai avuto problemi ( a parte lo spazio). Ora dovrei creare un progetto WP con qualche peculiarità in più, per questo ti chiedo:

    – in questo blog si dovranno inserire parecchie foto (una sorta di sito di arte) pertanto come valutare di quanto spazio si ha bisogno? oppure si dovra pensare di inserire le immagini su siti esterni (tipo pinterest) e poi linkarle sul sito?

    – la proprietà del sito a chi appartiene? se io chiudo il blog come mi esporto l’intero sito “sul mio pc” (per poi magari riattivarlo da altra parte? grazie

    • Salve Simone, fino a quando usate hosting da 30 euro hanno avrete sempre problemi di spazio. Per valutare quanto spazio si ha bisogno basterebbe sapere indicativamente quante foto si dovranno caricare. Proprietà del sito ???

  108. Ciao, complimenti e tante grazie per il tuo articolo. Vorrei chiederti come posizioneresti in una classifica questi 4: One.com, Hostinger.it, Aruba e Tophost. Qual’è il più veloce e in generale il migliore, secondo te, per metterci un sito wordpress? Grazie

    • Ciao Tony, grazie dei complimenti, se hai letto l’articolo forse ti è sfuggito il passaggio dove scrivo che per un sito veloce in fase caricamento il fattore determinate NON è semplicemente la scelta di un hosting particolare e che stiamo parlando di hosting condivisi.

      Inoltre prima di capire che hosting utilizzare e/o consigliare scrivo che bisognerebbe prima sapere che sito devo realizzare, per gli hosting che mi hai segnalato personalmente non utilizzerei nessuno…se avessi una pistola puntata alla testa e dovessi sceglierne uno mi farei sparare

      Se hai qualche soldo in più da spendere prendi in considerazione flamenetworks.com alla sezione offerte speciali trovi hosting VPS autogestiti a 200 euro/anno ma ripeto un consiglio per un servizio hosting senza sapere di che sito stiamo parlando lascia il tempo che trova…! Ciao.

  109. Ciao, buongiorno e grazie mille delle tue preziose informazioni.

    Ho un sito (il link inserito nel form) fatto alcuni anni fa con una cs3, è ben indicizzato per la sua “fettina” di mercato, è abbastanza visitato e non ho problemi particolari, ma mi piacerebbe rifarlo responsive e in wordpress per evitare di continuare a smanettare su html non essendo del mestiere.

    Il mio sito è già su aruba, quindi volevo chiederti,a questo punto mi conviene lasciarlo su aruba o trasferirlo su uno dei consigliati in Italia es.: netson o keliweb, nel caso lo lasci su aruba posso installare WP ed iniziare a lavorare sul nuovo lasciando il vecchio sito online fino alla pubblicazione, oppure devo farmelo prima in locale e poi metterlo su? e per quanto riguarda l’indicizzazione? scusa per le molte domande e grazie per l’attenzione. Massimo.

    • Salve Massimo, diciamo prima di tutto che aruba è abbastanza ostico da usare quindi se puoi prendere in considerazione di cambiarlo è una buona cosa. In ogni caso lasciandolo su aruba o cambiando hosting io ti consiglierei, invece di lavorare in locale di creare il sito nuovo in un sotto dominio, finito tutto quello che devi fare è molto più semplice e veloce spostare il nuovo sito in sostituzione al vecchio.

      Per l’indicizzazione basta prestare attenzione alla struttura dei permalink del vecchio sito ricreandola uguale per il nuovo sito, nel tuo caso aggiungendo anche l’estensione finale .html alla struttura. Ciao.

  110. Ciao, non posso fare altro che farti anche io i miei complimenti, leggere i tuoi articoli è estremamente illuminante. Sto per creare il mio primo sito con wordpress e le tue guide sono davvero molto utili. Ad ora la mia unica esperienza è stata con Wix, quindi nulla di paragonabile.
    Il sito che andrò a creare sarà composto da molte pagine, ricche di articoli ed immagini, con continui rimandi ai vari social. Il sito verrà visitato principalmente da utenze italiane e, anche se l’inglese lo mastico abbastanza, preferirei usare un hosting che parla italiano.
    Certo, come tutti vorrei spendere il meno possibile, ma allo stesso tempo non sto giocando troppo al ribasso. Vorrei iniziare fin da subito “come si deve”. Stavo pensando ad uno di questi abbonamenti annuali: Web Hosting Professionale Gold della Flamenetworks; WordPress 03 della Vhosting; Basic 01 della Vhosting; KeliCMS di KeliWeb. Posso chiederti un consigli al riguardo? Budget diciamo max 200. Grazie anticipatamente, Marco

    • Ciao Marco, grazie mille dei complimenti! Con il budget che mi segnali ti consiglio di prendere assolutamente in considerazione un servizi vps dedicato autogestito, puoi leggere l’articolo dove consiglio e parlo di hosting vps dedicato dove attualmente flamenetworks vende in promozione pacchetti di hosting vps dedicati completamente autogestiti a 200 euro/anno (pacchetto premium). Ciao.

  111. Grazie mille per questo consiglio, credo proprio che farò questo abbonamento. Non ho capito se c’è la versione pre-caridata di WordPress o no, ma comunque ottimo. Grazie ancora, Marco.

    • Salve Marco, si è un’ottima possibilità, ti posso garantire che a quei prezzi e con quelle funzioni non trovi niente di meglio e ovviamente si, c’è lo script per installare wordpress…ci mancherebbe 🙂

  112. Ciao, e grazie per questi articoli! Scusa la mia domanda da totale neofita: poiché al momento non sono ancora pronto ad andare online, vorrei soltanto registrare il nome dominio che ho in mente per il mio futuro sito in modo che nessuno me lo “rubi”…ma ho visto che nella maggior parte dei casi il pacchetto comprende anche l’hosting: è possibile registrare il dominio tramite un’azienda qualsiasi e poi, nel momento in cui comprerò anche l’hosting, specificare di avere già un nome dominio? o devo necessariamente registrarlo presso l’azienda da cui comprerò anche l’hosting?

    Eventualmente mi potresti consigliare qualche sito su cui comprare soltanto il nome? (spendendo il meno possibile, poiché appunto mi interessa soltanto “bloccare” il nome) Grazie mille se mi potrai rispondere.

    • Salve Stefano, è possibile registrare un nome dominio per “bloccare” il nome poi in seguito ci sono due possibilità, una è quella di acquistare il servizio hosting segnalando che hai già un nome dominio e lo vuoi spostare, l’altra è utilizzare e impostare i DNS del nome dominio per fare in modo di utilizzare il servizio hosting desiderato pur continuando ad avere il nome dominio registrato da un’altra parte.

      Per registrare un nome dominio ti basta fare una ricerca su google per trovare aziende che permettono la registrazione di nomi dominio, io di solito uso misterdomain.eu al prezzo di 5 euro/anno per nome dominio. Ciao.

  113. Articolo veramente esaustivo e molto utile. E’ vero un hosting rispetto ad un altro non credo faccia queste enormi differenze in termini di visitatori, ma certamente sceglierne uno ottimizzato, fluido e veloce per il blog o il sito che si va a creare, rende l’esperienza utente migliore.

  114. Ciao, sono capitato qui per caso e mi sono letto attentamente tutto quanto.Da pochissimo tempo mi sto barcamenando su wordpress e dove un iniziale mese in wordpress.com dove ho creato solo una struttura di blog, sto gia pensando, proprio per i limiti di wp.com, di passare, prima ancora di rendere tutto attivo, a wp.org con conseguente acquisto di un hosting.Il mio progetto vorrebbe essere rivolto a un pubblico italiano, con inserimento di articoli, immagini e avere anche qualche possibilità di inserire qualche elemento grafico che possa rendere il tutto molto gradevole.Da un mesetto sto leggendo praticamente tutte quasi le guide che ci sono sul web su wordpress e i vari hosting.Il 90% di “voi guide” mette al primo posto siteground come hosting.

    Il mio budget e’ di 50-60 euro, almeno per questo primo anno, poi si vedra’ dove riusciro’ ad arrivare.Pensi che siteground per il mio caso possa essere ok? E poi una domanda:L’influenza degli hosting sull’indicizzazione nei motori di ricerca, sulla visibilita’ in essi, che percentuale ha? Ho letto che con l’host di siteground si parte gia da una buona considerazione su google per esempio.
    Che tipo di profilo mi consiglieresti? Sono assolutamente indeciso e la scelta dell’hosting la devo fare in tempi brevi. Grazie saluti Maurizio.

    • Salve Maurizio, se hai letto tutto l’articolo dovresti anche aver letto che stiamo parlando di hosting condivisi e in fatto di “qualità” non si differenziano di molto, quello che hai letto cioè che l’hosting influenza l’indicizzazione è una balla colossale, ancora più grande è la balla sul fatto che scegliendo un hosting piuttosto che un’altro “si parta già da una buona considerazione su google”.

      Sicuramente un hosting molto performante aiuta la velocità di caricamento del sito ma da qui a dire che google preferirà un sito qualche secondo più veloce rispetto ad un’altro ma che magari ha dei contenuti molto più di valore ci passa un abisso… ma per hosting performanti parliamo di hosting VPS/dedicati non di certo servizi da 50/100 euro anno.

      Se hai un budget così ridotto, almeno inizialmente lascia stare siteground e scegli v-hosting. Netsons ha disponibile un pacchetto con costi ancora più ridotti per iniziare a 18/20 euro anno ma io personalmente ti consiglierei v-hosting. Ciao.

  115. Grazie Della veloce risposta, molto apprezzata. Altre 2-3 domande avrei da porvi:ho visto Su piani tariffari di v-hosting I profili WP 01 e WP 02. lo 01 a 40 euro(credo +IVA), l’altro a 55.la differenza è nello spazio disponibile(5120 anzichè 3072 Mb)?.cosa mi consigliereste per uno come me che inizia Ora a costruire con la speranza di aumentare nell’arco del primo anno? Inoltre che differenze CI sono tra le tariffe citate sopra di v-hosting e Il piano start up di siteground a 3,95eu/mese cioè 47,4 per un anno(per Il primo anno poi raddoppia). Il costo di v-hosting sarà anch’esso per Il secondo anno? non è indicato.grazie.

    • Salve Maurizio, per la prima domanda la risposta è si, la differenza di prezzo è dovuto solo dallo spazio disponibile. Le differenze sostanziali tra i pacchetti v-hosting e lo startup di siteground è che i primi non limitano il numero dei visitatori/mese mentre il pacchetto startup si, lo spazio web ed il costo che per siteground dopo il primo anno passa a più del doppio mentre per v-hosting resta sempre lo stesso.

      Come ho scritto anche nell’articolo, se siete agli inizi e non avete ancora ben chiari gli eventuali sviluppi non c’è molto da preoccuparsi, scegliere un servizio hosting piuttosto che un’altro non ha queste grandi complicazioni che implicano una scelta che dura dei mesi, stiamo parlando di una spesa di 50/100 euro anno. Ciao.

  116. salve, ricollegandomi alle vostra risposta del 4 marzo alle 9.59, avendo esaminato un po’ tutto riguardo alle tariffe degli hosting vorrei porre un’ultima domanda: che differenza c’e’ tra i piani low cost di v-hosting e quelli per wordpress( es il wp01 o wp 02)?

    Riesco poi a installare wordpress con la stessa facilita’ dei piani dedicati o quelli low cost presuppongono conoscenze un po’ piu’ approfondite per gestire il tutto? Credo di aver capito che in quelli low cost non c’e’ il Cpanel che sembra essere elementi quasi decisivo specie per chi come me non ha dimestichezza alcuna o quasi. Altra domanda: due miei amici hanno blog con hosting aruba, loro dicono di trovarsi bene. Perche’ invece leggo da piu’ parti riguardo alla non completa affidabilita’ di aruba? Su cosa esattamente ritenete aruba di un livello inferiore rispetto a v-hosting o anche al piu’ famoso Siteground? grazie per una vostra risposta.

    • Salve Maurizio, per la prima domanda ti ho già risposto al commento precedente dove hai già chiesto la stessa cosa. Se scegli un hosting low cost che non ha un pannello di controllo ad esempio “Cpanel” dovrai preoccuparti di saper installare wordpress manualmente cioè caricando i file via FTP e installare wordpress da browser, sicuramente il Cpanel non un elemento decisivo se sai arrangiarti in altri modi ma avere un pannello di controllo facilità di molto la gestione del sito e fa risparmiare molto tempo.

      Per quanto riguarda Aruba avendo avuto la sfortuna di doverci lavorare non parliamo di affidabilità del servizio hosting ma di praticità nel suo utilizzo, io stesso pur avendo molta esperienza quando mi ritrovo a dover gestire un sito su Aruba mi vien da piangere… è abbastanza ostico e non di facile comprensione.

      Per quanto riguarda l’ultima domanda posso dirti che principalmente sia v-hosting che siteground oltre ad essere dotati tutti e due di pannello di controllo hanno un sistema pre configurato di super cache che basta attivare per ottimizzare la velocità di caricamento del sito, molto utile soprattutto per persone con poca esperienza che non saprebbero da dove iniziare per ottimizzare un sito in fatto di velocità di caricamento. Ciao.

  117. Grazie Della risposta.Trovo I vostri interventi davvero di Grande aiuto.un’ultima domanda per Il momento: Cpanel e Plesk sono simili o l’uno e’piu’ “facilitators” dell’altro?

    • Sono più o meno uguali a parte qualche insignificante differenza. Ciao.

  118. Ciao,
    ti volevo chiedere invece di OVH cosa ne pensi?

    • Salve Ann, ho avuto modo di utilizzarlo con un sito di un cliente che utilizzava OVH e personalmente lo lascerei perdere esistono soluzioni hosting con caratteristiche migliori. Saluti.

  119. Perchè consigli di siteground growbig già dalla fase iniziale?

    • Ciao Alex, principalmente per tre motivi molto importanti, il primo perché è multi dominio quindi puoi gestire più nomi dominio, il secondo perché ha la funzione di “super cache” apposita per wordpress e il terzo perché è inclusa la funzione di backup e servizio di ripristino, questo ovviamente per chi non ha molta pratica nell’utilizzo di wordpress io per il caching del sito e del backup provvedo personalmente in modo manuale. Ciao.

  120. Ciao,
    avrei intenzione di acquistare un pacchetto hosting per il mio “futuro sito web”. Ho già costruito la mia pagina web in “locale” con wordpress e leggendo il vostro articolo sarei intenzionato di optare per Vhosting. Navigando per quest’ultimo sito ho potuto notare che c’è un piano “personal” ed uno più specifico per “wordpress”.

    La mia domanda, forse è un po sciocca, è…mi sapete spiegare brevemente quale differenza c’è nelle due configurazioni. Avendo già costruito il mio sito in locale è sufficiente la configurazione “personal 2”? Grazie.

    • Salve Daniele, principalmente i due fattori differenti importanti sono che con il pacchetto wordpress 01 hai 3 GB di spazio e un sistema di caching (Varnish Cache/MemCached) per poter velocizzare il caricamento del sito, mentre con il pacchetto personal 02 hai 2GB di spazio e sistema di caching PHP xCache/opCache.

      Per una differenza minima di 25 euro/anno ti consiglierei di scegliere il pacchetto wordpress 02, per il pacchetto wordpress 01 lo spazio di 2GB sarebbe un po’ poco. ciao.

  121. Ciao a tutti, mi servirebbe un consiglio per un Hosting molto sicuro, possibilmente con assistenza in italiano e Server allocati in Italia. Oltre il solito Aruba e quelli elencati in questo articolo stavo prendendo in considerazione Hostingperte poiché il cliente che mi ha commissionato il sito ha richiesto espressamente garanzie dal punto di vista della sicurezza ed avendo letto pareri positivi su SiteLock la mia scelta è caduta su hostingperte che si avvale del servizio in questione. Grazie per eventuali risposte

    • Salve Alessio, nell’articolo che ho scritto non ho inserito l’hosting che hai specificato questo dettato da una mia esperienza quasi ventennale ma se per il cliente l’unico fattore importante è la sicurezza gli puoi dire benissimo che va bene qualsiasi servizio hosting condiviso.

      Se hai letto bene l’articolo stiamo parlando di hosting CONDIVISI (cosi anche per hostingperte) se c’è ancora qualcuno che pensa che al costo di 60 euro/anno per un hosting come hostingperte oppure un servizio sempre a 60 euro/anno di vhosting abbiano delle differenze in fatto di sicurezza è libero di continuare a crederlo.

      Se invece su hostingperte il cliente si riferisce ad un Cloud VPS oppure ad un server dedicato il discorso è diverso. Ciao.

  122. Grazie per la sua risposta, sono entrato in confusione totale quindi ho deciso di chiamare diversi fornitori tra cui hostingperte.it, il loro supporto tecnico mi è sembrato più esauriente parlandomi di diversi sistemi di sicurezza per i cms già presenti lato server, onestamente non sono un tecnico e non conosco in maniera approfondita le teminologie comunque hanno parlato di ModSecurity, firewall hardware, antivirus sia sull’fpt con scan notturno ed ovviamente il sitelock a pagamento.
    Buona Giornata.

    • Salve Alessio, sono cose di “normale” amministrazione che tutti dicono e ovviamente non avrebbero potuto dirti il contrario, se cerchi informazioni in altri siti e/o da qualcuno che ha più esperienza di te ma poi fai tutto il contrario sei liberissimo di farlo ma questo vuol dire o che ti ritieni molto più esperto di altri o che stai andando a “sensazione”. In ogni caso in bocca al lupo per il tuo progetto. Ciao.

  123. Ciao, finalmente un articolo che spiega le cose per bene anche per chi non è esperto in materia! c’è una cosa però che ancora non mi è chiara e chiedo scusa anticipatamente se dovesse essere una domanda “sciocca”, il sito stesso di wordpress offre dei piani (personal, premium, business)che non hanno necessità di essere affiancati da un altro host web, quindi perchè rivolgersi ad un servizio di hosting esterno se già wordpress offre un suo hosting (che tecnicamente dovrebbe già essere pensato su misura)?

    Ad esempio è possibile apportare delle modifiche al css dei temi solo a partire dal piano wordpress premium..immagino quindi che affidandosi ad un hosting esterno non sia possibile modificare il css dei temi preimpostati, o sbaglio?
    Hosting scelto e piani di wordpress possono essere due cose separate eventualmente da integrare?

    grazie se riuscirai a chiarire questi miei dubbi e per tutte le informazioni che ci metti a disposizione.

    • Ciao Rafeari, è un po’ difficile spiegarti tutto, per la tua prima domanda sicuramente il servizio hosting messo a disposizione da wordpress.com è “pensato su misura” ma se ci sono persone che utilizzano hosting diversi c’è un motivo sicuramente. Il primo fra tutti è che se utilizzi il servizio di wordpress.com il server è locato in America quindi non molto consigliato se il tuo target di utenti è italiano.

      L’altro motivo si ricollega alla tua seconda questione di poter modificare il css di un tema, che è l’esatto contrario di quello che pensi cioè utilizzando il servizio di wordpress.com pur acquistando il servizio premium non potrai fare tutto quello che invece potresti fare con un servizio hosting che possiamo definire in parole semplici “libero”.

      Acquistando un servizio hosting puoi fare tutto quello che vuoi e che non saranno possibili utilizzando il servizio di wordpress.com, come modificare file di qualsiasi cosa, puoi installare qualsiasi plugin tu voglia, puoi agire sul database che viene utilizzato da wordpress per far funzionare il sito e molte altre cose.

      Molte persone si rendono conto di queste limitazioni troppo tardi e sono state costrette anche a rifare tutto da capo in un’altro servizio hosting, quindi io ti consiglio vivamente se vuoi aprire un sito/blog di acquistare un servizio hosting. Spero di averti chiarito meglio la situazione.

      Ciao e grazie mille dei complimenti.

  124. Salve, ho apprezzato molto il suo articolo per la chiarezza e la qualità delle informazioni.
    Posso chiederle perché consiglia la versione GrowBig anzichè StartUp di SiteGround?

    La differenza, a livello di costi, è abbastanza consistente…Vorrei aprire un blog che mi permetta, in un secondo momento, di offrire un servizio di
    consulenza on line e non so ancora bene quale pacchetto scegliere. Grazie molte.

    • Salve Manuela, grazie dei complimenti. Suggerisco il pacchetto GrowBig perchè come puoi leggere, nelle opzioni offerte ci sono funzioni che nel pacchetto più economico dello StartUp mancano, ad esempio la funzione di cache automatica per velocizzare meglio il sito poi in particolare il servizio GrowBig fornisce un sistema di backup del sito migliore…

      Ma comunque per iniziare e se vuoi risparmiare qualcosa va benissimo anche il pacchetto StartUp, poi in un secondo momento se ti accorgi che vuoi funzioni maggiori e il sito si ingrandisce basta chiedere un upgrade e passerai al pacchetto GrowBig senza problemi. Ciao.

  125. Grazie Fausto, molto gentile!

  126. Ciao Fausto, torno a scrivere e chiedere consigli nel mio blog preferito.. Si tratta di DNS.
    Sono passato a siteground, e devo dire che sono straordinari. Tutto ok, con CPanel, database, email, ecc ma sono bloccato sui DNS. Anche perché non è semplice correggere gli errori. Non mi è chiaro dove trovarli e come cercarli in base alle mie esigenze.
    Che aiuto puoi darmi?

    • Ciao Paolo, non hai specificato le tue “esigenze” comunque la zona DNS la trovi nel Cpanel nel primo riquadro che trovi che si chiama “domains” trovi Simple DNS Zone Editor e Advanced DNS Zone Editor. In ogni caso se non sei un po’ pratico di impostazioni DNS ti consiglierei di usufruire di un’altro ottimo servizio di siteground che non ha nessuno cioè l’assistenza immediata online via chat. Ciao. 😊

Lascia un commento